Un anno di Filadelfia: ma il nuovo Presidente della Fondazione manca ancora

Un anno dopo l’inaugurazione e le dimissioni di Salvadori, annunciate e poi arrivate a luglio, la Fondazione Filadelfia aspetta ancora la nomina del Presidente da parte del Comune di Torino

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani

Nel giorno dell’anniversario del tempio granata, si tirano le prime somme su un’opera desiderata per anni da tutto il popolo granata. E bisogna amaramente ammettere che nonostante tutto, la verità è che lo Stadio Filadelfia è stato punto di aggregazione ma in misura inferiore rispetto a quanto tutti si aspettassero. Una delle cause è sicuramente l’incompiutezza dell’opera che necessita ancora della realizzazione del secondo e del terzo lotto, stando al progetto originario, e per questo non aiuta l’assenza di un Presidente con pieni poteri nell’organigramma della Fondazione. La vicenda si trascina da quando, a luglio, Cesare Salvadori, che aveva anticipato le proprie dimissioni ancora prima, si è dimesso ufficialmente una volta trovato l’accordo per l’affitto con il Torino FC. 

LEGGI – Il Filadelfia, la Casa del Toro non sfruttata abbastanza

LA SITUAZIONE – Nonostante la Fondazione sia stabile dal punto di vista gestionale ed economico, visto che il secondo lotto sarebbe già finanziabile, è ovvio che l’operato sia notevolmente rallentato dall’assenza di un Presidente con pieni poteri. La procedura per realizzare il secondo lotto è tutta da definire mentre per il terzo lotto non ci sono ancora i fondi. La nomina spetta al Comune di Torino che però non ha ancora provveduto: il bando per le candidature è stato chiuso il 16 aprile e ad oggi non ci sono ancora novità. Ciò fa pensare che le candidature non siano ritenute valide o in alternativa che l’ente stia tardando per motivi non precisati nel prendere la propria decisione. Nel frattempo c’è anche stata la querelle legata al Consigliere Comunale del Movimento 5 Stelle, Marco Chessa che solo dopo essere stato annunciato come nuovo Presidente della Fondazione, si è scoperto incompatibile e si è quindi ritirato. A questo punto, il CdA per approvare il bilancio per il 2017, che stava aspettando la nomina del Comune dovrebbe riunirsi comunque, con Serino Rampanti (vice-presidente della Fondazione) a fare le veci di un Presidente che, dopo un anno, non c’è.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CUORE GRANATA 44 - 3 anni fa

    Ringrazio la Redazione per l’ articolo che mantiene viva l’attenzione su questo argomento.Ma anche la pazienza dovrebbe avere un limite! Come si può continuare a tollerare questo atteggiamento omissivo da parte del Comune? Torino Fc è nella Fondazione Filadelfia con la Fondazione Mamma Cairo e quindi lo stesso Cairo dovrebbe prendere posizione pubblicamente,gli “strumenti” non gli mancano di certo. Perché finora non l’ha fatto?Questa è la domanda delle domande!Teme forse di irritare la Sindaca gobba contigua alla oligarchia sabauda alla quale il Pres.evidentemente per opportunismo non intende pestare i piedi! Che a Cairo del Toro,della sua storia, delle sue radici e di noi tifosi importi molto poco o nulla è ormai acclarato tuttavia nella sua veste di Presidente dovrebbe avere almeno un sussulto di dignità e porre in essere un’iniziativa che abbia almeno una parvenza di granata.Proseguendo con il persistente silenzio da “convitato di pietra”sarebbe la conferma che non ha alcuna intenzione di completare “LA CASA” e continuare con Torino fc “canna al vento” provvisoria.Con queste premesse parlare di mercato, obiettivi o quant’altro è “oppio” per blandire la piazza. Questa Società,per come la vedo io,continuerà ad avere un anonimo presente prodromico alla sua lenta ma ineluttabile scomparsa.FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-1007904 - 3 anni fa

    Se solo fosse successo ai cugini, il presidente ci sarebbe da mesi….grazie, come sempre, della considerazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sempre_toro - 3 anni fa

      Le istituzione sono GOBBE e sono i fatti a dirlo.

      Sperare che siano imparziali e si prodighino per il bene sportivo della città è pura utopia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gud_74 - 3 anni fa

    Grande efficienza da parte del comune!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy