Tuttosport: “Portiamo Cairo in tribunale”

Tuttosport: “Portiamo Cairo in tribunale”

Rassegna Stampa / Le pagine in edicola quest’oggi dedicate al Toro

di Redazione Toro News

É sempre più “Caso Primavera”. L’avvocato Pierluigi Marengo, rappresentate legale delle famiglie presenti in curva Maratona in quel Torino-Inter dello scorso 23 Novembre, annuncia l’intenzione di voler portare il Presidente Cairo in tribunale. La richiesta dei danni però sarà di scarso peso economico: il punto focale deve essere la sicurezza delle famiglie. È stata poi accantonata l’ipotesi di una “class action” all’americana, in modo da potersi concentrare sulle singole situazioni. Chiunque si ritenga parte lesa, avrà così la possibilità di muovere causa al Torino entro i 5 anni previsti per la prescrizione. Maggiori dettagli nell’edizione odierna del quotidiano in edicola oggi.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Michele Nicastri - 8 mesi fa

    In un mondo normale sono quelli che vanno allo stadio con spranghe, bombe carta e la voglia di fare a botte che mettono a rischio la sicurezza, non chi vende i biglietti.
    In un mondo normale i facinorosi allo stadio non vanno perché non trovano terreno fertile per sfogare le loro frustrazioni.
    In un mondo normale i tifosi delle due squadre possono entrare mescolati in tutti i settori, godersi la partita e poi andare insieme al pub.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

      In un mondo normale un questore non fa esperimenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Maroso - 8 mesi fa

    “Il punto focale sarà la sicurezza delle famiglie”: se così fosse veramente sarebbe una causa da abbracciare stretta. Invece ho il dubbio di sentire puzza di bruciato, puzza di “retorica e demagogia” in tutta questa faccenda.
    Ho passato 40 anni ad occuparmi di sicurezza (safety) ma ho sempre evitato strumentalizzazioni di sorta né a pretesti demagogici. Nell’ articolo del giornale compaiono affermazioni dell’Avv. Marengo come:
    1) la respondabilità nei fatti del 23/11/2019 sarebbe del Torino FC,(quindi non dirette di Cairo, le cui responsabilità, personali, sarebbero allora tutte da supporre e accertare). Titolo dell’articolo è “PORTIAMO CAIRO IN TRIBUNALE”: mentre avrebbero dovuto dire PORTIAMO IL TORINO IN TRIBUNALE. Il titolo è virgolettato: sono parole sue Avv. Marengo? O forse mi sbaglio? Oppure si è sbagliato il giornalista?
    2) Esprime la propria opinione in merito alla contestazione ed alla spaccatura nella tifoseria, adducendo le responsabilità a Cairo, in forma allusiva ed esplicita: “Il Torino di Cairo ha travisato i valori granata più tradizionali e amati dalla gente, le loro aspettative…..” Usciamo dal vago: Quali sono questi valori, secondo lei, ce li spiega per favore?
    3) Ribadisce quanto già espresso nel suo libro in merito al prezzo di acquisto del Torino da parte di Cairo. Riflessione: Il prezzo fu basso, ma chi altri c’era a voler comprare il Torino? Inoltre il prezzo chi lo fissò e il valore del Torino in quel momento quale era??
    In conclusione temo che ci troviamo di fronte all’ ennesimo polverone di chi parla di sicurezza (e avrebbe senza dubbio ragione a farlo) mentre i suoi obiettivi probabilmente sono ben altri.
    Avv. “Lodista”, tutti i tifosi le sono grati per quello che lei ha fatto per il Torino, ma se vuole farsi paladino della sicurezza degli stadi, perché dare l’impressione (o mi sbaglio?) di aver l’obiettivo non tanto della sicurezza, quanto di nuocere a Cairo? Forse che sta cercando un amalgama per i tifosi? Forse che sta cercando altri metodi di contestazione? Forse che sta preparando il terreno a qualcuno? Prego avvocato, ci faccia capire, ma non dalle pagine di un quoridiano. Faccia una bella rubrica, come fece per raccontare i contenuti del suo libro, e ci racconti qui chiaramente quali sono i suoi obiettivi. Magari io non ho capito nulla. Magari qualcuno potrebbe darle retta, potrebbe essere d’accordo con lei. Non me ne voglia Avvocato, ma qui, prima di tutto c’è bisogno di chiarezza, nessuno vuole pescare nel torbido. C’è bisogno di unità di intenti. E mi risulta che lei l’avesse già capito quando aveva in testa tutta un altra organizzazione societaria rispetto a quella che il Toro diventò (nel suo libro lei parla di Azionariato Popolare, vero?).
    Ciao a Tutti.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maroso - 8 mesi fa

      Al di là del merito del mio precedente post che si può riassumere con “demagogia e retorica sulla sicurezza con fini da accertare”, tengo a precisare che ritengo molto grave che delle persone ignare di un presunto, o dichiarato tale, esperimento, si siano trovate in mezzo ad una guerriglia urbana in uno spazio ristretto e con le vie di esodo parzialmente ostruite. Questo è intollerabile in un luogo di pubblico spettacolo. Le vere responsabilità penali, più che civili, dovranno essere accertate, spero che la Magistratura apra un fascicolo, proprio a Torino, così come lo sono state per i fatti di P.za S.Carlo, altro che siamo in Italia, luogo comune. Questa è la mia opinione in merito alla sicurezza, e soltanto su quella.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. DenisLaw - 8 mesi fa

    Credo che con la giustizia e il potere che abbiamo in Italia non si riuscirà a ottenere granchè ma è giusto farlo e doveroso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. VM70 - 8 mesi fa

    Presenti in curva Primavera, redazione, da noi in Maratona si sta benissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy