A Stoccolma il Torino sorride: la strada è quella giusta

A Stoccolma il Torino sorride: la strada è quella giusta

Europa League, Brommapojkarna – Torino 0-3 / L’analisi a mente fredda: solo buoni segnali dalla prova dei granata di Ventura alla Tele2 Arena

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

 

Aveva molto da perdere ieri, il Toro di Ventura, in una partita che non è un’esagerazione definire storica. Certo, c’erano la condizione fisica non ancora al top, l’assenza di alcuni fra i migliori giocatori della squadra e la disabitudine al terreno sintetico, che si sapeva sarebbero stati fattori da prendere in considerazione, ma più di tutto a rendere insidiosa la partita contro il Brommapojkarna era la pressione di “dover” vincere contro una squadra chiaramente inferiore. Una falsa partenza sarebbe stata dura da digerire e difficile da spiegare ad un ambiente che aveva cerchiato in rosso la data del 31 luglio sul calendario da parecchio tempo.

E’ proprio da questo punto di vista che il Torino ha dato le migliori risposte: l’approccio mentale alla gara è stata da squadra vera e così la gestione del match. “Noi si deve scendere in campo con lo stesso spirito, non importa se dall’altra parte c’è il Brommapojkarna o il Milan”, ha detto Ventura nel post-partita di ieri; e la partita ha dimostrato che il messaggio è stato ricevuto. E così per tutto il match, pur giocando prevedibilmente un po’ sottoritmo, il Toro ha fatto precisamente quel che doveva, gestendo la partita a proprio piacimento e ottenendo, senza grandi sforzi, un risultato che avrebbe potuto essere anche ben più largo. La piccola macchia del rigore causato da un errore di deconcentrazione di Vives e Padelli non basta a far cambiare il giudizio positivo sulla partita dei granata.

Missione compiuta per Ventura e i suoi ragazzi, allora, con la consapevolezza che ancora c’è da lavorare per portare tutti gli elementi della rosa al top e far correre la squadra a pieno regime, ma anche con la convinzione che la strada è quella giusta. Il 3-5-2 è sempre una sicurezza, Molinaro e Nocerino sono gli acquisti giusti nel posto giusto, Larrondo e Barreto sono pronti a farsi valere, conosci che il loro contributo alla squadra sarà un elemento chiave per l’annata del Toro. Dalla Tele2 Arena arrivano molti buoni segnali che possono rendere ottimista il pubblico del Toro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy