Agnelli sapeva dello striscione su Superga. Al suo collaboratore: “Ti sei fatto beccare!”

Agnelli sapeva dello striscione su Superga. Al suo collaboratore: “Ti sei fatto beccare!”

Le carte che emergono dal documento di deferimento della Procura federale parlano chiaro: il presidente bianconero era a conoscenza che il capo della sicurezza interna D’Angelo e l’ultras Bucci introducevano materiale proibito nello Stadium…

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Assume contorni sempre più inquietanti la vicenda che gira intorno al deferimento della procura federale nei confronti di Andrea Agnelli. Oggi, infatti, il sito ilnapolista.it (seguito da “La Repubblica” e da “Il Fatto Quotidiano”) ha pubblicato in esclusiva alcuni stralci del documento della procura, e quel che si legge sull’attuale Presidente bianconero, riguardo la vicenda degli striscioni “contro Superga” durante il derby 2014, fa girare lo stomaco. Le carte della procura esaminate dal sito napoletano riportano come Andrea Agnelli fosse a conoscenza dell’introduzione all’interno dello Juventus Stadium del tristemente celebre striscione “Superga, solo uno schianto”, esposto da una parte di tifosi bianconeri durante il derby del febbraio 2014. Non solo, secondo quanto riportato dalle carte federali, gli striscioni “clandestinamente introdotti, pur nella consapevolezza che la loro esposizione avrebbe comportato una salata ammenda per la Società” furono introdotti, appunto, dal capo della sicurezza della Juventus Alessandro D’Angelo e dal capo ultras Raffaele Bucci, recentemente suicidatosi.

I due introdussero lo striscione all’interno dello stadio per – si legge negli atti –“evitare lo sciopero del tifo ed eventuali ritorsioni nei confronti della propria Società di appartenenza”, con Andrea Agnelli che – come annota il procuratore federale Pecoraro – “era perfettamente a conoscenza dell’introduzione di materiale vietato all’interno dello stadio perché di ciò informato da D’Angelo con il quale risulta intrattenere un rapporto personale di amicizia oltre che rapporti di natura professionale”. Agnelli dunque sapeva, come dimostra per altro la telefonata dello stesso numero 1 bianconero a D’Angelo dopo aver appreso che le telecamere di sicurezza dello Stadium avevano beccato lui e Bucci in flagrante: “Ale (D’Angelo, ndr) sei un ciuccio, ti hanno beccato!”

Ma non solo, Agnelli infatti – sentito dalla procura – incolpa di tutto D’Angelo, ma – come si evince dalle carte e dalle intercettazioni, Agnelli sapeva benissimo dei “compromessi” attuati dal suo amico/dipendente D’Angelo nei confronti della frangia più estrema del tifo bianconero, e non solo non fece nulla per fermarli ma addirittura non allontanò mai queste persone dalla società Juventus. Una storia, dunque, quella svelata dal sito partenopeo, che non lascia troppi spazi ai dubbi e alle perplessità: il Presidente della più ricca e forte squadra italiana sapeva dell’introduzione di striscioni beceri e altamente offensivi all’interno del proprio stadio, con il capo della sicurezza (a quanto pare) incaricato dallo stesso di eseguire l’operazione.

“No a striscioni di tifosi canaglia”, tuonava lo stesso Agnelli davanti alla telecamere dopo quel famoso derby, e arisentire adesso quelle parole, la sensazione è che la figura della canaglia, qui, la stia facendo chi dovrebbe controllare ed assicurarsi che i tifosi presenti nel suo stadio non facessero, appunto, “le canaglie”. Ma quis custodiet ipsos custodes? Chi controlla chi dovrebbe farlo?

La procura federale, per fortuna.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. toiomeroni - 3 anni fa

    Fiero ed onorato di onorare e amare una gloriosa maglia! Questi pseudo-cugini,
    ovini e vigliacchi, (ricordando la bomba lanciata in mezzo ai nostri tifosi),
    sono beceri con una dirigenza mafiosa ed anche un po’ stupida visto come si sono fatti beccare! Certo che il vecchio era più furbo. Comunque non saranno mai un topo club perchè ci saranno sempre, e giustamente, sospetti e pregiudizi.
    Sembra di essere nel Medio Evo del Calcio dove dominano i feudatari che fanno come vogliono.
    Spero che la redazione mi conceda un juve-merda! (Ed è il minimo!).
    FORZA VECCHIO E ONESTO CUORE GRANATA!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 anni fa

    Juve: il pesce ha sempre puzzato dalla testa.
    E Tutto il mondo li odia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. KanYasuda - 3 anni fa

    Ringrazio la Redazione per aver cancellato il mio commento …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. LEONEDIFUOCO2 - 3 anni fa

    quanto vorrei che mettessero Lapo alla presidenza bianconera….secondo me è più signore lui che comunque fa tutto alla luce del sole….di tutte quelle merde che sono ai piani alti dei gobbi (ed ho detto tutto)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. MPJoy - 3 anni fa

    sono felice che la Juventus sia rappresentata da un personaggio che rappresenta in pieno il suo stile.
    Poi parlano di persecuzione e si vantano di essere un grande club. Un grande club è quello che vince sul campo e convince tutti di essere il più forte, senza che nessuno possa mettere in dubbio il suo operato e la sua reale forza.
    Per questo non saranno mai un top club.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torino FC - 3 anni fa

      perfetto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. myriam.patty_503 - 3 anni fa

    Questo fa capire quanto e marcio il mondo juventus dal primo in pectoris ai suoi seguaci e proprio vero signori si nasce e loro non nacquero .felice di esserd povero granata ma con onore fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. myriam.patty_559 - 3 anni fa

    Queste cose purtroppo mettono in evidenza quanta felce gira intorno al mondo juventus perche se il suo primo in pectoris e l esempio figuriamoci i seguaci e proprio vero signori si nasce e loro non nacquero mai grato e felice di essere povero granata ma con onore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. sylber68 - 3 anni fa

    In Italia,bisognerebbe veramente fare pulizia,in tutti i settori,al costo di ricominciare d’accapo. Purtroppo la maggior parte di chi dovrebbe far rispettare tutto, non solo lo sport,sono al capo di tutto. Dovremmo “noi”persone “comuni”bloccare tutto il paese ad oltranza,finche’tutti i lobbisti e i collusi fuoriescono dalle loro tane. Ricordatevi sempre che il popolo e’sovrano e uniti ai va da qualsiasi parte. Svegliamoci!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Akatoro - 3 anni fa

    La solita classe ovina. Il problema non era che almeno le tragedie dovrebbero essere rispettate, il problema è che si è fatto beccare. È poi si indignano per una sciarpa con scritto JUVEMERDA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GranataForce - 3 anni fa

    NON HO MAI AVUTO DUBBI SULLA SIGNORILITA’ DI QUESTA GRANDEEE CHIAVICA….
    censuratemi pure, spero che prima qualcuno lo legga

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy