Alessandro Rosina: la fantasia in campo

Alessandro Rosina: la fantasia in campo

Senza sminuire gli altri acquisti il trequartista ventunenne, proveniente dal Parma, è certamente il pezzo più pregiato del mercato di Cairo. L’Under 21 autore di un’ottima gara martedì contro la Bielorussia, era ambito da parecchi club importanti perché, nonostante la sua giovanissima età, può vantare già esperienza e un nome da spendere nel calcio che conta. Dovrebbe essere…

di Redazione Toro News

Senza sminuire gli altri acquisti il trequartista ventunenne, proveniente dal Parma, è certamente il pezzo più pregiato del mercato di Cairo. L’Under 21 autore di un’ottima gara martedì contro la Bielorussia, era ambito da parecchi club importanti perché, nonostante la sua giovanissima età, può vantare già esperienza e un nome da spendere nel calcio che conta. Dovrebbe essere il sostituto naturale di Pinga, ma è probabile che De Biasi, se giocherà ad una punta sola, sfrutti Rosina con Marinelli e Fantini sulle fasce con il compito di inventare assist per Stellone, ma anche essere in grado di andare a rete loro stessi. Sarà un Toro a trazione anteriore che dovrebbe portare anche spettacolo, quello che manca da anni, ovvero avere una squadra che sia più spregiudicata in fase offensiva. Alessandro ha dalla sua un fisico leggero, non troppo possente, che gli consente di essere soprattutto agile e scattante partendo anche dal fondo, dunque un attaccante che può giostrare a tutto campo.

Nel Parma ha esordito ad appena diciannove anni e da subito è apparso un giocatore interessante di sicuro avvenire, l’anno scorso è stato in prestito al Verona segnando due gol, dunque nella sua ancora piccola carriera conosce sia il campionato di B che di A. Il progetto Cairo deve averlo sorpreso in positivo se ha deciso di sposare la causa granata, è arrivato in comproprietà, ma siamo certi che sarà un pilastro su cui costruire il Toro del futuro quando si spera starà nella serie che più gli compete. Un cosentino alla corte granata che ha tutte le caratteristiche per diventare un leader in campo, come lo è già nella Nazionale di Claudio Gentile, un tecnico che lo stima tantissimo e gli ha consegnato le chiavi del gioco degli azzurrini.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy