Amaranto temibili sulle palle inattive

Amaranto temibili sulle palle inattive

Dopo la scorpacciata di gol di due settimane fa con il Gubbio, il Torino torna a giocare davanti ai propri tifosi domani sera nella trentaquattresima giornata di serie B. Di fronte una Reggina reduce dal pareggio ottenuto nelle ultime battute contro il Brescia nel posticipo di lunedì sera e che nelle ultime tre trasferte non ha collezionato neanche un punto, in virtù delle sconfitte subite a Castellammare, Bari e Varese.

A…

di Redazione Toro News

Dopo la scorpacciata di gol di due settimane fa con il Gubbio, il Torino torna a giocare davanti ai propri tifosi domani sera nella trentaquattresima giornata di serie B. Di fronte una Reggina reduce dal pareggio ottenuto nelle ultime battute contro il Brescia nel posticipo di lunedì sera e che nelle ultime tre trasferte non ha collezionato neanche un punto, in virtù delle sconfitte subite a Castellammare, Bari e Varese.

A fronte di un attacco che segna con una certa regolarità (è il secondo della serie cadetta dietro al Pescara), vi è una difesa che spesso arranca, come testimoniano i numeri: 43 gol subiti in 33 gare disputate, più di uno a partita quindi, e da ben sette gare la Reggina subisce sempre almeno una rete. L’ultima volta che la porta amaranto è rimasta imbattuta risale al 4 febbraio scorso, a grande sorpresa contro il Pescara. L’andamento esterno dei calabresi dice quattro vittorie, sei pareggi e sette sconfitte.

Il Torino risponde con i 37 punti totalizzati tra le mura amiche, meglio hanno fatto solo Verona e Pescara, e dodici gol subiti (quattro dei quali con il Verona). Granata che dovranno stare attenti soprattutto sulle palle inattive, considerando che la Reggina nel gioco da fermo ha la sua forza principale: ben diciassette le reti realizzate sugli sviluppi di calci da fermo dagli amaranto, nessuno in B ha fatto meglio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy