Anni di panchina, ora la chance

di Edoardo Blandino

È il prodotto del vivaio granata e come tale deve essere tutelato. Tommaso “Ricky” Vailatti si è fatto tutte le trafile delle giovanili fino ad arrivare in prima squadra. Tuttavia il passaggio in pianta stabile si è rivelato più arduo del previsto: il centrocampista non ha mai trovato tutto lo spazio desiderato. Prestiti vari ed esperienze fuori…

di Edoardo Blandino

di Edoardo Blandino

È il prodotto del vivaio granata e come tale deve essere tutelato. Tommaso “Ricky” Vailatti si è fatto tutte le trafile delle giovanili fino ad arrivare in prima squadra. Tuttavia il passaggio in pianta stabile si è rivelato più arduo del previsto: il centrocampista non ha mai trovato tutto lo spazio desiderato. Prestiti vari ed esperienze fuori non sono servite più di tanto a migliorare le qualità del ragazzo che sembra aver raggiunto una fase di stallo più psicologica che tecnica. De Biasi in passato andava del ragazzo: «Se solo si allenasse…». In effetti Vailatti le qualità tecniche le possiede e sono anche più che discrete, tuttavia non riesce a sfruttarle appieno. Evidentemente il tecnico di Sarmede aveva visto lungo. Ricky ogni volta che scende in campo alla Sisport con i compagni e vengono fatte le partitelle, cerca sempre il numero ad effetto: colpi di tacco, dribbiling o passaggi impossibili sono all’ordine del giorno. Ed è giusto che sia così, ma c’è un limite. Ogni giocatore deve capire qual è il proprio ed evitare di eccedere.

A 23 anni e con una stagione di B davanti, ora Vailatti si trova ad un punto cruciale della propria carriera. Colantuono in queste prime amichevoli lo ha spesso provato nel centrocampo a tre e l’impressione è che al tecnico romano il centrocampista di origini zingare piaccia. Come abbiamo più volte ripetuto la stagione alle porte si prospetta lunga e massacrante e ci sarà spazio per tutti quanti. Ci saranno quindi diverse chance per il ragazzo di mettersi in luce e guadagnarsi piano piano maggiore spazio sul campo. Anche perché dal punto di vista professionale se dovesse trascorrere l’ennesima stagione in panchina diventerebbe poi difficile trovare un ingaggio per i prossimi anni. Vailatti lo sa e non vuole farsi scappare l’opportunità di tornare in campo con regolarità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy