Barreca, voto 5.5: tra infortuni e occasioni sciupate, è la stagione dei rimpianti

Pagellone / Discontinuo, spesso infortunato e mai titolare con Mazzarri: ci si aspettava di più

di Nicolò Muggianu

Fine della stagione, tempo di bilanci: è il momento del tradizionale pagellone di fine anno. Giudicheremo l’annata di ogni giocatore del Torino tenendo conto del rendimento in campo, delle aspettative e del contesto intorno a lui. Per i lettori è sempre a disposizione lo spazio dei commenti per “giudicare” i nostri giudizi.


Doveva essere la stagione della definitiva consacrazione e invece, quella appena trascorsa, è stata la stagione dei rimpianti per Antonio Barreca. Un’annata cominciata in maniera tribolata: le voci di mercato, gli striscioni di sostegno e infine la conferma. “Barreca non si tocca”. Prima con Mihajlovic e poi con Mazzarri però, il canterano classe 1995 non è mai riuscito a trovare la giusta continuità. Colpa dei frequenti infortuni e non solo.

ASPETTATIVE – Dopo un campionato, e soprattutto un calciomercato, vissuto da protagonista tutto il popolo granata si aspettava da lui il definitivo exploit quest’anno. Il prodotto della Primavera del Torino però non è riuscito a reggere l’enorme peso delle aspettative. Per svariati motivi. Innanzitutto per il lato sportivo: 9 presenze (di cui soltanto 3 dal 1′) per un totale di soli 493′ disputati in campionato. Pochi, troppo pochi per un giocatore considerato tra i terzini sinistri più promettenti del panorama calcistico nazionale appena 12 mesi fa. In secondo luogo motivazioni di carattere fisico: la pubalgia non gli ha dato tregua durante il corso di tutta la stagione, condizionandone fortemente rendimento e disponibilità.

IL FUTURO – Oltre questo però è doveroso sottolineare anche il lato tecnico-tattico. Sia con Mihajlovic che con Mazzarri infatti, il classe 1995 non è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante. È vero: la condizione fisica può fare la differenza ma, quando è stato chiamato in causa, Barreca non è quasi mai sembrato pronto per una maglia da titolare. Con l’approdo in panchina del tecnico di San Vincenzo poi, le cose sono persino peggiorate: nessuna presenza da titolare e soltanto qualche insipido spezzone di gara. Ora la strada si fa in salita: Ansaldi è una certezza e Berenguer nelle ultime giornata ha dimostrato di saperci fare eccome sulla fascia. Ora verrebbe da chiedersi quale futuro lo attende.

LE STATISTICHE DELLA STAGIONE 2017-18 DI BARRECA 

 # CAMPIONATO COPPA ITALIA
Presenze 9 0
Minuti giocati 493 0
Gol  0 0
Assist 0 0
Cartellini gialli 0 0
Cartellini rossi 1 0
VOTO 5.5
5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13657710 - 3 anni fa

    Madama granata – Giudizio ingiusto ed ingeneroso. Ripeto ciò che ho scritto nella valutazione di Lyanco: se sono stranieri, meglio sudamericani, sono sfortunati X malanni ed infortuni, perdoniamo loro tutto (anche andare nel loro Paese a farsi operare, quasi come se in Italia o in Europa nessuno fosse in grado di farlo!)e li aspettiamo mesi, trepidanti e fiduciosi per il prossimo anno.. Se si tratta di un “nostro” ragazzo (ora tocca a Barreca, poi di certo sarà la volta di Bonifazi), i malanni diventano quasi una colpa, una manchevolezza del ragazzo. Ovvio, mi sembra, che se soffro di pubalgia, gioco poco, mi inseriscono solo X spezzoni di gara (magari quando già le cose vanno male), non ho il tempo per ritrovare la forma, sono spaesato appena rientro in campo, faccio un errore, so che X quello mi crocifiggeranno… Non posso far altro che continuare a sbagliare: se va proprio bene definiranno la mia prestazione “incolore”, se no sarò bocciato! A mio modesto parere, che però leggo condiviso da altri tifosi, Barreca merita assolutamente di rimanere, di guarire e di crescere con il “granata” sulle spalle! O, quando brillerà in qualche altra squadra, e io glielo auguro di cuore, a lui e a tutti gli altri “nostri” giovani, quelli che ora gridano “fuori!” diranno che la Società ha fatto l’ennesima scelta sbagliata a lasciarselo scappare…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 3 anni fa

    Questo non vale una cicca.Non sa ne difendere ne attaccare.Darlo subito al Benevento…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Forvecuor87 - 3 anni fa

      Fatti curare da uno bravo se è a pagamento pago io le spese.
      Vai con Rincon a fare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ALESSANDRO 69 - 3 anni fa

    Per un terzino, con tutta la classe che può possedere, la salute fisica è imprescindibile.
    Qualsiasi giudizio su Barreca è da rimandare.
    Trovo questo articolo ingeneroso e fuori luogo. In genere io non sono tenero nei confronti dei giocatori giovani, tuttavia l’anno prima Barreca ha dato prova che in serie A può starci degnamente. Se poi riesce a ottimizzare la fase difensiva ne verrebbe fuori un terzino completo anche per la nazionale..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Forvecuor87 - 3 anni fa

    Mi chiedo che squadra abbia seguito il genio che ha scritto questo articolo!
    Ma quante occasioni ha avuto questo ragazzo? Quanti infortuni a subito?
    Parlate di quel bidone di RINCON che hai giocato sempre e più che fare lo scarpone e perdere sempre la palla non ha saputo fare altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy