Boyé, la crescita continua: ora diventi più decisivo

Boyé, la crescita continua: ora diventi più decisivo

Focus on / L’argentino ha iniziato un processo di crescita molto difficile per chi, come lui, arriva da un campionato straniero. Ora serve il cinismo giusto per migliorare ancora

di Nicolò Muggianu

Boyé è arrivato sotto la Mole come un diamante e – in quanto tale –  per raggiungere la sua forma più pura deve essere “sgrezzato” tramite un processo lento e delicato. Passo dopo passo, lentamente ma costantemente: questa sembra essere la politica scelta da Mihajlovic per il talentuoso argentino classe 1996 che dal suo approdo al Torino ha giocato sempre di più e sempre meglio fino a guadagnarsi la titolarità nell’ultima partita. “Tanto fumo e poco arrosto” avevano detto molti addetti ai lavori guardando il ragazzo mostrare lampi di classe assoluta che sfociavano poi in azioni solitarie dettate dall’eccessiva testardaggine. Per un giovane arrivato da una realtà e un campionato completamente diverso però il processo di adattamento e crescita non è affatto facile, ma Boyé ha avuto l’umiltà e l’intelligenza di mettersi a piena disposizione sfruttando le occasioni quando chiamato in causa e non polemizzando le scelte tecniche.

Ora sembra essere arrivato il suo momento e l’infortunio di Iturbe potrebbe aprirgli le porte ad un rush finale di campionato da assoluto protagonista. I secondi 45′ contro il Crotone e i 90′ giocati contro il Chievo sono stati la riprova dell’evidente crescita del ragazzo che ha dimostrato di aver capito – almeno in parte – che alla mera forma è necessario abbinare una buona dose di sostanza. Ai dribling fine a sè stessi il giocatore pare ora aver compreso che il modo migliore per mettersi in mostra è quello di farlo all’interno di un contesto in cui ogni compagno di squadra aiuta l’altro per il bene del gruppo. Una squadra infatti è come un’orchestra, e un solista – per quanto bravo sia – non può funzionare al suo interno se è indisciplinato e non rispetta dinamiche del gruppo. Contro il Chievo sono arrivati anche le prime occasioni da gol per Boyè che ha anche sfiorato la prima marcatura granata in campionato colpendo la traversa durante i 45′ iniziali. Il processo di crescita non è mai facile e scontato, e spesso può incontrare complicazioni. Ma Boyé sembra essere ripartito con il piede giusto e avere imboccato la strada che potrebbe portarlo a diventare tra i protagonisti del Toro del presente e del futuro.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Akatoro - 3 anni fa

    Il vero boye arriverà, bisogna solo dargli tempo. E quando arriverà diventerà un player a livello europeo. Per chi non crede in lui direi di pazientare e ricordarsi l’anno scorso il girone di andata del gallo. Al Gallo gli è servita mezza stagione per lanciarsi ma Ventura ha sempre creduto in lui continuando a metterlo in campo nonostante i gol non arrivavano, per boye, giocando poco gli ci vuole un po’di più, ma arriverà e diventerà uno dei nostri pilastri del futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. osvaldo - 3 anni fa

    Per quelli che hanno detto del ragazzo “tanto fumo e poco arrosto” andassero a rivedersi le partite con Roma e Fiorentina del girone di andata,quando ha giocato dal 1° minuto al posto di Liajic infotunato.
    Con il rientro di Liajc è stato messo in naftalina e/o in campo negli ultimi minuti di partite già compromesse!!!
    Il ragazzo è bravo e giocherebbe da titolare fisso inamovibile in moltissime squadre italiane,anche in quelle che ci sono d’avanti in classifica.
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy