Calciomercato, l’effetto coronavirus svaluterà i cartellini: Il Toro è avvisato

Calciomercato, l’effetto coronavirus svaluterà i cartellini: Il Toro è avvisato

Calciomercato / Chi vorrà vendere nella prossima sessione di mercato, dovrà probabilmente farlo ad un prezzo scontato

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Di fronte ad una pandemia unica e devastante per il mondo intero, il calcio è un argomento futile. Una premessa doverosa prima di introdurre l’argomento di cui parleremo, ovvero le ripercussioni che la situazione del coronavirus potrebbe avere sul calciomercato. “Il calcio si scordi di operazioni da 100 milioni per un anno. Sarà un mercato in recessione: il giocatore da 50 milioni diventerà un pezzo da 30” ha dichiarato a Tuttosport Pierpaolo Marino, ds dell’Udinese. E al coro si è unito anche Alessandro Lucci, agente di diversi giocatori di Serie A come Correa, Cuadrado e Bonucci: “Il prossimo mercato sarà fortemente ridimensionato. I prezzi saranno fisiologicamente più bassi e le modalità di pagamento andranno dilazionate”.

VENDERE O NON VENDERE? – Chiaramente, le ingenti perdite che i club registreranno nei propri bilanci condizioneranno il calciomercato. Il risultato potrebbe essere un sensibile calo dei prezzi di mercato, almeno nella prossima sessione, nel senso che a fare il prezzo del cartellino di un giocatore è spesso la domanda; e molti club saranno nella condizione di abbassare il budget da destinare al mercato. La svalutazione dei cartellini non conviene a chi dovrebbe vendere i propri giocatori e in casa Toro, negli ultimi mesi, pensando al mercato estivo c’era aria di rivoluzione. Se i granata vorranno cedere in estate dovranno anche fare questo tipo di valutazione. Il valore di giocatori come Izzo, Nkoulou, Aina, Meité – per dirne qualcuno – sarà sensibilmente inferiore rispetto alla scorsa estate. E magari ci sarà anche qualche rimpianto: col senno di poi, sarebbe stato meglio aver ceduto l’estate scorsa alcuni di quei giocatori. Ma si sa, che del senno del poi son piene le fosse.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mimmo75 - 2 mesi fa

    Che articolo stupido! Il Toro è avvisato di che? Come se a svalutarsi saranno solo i nostri giocatori! Venderemo a meno ma acquisteremo a prezzi più vantaggiosi. Ma di cosa stiamo parlando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 2 mesi fa

    La svalutazione dei giocatori e’una cosa vantaggiosa per il Torino.La rosa se prima valeva si e no 70 mln ora ne varra’30 compreso lo staff.Quindi conviene vendere tutti , mettere via quei pochi soldi e comprare giocatori di qualita’scontati se vuole fare una squadra decente.Ora e’l’occasione giusta !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. CUORE GRANATA 44 - 2 mesi fa

    A mio parere la svalutazione dei cartellini sarà solo uno degli effetti collaterali di COVID 19 nel contesto del Barnum calcistico che necessariamente dovrà essere ridimensionato unitamente,temo,ad uno stile di vita che muterà fintanto che non verranno riassorbiti i danni di “questa nuttata”.Restando in ambito calcistico sarà quindi un mal comune che ciascuno affronterà dovendo “rifare i conti”. Per quanto riguarda il ns. Toro direi che COVID 19 andrà ad incidere più sui numeri che sui programmi. Cairo avrebbe comunque,a mio avviso,optato per la cessione di tutti i giocatori con ingaggi ormai troppo elevati sostituendoli con il rientro di prestiti e l’innesto di giocatori low cost senza fare quindi investimenti ex novo bensì reimpiegando solo parte di quanto introitato dalle cessioni.Penso che sia un’ipotesi più che plausibile:navigare a vista in un mare sconosciuto per approdare ad un’isola che al momento “non c’è.Non è da escludere,anzi è auspicabile,che allorquando la situazione si normalizzerà(vedremo come)se taluni intenderanno investire nel calcio possano individuare nel Toro un’opportunità trattandosi di Società leggendaria con un brand unico al mondo.Nel frattempo direi che Cairo dovrebbe porre in essere “il minimo sindacale”relativo all’arcinota questione infrastrutture un investimento in ogni caso compatibile anche in tempi di COVID19.Sarebbe una forma dignitosa prima di chiudere un cerchio aperto 15 anni or sono con ben altre prospettive.FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy