Calciomercato Torino, Berenguer potrebbe restare: a Mazzarri piace la duttilità

Calciomercato Torino, Berenguer potrebbe restare: a Mazzarri piace la duttilità

In uscita / Sirene spagnole per l’esterno, ma una cessione appare difficile

di Redazione Toro News

Arrivato la scorsa estate dall’Osasuna, Berenguer si è sempre dimostrato un elemento utile soprattutto per la sua duttilità e per la sua capacità di giocare sia sulla destra che sulla sinistra. Ora il Toro vuole snellire la rosa, cercando di lasciar partire chi ha bisogno di un maggiore minutaggio, ma Berenguer non dovrebbe rientrare tra i partenti. Inoltre l’addio di Soriano e la possibilità di mandare in prestito Edera rendono ancora più difficile una sua cessione.

CORTEGGIATO – Sull’esterno granata ci sarebbe l’interesse di tre club spagnoli: il Siviglia, l’Osasuna (sua ex squadra) e l’Athletic Bilbao. Probabile che quest’ultima sia una destinazione altamente difficile, perché nel contratto di trasferimento al Toro è stata inserita una clausola, imposta dall’Osasuna, che prevede un pagamento di 1.5 milioni alla sua ex squadra in caso di passaggio ai baschi del San Mamés. Quindi, considerando che il ragazzo è seguito da altre due società, è lecito ipotizzare che Cairo e Petrachi non abbiano neanche l’intenzione di sedersi al tavolo con il Bilbao, per evitare di doverci rimettere da una sua eventuale cessione. 

DUTTILITA’ – Difficile, però, considerarlo un partente anche perché ha una delle qualità che Mazzarri apprezza di più: la duttilità.  Tra ruoli svolti in carriera e quelli fatti quest’anno, Berenguer può giostrarsi su 4 diverse posizioni: terzino in una difesa a 4, esterno di un centrocampo a 5, ala offensiva e trequartista sia nel 3-4-1-2 sia nel 3-4-2-1. Il tutto considerando la sua facilità di giocare sia a destra che a sinistra, che lo rende una pedina fondamentale nello scacchiere di Mazzarri. Nell’ultima sua apparizione si è giostrato in ruolo per lui completamente nuovo, ovvero in trequarti dietro alle punte, complice l’ormai addio certo di Soriano ai granata.

Torino, Lukic sta emergendo. E potrebbe essere sempre più utilizzato

IN CALO – La partenza nell’attuale stagione è stata perfetta, prima il gol (ingiustamente annullato) contro l’Udinese, poi gli assist contro il Napoli e quello decisivo contro il Chievo e, a chiudere l’avvio d’applausi, l’eurogol al Frosinone. Nelle ultime giornate, però, minutaggio e rendimento sono calati, ma c’è un episodio che fa pensare. Contro l’Empoli Mazzarri l’ha schierato per la prima volta come trequartista, potrebbe essere un segnale che il tecnico stia lavorando per spostarlo dietro le punte. I pochi minuti, però, potrebbero anche essere letti come un indizio di mercato, tutto dipenderà dalla volontà del mister.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 6 mesi fa

    Wm lo tiene così tanto in considerazione che nel suo momento migliore l’ha risposto inspiegabilmente in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bischero - 6 mesi fa

    Io le partite del toro le guardo. Parlo di un 10 in appoggio alla punta da 3 mesi. Guarda caso il toro segue un profilo simile. Berenguer é tecnico? Dribla? Ma dove? Quando? Se lui é tecnico ljaijc é pelé. Bisogna guardare in faccia la realtà. Come esterno é diventato il quinto dietro desilvestri Aina parigini ansaldi. In avanti giochiamo con Zaza Belotti baselli Iago e con quello nuovo che arriverà. Io seguo il toro. E tu?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 6 mesi fa

      Visto che sostieni che Berenguer non faccia dribbling ti invito a leggere statistiche de)la.serie A e scopriresti che NESSUNO nel toro ha fatto più dribbling di lui. Neanche chi ha giocato più di lui!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 6 mesi fa

    Berenguer mi piace molto ma le sue caratteristiche si sposano poco con gli schemi di Mazzarri. Se va in porto il tridente offensivo, Berenguer dovrebbe essere impostato da vice Iago. Come terzino fatica molto nella fase difensiva.
    Tecnicamente resta però uno dei migliori in rosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 6 mesi fa

    Pareri contrastanti, ed in effetti è logico. Perchè tecnicamente c’è, e sarebbe anche in grado di saltare l’uomo; credo che avrebbe bisogno di giocare con continuità per potersi esprimere al meglio, continuità che il mister non è in grado di dargli. Io a gennaio lo terrei, poi a giugno si vedrà. Più che altro perché è improbabile che, nel suo ruolo, a gennaio possa arrivare qualcuno più bravo di lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 6 mesi fa

      Sono d’accordissimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13686151 - 6 mesi fa

    il problema è che più di 11 nn ne fanno giocare…ma Alex ci sa fare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13686151 - 6 mesi fa

    O bischero…ma hai mai visto una partita del toro???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13722867 - 6 mesi fa

    visto che l abbiamo soffiato al Napoli possiamo darglielo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. luna - 6 mesi fa

    Modric al Toro, ma ci sono alcune ragioni che bloccano l’arrivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 6 mesi fa

    Condivido con Bischero: per me Berenguer più che “sacrificabile”.
    Parigini è altrettanto “duttile”, fisicamente meglio strutturato, più preciso nei passaggi e sotto rete (se gli venisse dato modo di giocare e dimostrarlo!).
    “Edera in prestito, perciò più difficile la cessione di Berenguer”, cito l’articolo.
    Perché allora non Berenguer in prestito o ceduto, e più difficile l’allontanamento di Edera?
    Detto ciò, concordo con Edera in prestito, se però verrà sostituito da un giocatore che gli è superiore per capacità ed esperienza.
    Berenguer ed Edera, per me, sono più o meno alla pari; Parigini meglio (non fosse altro che per il fisico!).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 6 mesi fa

      La differenza tra Edera e Berenguer è proprio la duttilità, credo sia questa la motivazione di mandare in prestito il nostro giovane che può ricoprire bene solo due ruoli contro i 4-5 di Berenguer.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-14036712 - 6 mesi fa

    Non son d’accordo con “Bischero” che ha bocciato il navarro. Berenguer ha tecnica, corsa e fantasia oltre alla duttilità spiegata nell’articolo ed avesse anche il fisico sarebbe un top player. Spero che rimanga e che soprattutto abbia piu’ spazio, l’unica alternativa a Falque, poi a giugno, come per tutti, sperando in una qualificazione in una coppa europea, si faranno le dovute valutazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bischero - 6 mesi fa

    Berenguer non gioca da una vita. Non ha fisico. Non é tecnicamente eccelso e non salta l uomo.non é collocabile come esterno a 5 ne come fantasista per quanto possa vaneggiare l articolista. Se c é uno da sacrificare per ridurre la rosa e far posto al 10 di cui parlo da 3 mesi e guarda caso stanno uscendo i nomi ora(forse perché é un giocatore che manca e la partenza di ljaijc non era in programma) é lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 6 mesi fa

      Non salta l’uomo? ma se è uno di quelli che vanta più dribbling nel Toro?!?
      La tecnica è indubbia, ha fondamentali tra i migliori in rosa e non ne abbiamo tanti di giocatori che siano validi da questo punto di vista. Ha stop, controllo di palla, tiro, dribbling e difetta solo nei cross alti, fondamentale in cui tutti hanno lacune compreso Ansaldi che tecnicamente è tra i migliori.
      Sicuramente non è un top player, proprio perché fisicamente è minuto, ma non è sicuramente tra gli elementi peggiori.
      Inoltre il 10 come intendi tu non sarebbe collocabile in un classico 3-5-2, ma solo nel 3-4-1-2 e quindi a mio avviso è molto più essenziale prendere un regista basso piuttosto che un trequartista, ruolo per cui abbiamo dei giocatori da adattare. Un Leiva/Biglia per intenderci andrebbe benissimo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. WGranata76 - 6 mesi fa

    Berenguer è uno dei pochi in rosa che molta tecnica e considerato il rendimento in campo, dove mai ha sfigurato quest’anno, e l’età anagrafica è un elemento da tenere e continuare a sperimentare in rosa, dandogli magari più spazio al posto di Sorianullo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy