C’era da aspettarselo

C’era da aspettarselo

Editoriale / Il Torino conferma ancora una volta l’atavica difficoltà a sfruttare le occasioni quando gioca da favorito: così i sogni di gloria restano nel cassetto

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Torino-Lecce è un film già visto svariate volte. Una partita in casa contro una squadra alla portata che mette in palio un risultato in grado di lanciare in alto la squadra ma che poi si rivela un tonfo fragoroso; e alla fine Mazzarri che in conferenza stampa si assume (opportunamente e con grande onestà) le responsabilità di quanto avvenuto, dicendo di non aver “terrorizzato” a sufficienza i suoi uomini. C’era da aspettarselo, un tonfo del genere del Torino: i granata hanno confermato l’atavica difficoltà nel cogliere le occasioni più ghiotte. Una considerazione che non sarebbe stata cancellata neppure se l’arbitro Giua di Olbia avesse concesso al Torino quel sacrosanto rigore allo scadere del match.

Bene nei momenti in cui ci sono difficoltà, meno quando ci sono i favori del pronostico. Bene contro squadre che scendono in campo con l’ambizione di fare la partita, meno quando si affrontano avversari limitati che fanno del gioco di rimessa il loro punto forte. I difetti del Toro, mentali e tattici, sono sempre gli stessi. Un dejà-vu avvilente per giocatori e allenatore perchè non riescono a mettere a frutto come potrebbero il loro grande lavoro quotidiano. Deprimente per i tifosi, che quando potrebbero cullare l’entusiasmo sono costretti a ripiombare con i piedi per terra. Ma anche preoccupante perchè dopo più di un anno e mezzo di gestione Mazzarri, con la rosa dell’anno scorso confermata e rinforzata dall’operato della società sul mercato, ci si aspetta che certi errori non vengano più ripetuti. Ci sono tutti i presupposti per far sì che questo capitombolo possa essere archiviato in fretta, ma in cuor nostro contro il Lecce questo Toro si è giocato una parte del grande credito che aveva accumulato in precedenza. Vedremo se stavolta la lezione sarà assimilata nel modo giusto.

122 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. renzo1940 - 1 mese fa

    E’ la solita storia. La prestazione di quasi tutti è stata penosa. La difesa è penosa senza Nkoulou ed è vergognoso non utilizzare i nuovi acquisti. (Zaza per me è da considerare un nuovo acquisto. Quasi tutti i giocatori non sono dei fuoriclasse e giocano solo per conquistarsi il posto. Quando pensano di essere i TITOLARI dimostrano la loro pochezza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granata - 1 mese fa

    FACCIO MIA QUESTA TUA FRASE, CARO SARTORI: “dopo più di un anno e mezzo di gestione Mazzarri, con la rosa dell’anno scorso confermata e rinforzata dall’operato della società sul mercato, ci si aspetta che certi errori non vengano più ripetuti. Ci sono tutti i presupposti per far sì che questo capitombolo possa essere archiviato in fretta, ma in cuor nostro contro il Lecce questo Toro si è giocato una parte del grande credito che aveva accumulato in precedenza. Vedremo se stavolta la lezione sarà assimilata nel modo giusto”. La società attenda ancora un pochino prima di rinnovare il contratto al suo tecnico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio sala 68 - 1 mese fa

    Purtroppo giocatori come Baselli e Meite che dovrebbero fare la differenza, non riescono a garantire continuità nelle loro prestazioni. WM ieri sera ha peccato di eccessiva prudenza, ma gli interpreti in campo hanno steccato di loro, diventa difficile per chiunque gestire giocatori che a distanza di una settimana hanno rendimenti così differenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Policano - 1 mese fa

    Un grande? Punto?? Nemmeno un tiro in porta nel primo tempo a parte un colpo di testa di lollo. Gia col sassuolo avevamo troppo subito il loro gioco. Due settimane per riposare per prepararsi e che formazione schiera il fenomeno? Da 4 soldi!! Ne gioco ne grinta nemmeno i migliori dentro… Davvero un grande. Punto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dattero - 1 mese fa

    non ho visto nulla,cena di lavoro. ho letto i commenti,molto negativi.
    condivisibile il fatto che un panchina vi è un semplice operaio senza fantasia.
    pero’,leggendo l’intervista,è l’ennesima volta,andate nel passato,che dice che non l’hanno capito,che in settimana si prepara una cosa,poi si fa l’esatto opposto.
    visto che la cosa è ciclica,la reputo preoccupante,o ha problemini a farsi capire o lo seguono meno di qto sembri.
    bologna parma lecce,tre indizi,una prova.
    un ultima cosa,ma ci tengo,l’ho gia postata,ma la riprendo.
    Mi rivolgo al sig. De Silvestri che parlava di tremendismo.
    Ora,se vuol continuare a rispettarci,ne sono felice,ma non usi frasi compiacenti x abbellirsi,parla se sa cosa significa il termine che usa.
    Con voi,iltremendismo mai si è visto.
    S’informi su chi conio’ il termine,.che periodo era,chi allenava e qdo venne coniato,dopodiche’,si esprima pure

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ardi - 1 mese fa

    Questa squadra ha bisogno di almeno due elementi di qualità in centrocampo, non ci sono caxxi che tengano. Ormai sono anni ed in più, adesso, dobbiamo pure reintegrare n’koulou e poi trovarne il sostituto perché la difesa fa acqua da tutte le parti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. DARIOGRANATA - 1 mese fa

    Il Toro ha vinto a Parma senza merito
    ci sta, é il calcio
    ma un allenatore serio lo capisce e prepara gli antidoti
    la squadra messa in campo ieri sera era un’ombra
    come si fa a voler vincere una partita con il solito povero Belotti tutto solo la davanti con il moscerino Berenguer, che non é D Falque, che non si capisce come possa partire titolare in una partita da vincere a tutti i costi? per di piu’ con due mezze ali come Baselli e meité che giocano da sempre a corrente alterna? peggio Meité che Baselli comunque, con un centrale di centrocampo come Rincon incapace di effettuare una sola ripartenza?
    follia pura
    Mazzarri é un allenatore, certo onesto, ma mediocrissimo
    il caso Nkoulu insegna: chi doveva accorgersi del problema se non lui che vede e parla con i giocatori tutti i giorni?
    Incomprensibile
    come puo’ insistere su due incosistenti e inadeguati alla serie A come Bremer e Djidji causa principale, se non unica delle sconfitte e di tutti i goal subiti? io non sono un tecnico del calcio ma Bonifazi o Izzo al centro certamente davano maggiore sicurezza a Sirigu dei due
    Al giorno d’oggi un allenatore serio, non uno yes man, imposta la squadra con la presidenza, vedi caso Icardi, e se vuole Verdi chiede che sia comprato in tempo utile, non all’ultimo minuto del mercato, per di piu’ alla stessa cifra chiesta all’inizio, perdendo la qualificazione Eu, quanto é costato?
    questo Toro, anzi Torino molto ino, é da settimo posto in giu’
    c’é da sperare che Belotti e Sirigu non si stufino e chiedano seriamente di andare a cercar gloria altrove

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sylber68 - 1 mese fa

      ESONERO!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. pirata99 - 1 mese fa

    Si,abbiamo perso e anche malamente!Troppi errori,a cominciare dal Mister,mi spiace doverlo dire,ma avere giocatori in panchina che potevano fare la differenza,non è accettabile…Oggi però vorrei anche esprimere con molto fastidio che questa testata così come altre,per due giorni,non ha fatto altro che ribadire l’elevata possibilità che potessimo perdere questa partita,citando esempi che a me personalmente infastidiscono molto.Ogni partita nasconde qualche insidia,ma tirarcela così la sfiga,non è il massimo!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 1 mese fa

      Non posso saperlo. Ma anche con verdi e laxalt se sono in grado di reggere 90 minuti avremmo perso ugualmente. Troppo statici e sulle gambe. Senza pressing e con una squadra troppo lunga per per portare i 3 punti a casa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FORZA TORO - 1 mese fa

        sono d’accordo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. PiazzistaDiSeggiolini - 1 mese fa

    Tra e altre cose la Redazione dovrebbe evitare di pubblicare articoli di Lorenzo Bonansea e Alessandro Costantino: come menagrami e portasfiga non li batte nessuno…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bischero - 1 mese fa

    Siamo spesso qui a scrivere di occasioni mancate. Ma il calcio é fatto anche di questo. Si può perdere una partita per svariati motivi e mi sembra che questa volta sia capitato un po’ per svariate ragioni che vanno da una forma fisica scadente ad una mentalità di gruppo sbagliata. Da un allenatore forse un po’ pauroso ad un ambiente schizofrenico e a scelte societarie particolari. Ma si é persa una partita. Non la guerra. Questa é lunga e dura 38 gare. Non facciamone una questione di stato. Bisogna essere consci dei propri valori e dei propri limiti. Noi abbiamo uno e l altro e dobbiamo ammetterlo. Solo con il lavoro e la dedizione si possono superare i propri limiti. E a volte non basta nemmeno quello. Mi ha solo fatto male una cosa come ieri sera alcuni hanno fatto notare. Già in riscaldamento alcuni in campo avevano un sorrisetto e un atteggiamento di chi pensa di essere arrivato e certe gare crede siano una formalità. Si può anche perdere. Si può essere muscolarmente imballati. Ma la giusta concentrazione ci deve essere. Fai un mix di presunta superiorità, di una forma fisica non all altezza e la serata storta di alcuni big e perdi anche con il modesto Lecce. Prendersela solo con l allenatore trovo sia ingiusto. Lui la sua fetta di colpa se l é presa. Lo facciano tutti. Pensiamo alla Samp e cancelliamo la brutta serata di ieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torotorotoro - 1 mese fa

      Caro fratello Bischero (che bischero proprio non sei!), sono d’accordo in tutto. Soprattutto per i sorrisetti (la cosa che più mi irrita di Zaza, e la cosa meno da Toro che ci sia.). Ancora 35 gare, più la Coppa Italia. Forza Toro sempre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. fra_grant_3447307 - 1 mese fa

    Le presidentttttttzzzzzz che dice oggi???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 1 mese fa

      Non essendo il camerunense starà cercando un altro alibi. Il caldo credo che possa essere una buona scusa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. robinhood_67 - 1 mese fa

    Premesso che la partita contro il Lecce è stata inguardabile, dopo 3 giornate in classifica siamo dove speriamo di restare.
    Se guardiamo alle statistiche della Lega Calcio, il Toro è la 12esima squadra per tiri complessivi (nello specchio e fuori), la terza per numero di parate del suo portiere. Il Var ci ha tolto il rigore su Belotti, ma le partite (tutte 3) le abbiamo viste tutti.

    Dopo il girone di ritorno della scorsa stagione, la società ha scelto la strada delle conferme e dei ritorni: Ola Aina, Lyanco e Bonifazi in difesa, Verdi in attacco.
    Al netto dei riscatti, il mercato è stato in stand by due mesi per i playoff di Europa League, per l’addio di Petrachi (zero idee da campionati esteri), per il risiko delle punte (il Napoli ha liberato Verdi dopo l’arrivo di Lozano, il fallimento dell’operazione James Rodriguez, etc.)
    Questo per dire che Mazzarri ha dovuto stravolgere la preparazione, iniziare prima e non ha avuto Verdi e Laxalt per tempo. Non bastasse, si è trovato pure la grana Nkoulou.

    Mazzarri vuole migliorare in attacco, si è detto da luglio a settembre. Ma ieri contro il Lecce all’intervallo eravamo a zero tiri in porta con il 63% di possesso. Se si chiede alla squadra di supportare non 2 ma 3 punte, le distanze fra reparti aumentano, il centrocampo fatica, la difesa senza Nkoulou barcolla.

    Sirigu ieri sera poteva fare meglio, ma per rendimento è da un anno il miglior portiere della serie A. Nkoulou poteva finire a Roma o Siviglia. Izzo giocherebbe titolare anche nel Milan, nella Lazio, nella Roma.
    Lyanco e Bonifazi li volevano squadre da Europa league, non il Lecce.
    La difesa deve fare meglio ma resta da Europa league.

    Sassuolo Atalanta e Lecce hanno detto che i problemi davanti e dietro nascono a metà campo.
    E lì ieri sera Mazzarri non aveva alternative, perché Ansaldi non ci sarà per un bel po’ e Lukic in settimana era rientrato dalla nazionale serba con un problema al polpaccio destro.
    Non è vero che Baselli Meite Rincon sono scarsi, è vero invece che per reggere una stagione intera di alto livello serviva dal mercato un forte centrocampista, più di un altro attaccante.

    Forza Toro sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Cerutti_Gino - 1 mese fa

    Diamo una svolta? Baselli e Berenguer a fare un po’ di panchina! Sono più utili da lì.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. torofabri - 1 mese fa

    Non capisco la moda di far fare panchina ai nuovi arrivati, con l’impressione che non siano mai pronti fisicamente o che debbano assimilare gli schemi.. quali??? Laxalt preso per sostituire Ansaldi, che aspetta a farlo giocare??? Verdi 25 milioni di bravura, avrà anche la bravura d’inserirsi immediatamente in una squadra se ha veramente classe, no? io dico di si.. e lo spogliatoio, lo dico con la mia modesta esperienza, se arriva uno forte che ti fa vincere, non s’indigna se gioca subito, anzi..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sylber68 - 1 mese fa

      Pienamente d’accordo, Mazzarri si dovrebbe dimettere, per me è obsoleto, e non si offenda, anch’io prendo i miei schiaffoni quando sbaglio!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fra_grant_3447307 - 1 mese fa

      Ragazzi i nuovi acquisti devono smaltire il fuso orario, ancora 3 mesi e forse giocheranno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. valex - 1 mese fa

    Com’era l’articolo di due giorni fa?
    “Mai più un’altra Carpi”?
    Certo, certo. Come no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. albgior_216 - 1 mese fa

    Le partite sbagliate, le prestazioni deludenti nei momenti importanti sono un elenco che per i miei ricordi posso far risalire alla domenica di Torino-Cesena con l’assurdo autogol che poteva compromettere lo scudetto. Non si tratta di sfortuna ma di insicurezza, paura, mancanza di coraggio, fiducia nei propri mezzi. La squadra è condizionata, bloccata, timorosa, indecisa. Perchè il messaggio che riceve dall’ambiente cioè dalla stampa e dai tifosi è: “Devi riuscire bene, se no, sei uno scarsone, non ti meriti considerazione, affetto!”. E così il giocatore preferisce passare la palla dietro, evitare il dribling, non correre il rischio di sentirsi urlare: “Hai sbagliato un’altra volta! Nooo! Sei un incapace!”. Questo ferisce e rafforza la convinzione di non essere sufficientemente in gamba. I calciatori dovrebbero chiedersi: perchè gioco a calcio? Per chi lo faccio? E liberarsi dal condizionamento di giudizi e aspettative degli altri. Noi tifosi passiamo dall’entusiasmo all’amara e rabbiosa delusione, metre dovremmo sforzarci, quando siamo insoddisfatti, di sostenere la squadra anzichè fischiarla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sylber68 - 1 mese fa

      Sono in parte, d’accordo con te. Se hai paura fai un altro mestiere, vai a lavorare. Io posso aver paura par il lavoro che faccio, loro no! Non hanno scusanti, e ieri sera la Società Torino FC, insieme a tutti i prpseudo calciatori, hanno veramente toccato il fondo. Nessuna scusante!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. suoladicane - 1 mese fa

    “Un dejà-vu avvilente per giocatori e allenatore perchè non riescono a mettere a frutto come potrebbero il loro grande lavoro quotidiano” che il deja-vu sia avvilente è vero, che facciano un grande lavoro quotidiano ho dei dubbi
    primo perchè non è verificabile, visto che si allenano quasi solo a porte chiuse
    secondo perchè dopo 18 mesi ci si aspetterebbe che non capitino più questi blackout ed invece periodicamente ci ricascano.
    Per me il problema sta nel manico
    Direzione lancerei un sondaggio su quanti tifosi sono pro-rinnovo all’allenatore, così per sondare gli umori della piazza
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

      Scusa ma cosa vuoi dire??Che quando sono a porte chiuse giocano a carte anziché allenarsi????Inoltre scusa ma da quando è la piazza che decide se confermare un tecnico oppure no,??Abbiamo fallito una partita esattamente come accade a tutte le altre e allora??? Era l’ultima partita della stagione??? Un po’ di equilibrio da parte di noi tutti non farebbe male eh..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sylber68 - 1 mese fa

        Ieri sera hai fallito, punto. Con il Lecce con tutto il rispetto, non dovevi farlo. Non dovevi. Basta con queste scusanti basta da scusanti falliti. Ieri no, non dovevi e non potevi permertertelo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 1 mese fa

      è dall’anno scorso che chiedo un sondaggio visto che ci è stato proposto su qualsiasi puttanata.
      Wm è intoccabile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

        Simone i sondaggi si possono fare anche nei confronti del padre eterno, con tutto il rispetto.., il punto è che sta alla società decidere le sorti di un tecnico non certo a noi…se così fosse dovremmo cambiare 10 tecnici a stagione…Mazzarri ha le sue responsabilità ma ti ricordo che in campo vanno i giocatori..facciamo un sondaggio anche su di loro????

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 1 mese fa

          Certo che decide la società.
          Chi ha detto o scritto che il sondaggio è vincolante?
          Ci hanno proposto sondaggi su tutto o tutti tranne che su wm.
          È possibile averne uno sul tecnico?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

            Ripeto, a me va benissimo e sono felice di partecipare ma lo trovo poco utile..Come tutti gli altri sondaggi..

            Mi piace Non mi piace
          2. Simone - 1 mese fa

            Proprio xkè è inutile e NON vincolante che dovrebbero farlo senza “cagarsi” sotto se la piazza fosse in maggioranza scontenta…

            Mi piace Non mi piace
  18. robert - 1 mese fa

    Bravo Sartori!! La sua opinione e’perfetta.Ma se hai la materia prima molto scarsa ti devi aspettare queste cocenti delusioni e se poi Mazzarri ci mette del suo la frittata e’ completa.E’inutile che stiamo qui a farci il sangue marcio o si cambia almeno tre centrocampisti che fanno pena o saremo obbligati a rivedere nel prossimo futuro queste figure meschine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabio - 1 mese fa

      Perfetto!! Il centrocampo in ogni squadra è il reparto che fa la differenza. Ed il nostro a livello di qualità non è assolutamente all’altezza delle squadre che vogliono puntare all’europa. Si sapeva eppure non si è fatto nulla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 1 mese fa

        Sono anni che il centrocampo è inguardabile e la prima cosa che è stata fatta è confermare TUTTI

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. mansell80 - 1 mese fa

    Sembra che siam tutti d’accordo sul fatto che il ragionamento “squadra che vince non si cambia” abbia dei limiti se applicato a una partita in casa con una neopromossa, soprattutto se questa arriva dopo una vittoria strappata in trasferta a una diretta concorrente in un contesto tattico evidentemente molto diverso.

    Ormai è andata così, eravamo stanchi e molli, imprecisi – tutti i cross e i corner lunghi tranne quelli di Berenguer e poi di Verdi, non è questo il Toro.

    Ma spero che questa sconfitta serva da lezione anche a Mazzarri. Non dovrebbero giocare per forza quelli che ham vinto la partita precedente, ma i più funzionali a portare a casa i 3 punti in questa partita. E il triplo mediano più Berenguer forse non è funzionale a scardinare la difesa di una neopromossa.

    Contro la Samp mi auguro di rivedere Talismano Lukic a dare dinamismo, uno solo tra Meité e Rincon, Aina finalmente a destra dove dovrebbe giocare, e Laxalt esterno sinistro. E davanti Zaza e Belotti con Baselli o Verdi a supporto.

    Prime impressioni su Verdi, anche se è stato lanciato nella mischia senza intesa coi compagni:
    ottimi cross e passaggi filtranti, ma non si fa vedere tanto dai compagni tra le linee (non viene a forzarti il passaggio come Baselli o Lukic per intenderti). Ma insomma, da qui potrà solo migliorare spero! In bocca al lupo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 1 mese fa

      Perdonami ma quando mai hai visto baselli chiamare un passaggio sulla tre quarti? Per farlo devi essere capace, averlo dentro ed avere personalità. Tutte cose che a lui mancano. Va bene in quella posizione in tranferta con una big dove il suo scopo non é fare gioco ma andare a mordere il costruttore di gioco. Cosa che a Torino con il Lecce non si può vedere. Questa é la grande colpa che do a Mazzarri dal punto di vista tattico. Era fine gara ma quando verdi si é messo sul centrosinistra prendeva palla puntava l avversario e il terzino saliva bene ed eravamo più pericolosi. Spero che con il rientro di iago si possano vedere situazioni simili sia a sinistra che a destra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. bull1906 - 1 mese fa

    Mi chiedo come si faccia a nn vedere che al nostro allenatore manca l’ABC del calcio.Ieri sera ero allo stadio e appena effettuato il cambio di Verdi per Baselli ho subito intuito e detto ai miei figli “adesso ne becchiamo un altro…”.Detto,Fatto.Buco a trequarti campo e goa inevitabile,matematico.Il nostro allenatore poi ha solo pallini,Berenguer e Falque che ne sanno saltare l’uomo ne sanno tenere un pallone per inadeguata struttura fisica,visibile a tutti.In difesa poi già dall’anno scorso vai con Djidji e quest’anno Bremer,quando avevamo Bonifazi(meglio lottare con un nostro primavera e farlo crescere) e Lyanco(vedi campionato con il Bologna)…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 1 mese fa

      la penso come te sull’ABC però falque sbagli è un ottimo esterno con ottimi colpi, la sua colpa è saper fare solo quello e non la mezz’ala o il trequartista come vorrebbe testa di ghisa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

        Manca l’ ABC del calcio??
        Infatti stiamo parlando di uno che fino a ieri ha fatto il muratore,con tutto il rispetto per la categoria eh.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Toro Forever - 1 mese fa

    Leggo molte giuste argomentazioni sul disastro di ieri sera. Non ho nulla da aggiungere, anche perché richiederebbe una disamina lunga e dolorosa che non farebbe che ripetere le considerazioni fatte dai miei fratelli di sventura. Siamo delusi e amareggiati. Sognare per noi è diventato un incubo che sta erodendo la fiducia di molti. Avremo un futuro? In questo momento non vedo nulla, solo tanta nebbia nel cervello e sopratutto nel cuore della Squadra. Ora mi prendo una pausa. Sono veramente perplesso ed esausto. Auguri a tutti i fratelli Granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. fabrizio - 1 mese fa

    il problema e’ molto semplice:
    non puoi fare la partita con carro armato Meite’, de silvestri che non salta nemmeno un cadavere, aina idem , rincon (onesto pedalatore) baselli (inutile, se non a fare numero).
    Quando mancano gli unici giocatori con un pelo di classe in piu (falque e ansaldi)addio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Cerutti_Gino - 1 mese fa

    La realtà dei fatti è molto semplice: quando dobbiamo fare noi la partita andiamo in difficoltà. Perchè non siamo in grado di fare la partita, sappiamo giocare solo di rimessa. Abbiamo un centrocampo nullo in fase di costruzione. Baselli ha francamente stancato: compassato, timido e confuso. Manchiamo proprio lì. Se la difesa e il portiere smettono di fare i miracoli (come lo scorso anno), la baracca crolla. Le avversarie oramai lo hanno capito e penso che quest’anno ruscheremo parecchio. Per affrontarci basta lasciarci il pallone e venirci a pressare alti (con tre uomini, come fatto ieri dal Lecce dal 1′ al 95′): in sostanza un po’ come giochiamo noi. Ormai non siamo più un a sorpresa e gli avversari ci hanno preso le misure.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. inf_693 - 1 mese fa

    Devo dire che la sensazione già nel riscaldamento non era buona.sono entrato alle 2000 e il delle già stava facendo allunghi e scatti belli carichi, noi siamo entrati 20 minuti dopo più o meno e facevamo i palleggi.Ho ricordi lontani di quando entravi in campo pensando di essere più forte e poi le prendevi di santa ragione. Come ultima cosa il voto alla maratona ieri sera è 5. Sarà che andavo in curva quando cera junior e compagni ed era un altra cosa,d’accordo, ma i 1000 leccesi saliti dalla Puglia hanno cantato dal riscaldamento fino alla fine e sembravano in 10000.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sylber68 - 1 mese fa

      La maratona non c’è più caro mio, e la maggior parte non tifano neanche il Toro
      Te lo dico io…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. inf_693 - 1 mese fa

        Guarda, la cosa che mi ha lasciato allibito è stato il fatto di vedere entrare la maratona 15 minuti prima della partita, una partita così importante, senza preparare nulla di coreografico senza cantare e sostenere la squadra. ci sono rimasto veramente male, sarà che salgo una volta ogni tanto ma è stata veramente una delusione. I giocatori questa cosa la sentono. Al comunale si entrava 1 ora prima e si cantava di brutto.. ricordi troppo lontani
        cmq ho applaudito i tifosi del Lecce al termine della partita veramente caldi e presenti.
        fvcg

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. sylber68 - 1 mese fa

          Ma loro entrano perché sono costretti ad entrare.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. 1947 - 1 mese fa

      Mi chiedo perchè continuino a chiamarla Maratona.E’ un insulto a quella che era la curva più bella e passionale di tutta Italia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

        Per lo stesso motivo per cui c’è ancora chi chiama Toro l’attuale Torino FC, che del Toro è la pallida controfigura.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 1947 - 1 mese fa

          A malincuore.. sono d’accordo con te.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. eurotoro - 1 mese fa

    verdi jago berenguer parigini edera millico : 3 4 3!!!…3 4 3!!!…3 4 3!!!…3 4 3!!!…3 4 3!!!…3 4 3!!!…6 ali prettamente offensive in rosa!!!…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Kalokagathia - 1 mese fa

    Evvabbé dai non v’é bastato dormirci su per farvi tornare il buon umore. Le solite benali analisi a muso dritto incazzusi sono assolutamente legittime per tutta la serata dopo la partita. Rientriamo in noi. Mazzarri, Belotti, Ola Aina, Baselli &co non sono merde come li state dipingendo. Abbiam fatto un scivolone e cmq il Lecce ha fatto una gran partita, non è che giocavamo contro i conetti. Daje rinsavitevi che la squadra è bella forte e poi
    domenica c’è la Samp. Daje!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 1947 - 1 mese fa

      Stai scherzando, vero?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. valex - 1 mese fa

    E adesso, caro testadighisa, mi raccomando, a Genova con le doriane riproponi quei tre morti di sonno di Meitè, Baselli e Aina. Piazza sulla fascia quello scarpone inguardabile di gatto silvestro e conferma quel campione di torneo interaziendale che è Berenguer in attacco. Non vorrai negare anche alle doriane la possibilità di avere i primi tre punti in campionato. Coraggio, siamo fiduciosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 mese fa

      Il guaio grosso é che non ci sono molte alternative, sempre grazie alla lungimiranza della volpe del Monferrato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. valex - 1 mese fa

        Non ci sono alternative??? T.D.G. ha tenuto in panca Zaza, Laxalt, Verdi, Lyanco, Lukic e Millico per far giocare quei 5 giocatori da serie B che ho elencato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. miele - 1 mese fa

          Ok per Laxalt e Lyanco, se tiene fisicamente, ma Verdi non penso che servirà molto, visto che a 27 anni è ancora inespresso, Lukich o Baselli o Meite sono più o meno equivalenti e a Millico non si può chiedere di essere il salvatore della patria. Su Zaza ho più di una riserva, anche se ieri sarebbe servito certo più di Berenguer. In ogni caso si tratta sempre di giocatori di livello non eccelso, per usare un eufemismo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. pupi75 - 1 mese fa

    E’ evidente che sta mancando il reparto più affidabile della gestione Mazzarri, ovvero la difesa, mal protetta dal centrocampo (centralmente e sulla sinistra gli avversari si inseriscono senza alcuna difficoltà) e priva del miglior giocatore, Nkolou. Oltre gli atavici problemi in fase di costruzione del gioco penso che la eliminazione con i Wolves e la gravissima sconfitta con il Lecce siano da imputare alla scarsa tenuta difensiva (anche con il Sassuolo e Dea abbiamo sofferto parecchio). Se nn si pone rimedio la vedo dura
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 mese fa

      Il fatto è che si sarebbe potuto/dovuto porre rimedio in fase di mercato, ma il volpone ha preferito raccontarci che la squadra non necessitava di rinforzi, visto che tutti i componenti erano di ottimo livello. Poi, col pretesto della cigliegina, che tuttavia gli è costata carissima, è arrivato all’ultimo minuto di mercato senza prendere almeno due forti centrocampisti. Aggiungiamo che il caso Nkoulou ha terremotato la difesa, rivelando come il parco difensori non sia così solido come si pensava ed il quadro della situazione prende una forma poco piacevole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. gianni panchieri - 1 mese fa

    Caro Sartori mi riferisco al suo commento:.Allora,prima cosa ce n’era un altro colossale su Belotti(il meno evidente sinceramente era quello su Zaza),poi il gol annullato a Belotti su passggio indietro di un leccese(vogliamo ricordarci il gol di Trezeguet nel famoso derby:fuorigioco di 6 metri su palla schizzata mi sembra da Dellafiore).Quindi volevo dire si può fare una partita orrenda,tutto quello che si vuole ma sta famosa Var per noi la applicano o no?Avrei voluto vedere se al nostro posto ci fosse stata una squadra che fattura più di noi e avesse giocato malissimo,i rigori e il gol li davano,come se li davano.E questo non è vittimismo è la pura realtà.Poi i rigori si possono sbagliare e la colpa sarebbe nostra.Lo so che tanti non la pensano come me però io la vedo così.SEMPRE MA SEMPRE FORZA TORO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni panchieri - 1 mese fa

      Manca il primo pezzo.Sartori dice:una considerazione che non sarebbe stata cancellata neppure se l’arbitro Giua di Olbia avesse concesso al Torino quel sacrosanto rigore allo scadere del match.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. FORZA TORO - 1 mese fa

    riesco a commentare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. FORZA TORO - 1 mese fa

    m

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. maxvolpe69 - 1 mese fa

    Considerazioni del giorno dopo….. Mi girano le scatole, non perchè ‘potevamo essere in testa’, ma perchè queste partite qua sono quelle da vincere, perchè sono quelle che alla fine dell’anno ci mancheranno (Parma, Bologna, Empoli…..), è inutile vincere con l’Atalnta in trasferta o fare il risultato eclatante ogni tanto per dire che siamo cresciuti… questa squadra non è cresciuta, punto.
    Intendiamoci, ieri il Lecce non ha rubato niente, anzi, a volte la sua superiorità è stata schiacciante, verticalizzavano ed entravano in area avversaria con una facilità a tratti imbarazzante. Una squadra che non aveva segnato un manco un gol, ce ne ha fatti 2 in un solo colpo, e poteva segnarne altri…
    La cosa che mi fa paura è che questa squadra ha ancora tutto da dimostrare: eliminata dei Wolves in maniera netta (attenzione, se non sbaglio loro non hanno ancora vinto una partita in premier…) e, a parte l’exploit di Parma contro l’Atalanta, ha vinto ed ha perso con squadre modestissime. Ha una netta difficoltà nel fare gioco, ieri ho visto degli errori di palleggio non da squadra che ambisce ad un ruolo di primo piano, Ola Aina perde sempre i tempi di gioco, Baselli ha rotto i cogl…. con i passaggi dietro, Djidji centrale non lo si può vedere. Non possiamo giocare in casa contro il Lecce con una punta sola (3-5-1-1) cosi si capisce la mentalità che trasmette alla squadra l’allenatore , fermo restando la mia stima per lui. Speriamo bene, a partire da Genova e sempre forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. miele - 1 mese fa

    Questa affermazione fatta oggi mi pare un po’ pelosa. Nei giorni scorsi si sentivano ben altri discorsi. Si straparlava di 4°posto ed altre amenità del genere.Si recriminava per i soli 12000 abbonati. La sciagurata partita di ieri sera forse riporterà qualcuno coi piedi per terra, si rifletterà sul fatto che questa squadra è quella dello scorso anno, alla quale, in estate, è stata data a parole una bella lucidata, spacciando per ottimi giocatori molti dei componenti la rosa: DeSilvestri, Ola, Meite, Lukich, Berenguer, Baselli, Rincon, erano presentati come buonissimi elementi, mentre rimangono solo onesti pedatori che faticherebbero a trovar posto in squadre di centro classifica. Il mercato è stata una delusione con la conclusione all’ultimo minuto per acqistare Verdi per 25 m.ni. e di Verdi, ieri sera abbiamo avuto un primo assaggio assai poco incoraggiante. A tutto ciò si aggiunga il disastro provocato dalla vicenda Nkoulou che ha impietosamente messo in evidenza le carenze degli altri difensori ed ora si spera solo che Lyanco torni e si dimostri affidabile. Domenica ci aspetta la peggior partita che si potesse immaginare, a Genova contro la Samp a zero, come il Lecce. Meglio non pensarci, se fosse possibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. eesmi_12009986 - 1 mese fa

    “avversari limitati che fanno del gioco di rimessa il loro punto forte”
    mah a me ieri sera sembrava il Toro quella limitata che come al solito se non ci fosse stato Sirigu…..Purtroppo il problema atavico del Torino è il gioco, lento e senza un disegno. Ieri sera il punto forte dello scorso anno (la difesa) è stato il punto debole. Due goals subiti identici, su respinta del portiere la reattività dei nostri difensori era pari a zero. L’unico bravo in questo è Izzo. Adesso testa bassa e pedalare e sempre Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Policano - 1 mese fa

    Ma cazzo metti la migliore formazione!!! Cosa stai a lesinare… Aveva ljaic e lo teneva fuori… Proprio un tafazi, a darsi la zappa sui piedi!!! E così è stato svenduto… Centrocampo senza qualità….. Ha dato lui l’ok

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. mavri - 1 mese fa

    Ieri non potevo credere ai miei occhi sentendo osannare le gesta di Berenguer nuovo fenomeno del Toro che avanza. Ne lo si poteva definire mediocre senza essere assaliti verbalmente e tacciati di non capire nulla di calcio. Berenguer é quello di ieri sera, ne piú, ne meno, ma la colpa mica é sua, calciatore umile ed utile alla causa.
    Ieri il buon Mister ha chiaramente fatto passare nello spogliatoio il pensiero che eravamo scarsi e contro il Lecce c´era da difendersi. E cosí é stato. Quando giochi 3511 in casa col Lecce la tua autostima deve crollare vertiginosamente.
    Sui nuovi nulla da commentare, é troppo presto. Ció che era evidente é che dall´ingresso di Verdi la sbandata é stata totale semplicemente perché evidentemente lo schema non é stato mai utilitizzato ne applicato in allenamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. PiazzistaDiSeggiolini - 1 mese fa

    Con un allenatore come Walter Mazzari, discontinuo e confusionario, pessimo in casa, specialmente con le cosiddette “provinciali”, incapace di dare un gioco e una fisionomia precisa alla Squadra, arruffone, difensivista estremo e spesso con scelte tattiche inguardabili che danneggiano gli stessi giocatori, non si farà alcun salto di qualità, nè tantomeno tanta strada.

    Un allenatore che non adatti modulo e tattiche di gioco a seconda della squadra che dovrà affrontare, inserendo/adattando i giocatori nei ruoli giusti (caro Mazzarri, ma durante la settimana li guardi i filmati della squadra che dovrai prossimamente affrontare…??? Direi proprio di no…!!!), oltre a non avere alcuna valenza, fallisce in partenza e va incontro alle pessime figure di ieri.

    E’ mai possibile giocare tutto il primo tempo con un modulo difensivista, contro l’ultima in classifica a zero punti, semplicemente perchè “squadra vincente non si cambia” ?

    E poi qualcuno ha ancora in mente la gara contro l’Atalanta…??? Ebbene ci è andato tutto di lusso e il culo e San Sirigu ci hanno graziato da una possibile sconfitta, trasformandoal in una vittoria per nulla convincente: guardare, a tal proposito, statistiche, tiri in porta e possesso palla di Atalanta – Torino.

    E se, poi, dichiara ancora pubblicamente che, a distanza di 18 mesi, non è stato in grado di far capire ai giocatori le sue scelte, la sua tattica e il suo credo calcistico, e dichiara infine di aver sbagliato pure la preparazione, malgrado una sosta di 15 giorni, allora questo allenatore è proprio un fallito e dunque dovrebbe avere il buon gusto e la decenza non solo di non chiedere il rinnovo del contratto, bensi di dare le dimissioni.

    Scuse non ne ha più: la Società, anche se con colpevole ritardo, lo ha accontentato e questo suo continuo vittimismo da dilettante, non lo tollero più.

    P.S: se, anzichè riscattare alcuni giocatori bidoni, si fossero risparmiati i relativi quattrini e si fosse operato sul mercato anche in tal senso, sarebbe stato molto meglio.

    P.P.S: primarientra il “figliol prodigo” e meglio sarà per la difesa e per la costruzione iniziale del gioco. Secca mltissimo dirlo ma, senza Nkoulou la difesa fa acqua da tutte le parti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 1 mese fa

      sacrosante verita’…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. mirafiori64 - 1 mese fa

    temo di aver ragione io, il giorno dopo l’acquisto di verdi scrissi che questa era una squadra da 7 – 11 posto, ricevetti una caterva di meno.
    L’anno scorso questa squadra ha fatto un campionato oltre le sue reali possibilità, la campagna acquisti non ha risolto i nostri problemi, la vittoria di bergamo ha illuso molti, ma analizziamo onestamente come è avvenuta, molto al caso, vittoria casuale la definì gasperini, aveva ragione.
    ieri è stato tutto questione di approccio se entri in campo pensando di vincere con il minimo sforzo fai queste figure barbine, noi non siamo le merde o il napoli dove il divario con queste squadre è talmente netto che anche giocando al minimo, magari soffrendo e segnando al 70 minuto, vinci, noi se non giochiamo al 100% rischiamo di fare brutte figure contro chiunque.
    la difesa e quella che mi preoccupa di piu, l’anno scorso fu la nostra arma vincente, djiji non è un centrale, è in difficolta e la sua insicurezza la trasmette a tutta la difesa, bonifazi lo vedo poco indicato per una difesa a tre, nkoulou va integrato immediatamente altro che frustate e tribuna.
    speruma bin come si dice in piemonte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PiazzistaDiSeggiolini - 1 mese fa

      Come ho sempre sostenuto, bisognava andare da Pozzo con Bonifazi e i 25 milioni di Verdi, per trattare De Paul e Fofana.

      Tuttavia abbiamo acquistato Verdi e allo stesso occorre dare fiducia e minutaggio al Ragazzo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Iv73 - 1 mese fa

    Finiti i sogni di gloria di chi era entusiasta della campagna acquisti e di chi vedeva una squadra da 4° posto in classifica dopo la vittoria con l’atalanta.
    Bene,ora ritornati con i piedi per terra, si puo’ rianalizzare la squadra e l’allenatore.
    Ritorno su quello che scrissi un mesetto fa circa…..c’ e’ un solo fuoriclasse e sta in porta.
    Altri ottimi giocatori, belotti, izzo, ansaldi ed nkoulou…..ed altri buoni come bonifazi, meite’, aina, verdi…..il resto sono solo rincalzi da panchina.
    Se continuiamo ad osannare i berenguer, i baselli, i rincon..i de silvestri….non andremo mai da nessuna parte.
    Occorre sempre un fantasista che non abbiamo da una vita…..uno sullo fascia dx, perche’ de silvestri non si guarda proprio…due forti centrocampisti, un attaccante, perche’ zaza e’ quasi inutile come berenguer e da quando non c’e’ piu’ iago si vede eccome……epppoi senza nicolas in difesa ci sono buchi ovunque. A parte il fatto che…qualcuno mi deve spiegare come cazz fanno ad essere stanchi pure dopo la pausa x la nazionale……ma mistero. Infine ci si mette pure l’allenatore che invece di far giocare verdi dall’inizio fa giocare berenguer che a volte e’ irritante talmente e’ inutile….mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. galvano - 1 mese fa

    la sensazione, come hanno scritto altri, è proprio quella di non farcela più a seguire questa banda di morti che con il Toro non ha niente a che vedere. Non resta che appassionarsi ad altri sport, uscire di più o andare al cinema.
    ps: ho un amico in ospedale per una faccenda piuttosto seria. ieri ci siamo sentiti ed era tutto eccitato per il TORO, perché avremmo vinto e l’avrebbe aiutato a non pensare al luogo in cui si trovava…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. Paolino Paperino - 1 mese fa

    Orrore e raccapriccio… ma questa squadra ormai la conosco e non mi stupisco più di niente. La partita storta ci sta, ma non capisco come sia possibile che TUTTE le sante volte che c’è da fare il passettino in avanti, lo si faccia all’indietro e in malo modo. Ma ci rendiamo conto che da destra non arriva MAI un cross? DeSi, sant’uomo, ma in queste prime partite non spinge, non crossa, non salta mai l’uomo. Dall’altra parte Aina è fumoso, anche se almeno ci prova. La difesa, che l’anno scorso era il punto fermo della squadra, quest’anno è un colabrodo. Almeno un gol, se non due, lo prendiamo tutte le sante partite. Nkoulou? Ma rificchiamolo in squadra in tempo zero, perchè i sostituti non sono proprio all’altezza. Se poi Sirigu una volta ogni dieci partite non è a mille, allora siamo fottuti. Anche con l’Atalanta se non avesse fatto delle parate mostruose ora saremmo a 3 punti, o a 4 al massimo. Verdi, comunque, è da far giocare perchè mi pare che sia il giocatore giusto per creare un po’ di scompiglio là davanti. Non è che possiamo pensare che Belotti faccia da centravanti, da centrocampista e da terzino tutte le partite. Meitè mi pare passeggi in mezzo al campo, Berenguer è fumoso. Allo stesso tempo mi dico che siamo alla terza di campionato e che la squadra c’è. Solo che per qualche motivo ogni tanto si dimentica di giocare come sa e può fare. Vedremo, ma oggi girano a vortice. Ah se girano…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 mese fa

      contro le squadre che si difendono dobbiamo giocare con il 343. Belotti avanti e 2 in appoggio. Ieri Verdi e Berenguer o Verdi Baselli. NON con due punte che intasano gli spazi.
      Sirigu a mio avviso ieri doveva uscire. Si vedeva che era sofferente per la botta.
      La difesa: detto sotto. Bonifazi e Djidji possono giocare SOLO con Izzo e NK a fianco. Insieme sono un disastro. Hanno l’attenzione che posso avere io quando gioco scapoli ammogliati. Siamo al 3 goal preso su respinta (coi lupi credo fosse Bremer che faceva da spettatore alla respinta).
      Guardatevi il primo goal: dopo il tiro respinto Bonifazi se ne stava andando. Dove? Uno così, quando giocavo in una squadretta di promozione, se ne usciva e stava in panca per 6 mesi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paolino Paperino - 1 mese fa

        guarda, il perchè ieri abbia giocato con Belotti e Berenguer per me è un mistero. Se non giochi con il 343 in casa con il Lecce (e con gli uomini che hai in panchina), allora con chi ci giocherai, con l’Inter?? Ad ogni modo ormai è andata. Speriamo di rifarci a Genova e di non rilanciare anche loro (intanto tocco ferro che non si sa mai). Comunque due respinte di Sirigu perfettamente sui piedi degli avversari. Un po’ di sfiga ce l’abbiamo avuta, ma ciò non toglie che sia stata una partita inguardabile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. Toro 8 Scudetti - 1 mese fa

    Quando schieri contro il Lecce in casa 3511 dimostri di avere una mentalità perdente.
    Punto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. GRISCHIANO - 1 mese fa

    Durante la diretta ho criticato l’atteggiamento perché dovevamo cambiare completamente pelle: calciatori che giochino palla a terra mi è sembrato da subito la soluzione migliore. Però se si è molli ti puoi inventare di tutto che tanto non riuscirai a cambiare le cose.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. steacs - 1 mese fa

    Una squadra dai piedi di ghisa guidata da una testa di ghisa…

    Mancano da sempre giocatori buoni a centrocampo e ora che non c’è nemmeno un DS è ancora piú lampante che questa societá non abbia alcun interesse sportivo.

    Mi spiace che dopo 15 anni ci sia ancora gente che si illude e si faccia prendere in giro da questo circo, addirittura 12000 abbonati, siamo al limite del masochismo.

    Per il resto ci aspetta la solita uscita dalla Coppa Italia e un campionato di centro classifica fatto da vittorie sulle cosiddette “grandi” (una esclusa, a quella 6 punti si devono dare per ringraziarla degli spazi pubblicitari nel suo stadio colmo di pregiudicati) e sconfitte come queste da fegato amaro… per i tifosi ovviamente… i giocatori al massimo faranno qualche bel post su Instagram dicendo che hanno capito e non lo faranno piú.

    Mi raccomando rinnoviamo Mazzarri, magari alla Ferguson con poteri da DS, tanto il DS non c’è e quello di sopra è impegnato a cercare di entrare in politica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. LeoJunior - 1 mese fa

    Avete mai sentito parlare del “braccino” del tennista? Ecco. Quando devi vincere, giochi con un avversario che non fa molto e rimette la palla oltre la rete, se non sei tecnico e forte, perdi. Perchè non hai soluzioni tecniche e mentalmente vai in confusione.
    Noi in queste partite, a costo di prendere un’imbarcata, dovremmo giocarle come dei pazzi. Pressando e attaccando come fosse l’ultimo minuto. Proviamo una santa volta a farlo. i primi 20 minuti da forsennati. Prenderemo 4 goals? ok. Ma almeno proviamoci.
    Vedere 11 che pascolano in campo è irragionevole. Non abbiamo mezzi tecnici per farlo. Belotti e Zaza per quanto forti non hanno numeri da solisti. Idem il centrocampo. Possiamo solo aggredire.

    PS Con questa storia dei giovani del vivaio, piantiamola. Se 25 anni fa, quando in Italia si insegnava a difendere …., uno come Bonifazi rivedeva il campo dopo 6 mesi. Djidji credo che avrebbe fatto i 400 ostacoli perchè nelle giovanili gli avrebbero detto: ragazzo, hai un gran fisico, fai atletica. Per giocare a calcio ci vuole concentrazione e cattiveria. Lascia perdere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    Eh beh! Non c’era proprio da aspettarselo, dopo tutti gli squilli di trombe e tromboni a cui abbiamo assistito in queste ultime settimane.
    Già è stato fallito il primo obiettivo stagionale, il famigerato passaggio ai gironi di EL, esclusi dalla prima squadra “normale” incontrata (una squadra che in cinque partite di Premier League ha perso tre volte e pareggiato due).
    Proprio no, le scuse non bastano più.
    Mazzarri ieri sera ha dimostrato tutti i suoi limiti (da tempo segnalati), mettendo in campo una formazione improbabile, che ha risposto in modo vergognoso, supposti top player inclusi. Una formazione che di Toro non merita nemmeno di evocare il nome. Punto, e speriamo a capo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Sei ingeneroso. Se ci focalizziamo solo sulla partita di ieri hai pienamente ragione: prestazione vergognosa. Se valutiamo il lavoro di Mazzarri da quando è al Toro non si può essere così severi. Può non piacere il gioco del mister, può non essere simpatico, ma questo Toro da gennaio scorso viaggia su ritmi da CL e trovo ingiusto accanirsi dopo una sconfitta. Il fallimento dell’obiettivo stagionale è da addebitarsi principalmente alla società che ha lasciato il mister a sbrogliarsela tra calciatori infortunati, mancanza di alternative in alcuni ruoli, giocatori fuori forma e giovanotti ex primavera. I limiti di Mazzarri (che ne ha come ognuno di noi) non gli hanno impedito di creare un gruppo coeso con un gioco redditizio e una forte identità. Ieri è mancato un po tutto ciò ma son sicuro che a fine stagione festeggeremo l’Europa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ardi - 1 mese fa

        Se avessero sempre questa forte identità, non farebbe dieci partite all’anno come quella di ieri

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Toro Nel Cuore - 1 mese fa

    Faccio una breve considerazione : tutto vero , falliamo sempre la prova della verita’e questo dipende certamnente dal mister ma soprattutto dai giocatori!
    Per essere una squadra vincente ci vuole sempre il sangue agli occhi e ieri sera non si e’ visto , bisogna mettere in campo giocatori piu’ tecnici ma a discolpa del mister ieri sera sia Verdi che Zaza mi sono sembrati in ritardo di condizione. Aspettiamo prima di dare giudizi definitivi ma invito i ragazzi e il mister a fare una seria autocritica perche’ siamo una buona squadra , certo non da champions , ma possiamo giocarcela con tutti.
    Domenica tutti a Genova a sostenere i nostri ragazzi perche’ sono sicuro che faranno una bella partita.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 1 mese fa

      Cioè Zaza che è tornato a recuperare diverse volte palla in difesa è in ritardo di condizione mentre Berenguer, Meité, Aina, etc che sono partiti titolari invece erano in condizione ottima?

      La veritá è che Zaza, Belotti, Nkoulou e Sirigu sono giocatori di calcio, gli altri invece sono figuranti… in particolere Belotti e Sirigu non meritano di stare in questo scempio, gli auguro di accordarsi per andare a gennaio da qualche parte a giocare a calcio veramente, qua stianno sprecando tempo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sylber68 - 1 mese fa

        E cosa dici invece, dire alla società di affiancare a quelli che hai detto giocatori di un certo livello e non cazzari?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. torinogranata92 - 1 mese fa

    Si ma ragazzi la cosa grave è arrivare a dire che per motivare dei professionisti per una partita bisogna “terrorizzarli”!! Purtroppo ci sono troppi giocatori senza mentalità che si rilassano sugli allori troppo facilmente,tipo Aina,Meitè,Djidji ecc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. KEYPAX - 1 mese fa

    Il 3-5-1-1 in casa con il Lecce è veramente un atto di coraggio….
    La prima cosa da fare, se si vuole crescere, è cambiare quest’atteggiamento oltremodo pauroso che crea insicurezza in noi ed ingolosisce i ns scarsi avversari che deve partire in primis dal mister.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. Marco Toro - 1 mese fa

    Solo un appunto a redazione e tifosi, ho passato tutta la domenica e il lunedì a toccarmi, volevo anche scrivere ma poi ho lasciato perdere.. Tutti a parlare di primati in classifica ma alla terza di campionato chi se ne frega di dove sei in classifica!! Bisognava solo giocarsi la partita come avremmo giocato qualsiasi altra partita alla terza di campionato e non tirarcela da soli!! Io sono un po’ scaramantico e non posso leggere robe tipo “saluta la capolista” o “non per il primanto” prima ancora di giocare!! È assurdo!!!! Già siamo sfigati di nostro se in più la chiamiamo la sfiga….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolino Paperino - 1 mese fa

      Sai che ogni tanto penso che parte della nostra sfiga dipenda dal fatto che siamo tutti, storicamente, convinti di essere sfigati? Se ci pensi, 30.000 persone che – davanti alla tv o allo stadio – stanno sempre sul chi va là in attesa della trombata, secondo me la trombata alla fine se la tirano sul serio. Un po’ come quando a scuola sudavi freddo perchè non avevi studiato e interrogavano proprio te. Credo si chiami legge dell’attrazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco Toro - 1 mese fa

        Punto di vista interessante il tuo che potrei girare anche nella mia vita privata perché a volte ho l’impressione di avere il gufo sulla spalla, sono uno ottimista e positivo in generale, rido sempre ma consapevole di avere una sfiga cronica.. Da piccolino mi hanno anche portato a Lurdes ma devo dire che non è servito.. Forse se provo a scordarmi di essere così sfigato questa mi lascerà in pace.. Meditero’ sul tuo commento.. Grazie della dritta..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Paolino Paperino - 1 mese fa

          Quando ho letto di Lourdes per poco mi ribalto sulla sedia 😀 Comunque sono convinto sul serio che se si pensa di essere sfigati alla fine la sfiga la si attragga. Pensa agli innominabili: quelli sono abituati a vincere e, salvo casi rarissimi, ma rarissimi davvero, hanno più culo che anima. Secondo me è anche questione di atteggiamento. Onestamente, dimmi se non è cosi: se noi stiamo vincendo a tre minuti dalla fine contro una squadra del Belize di quarta categoria, ci caghiamo addosso. Perchè? Perchè storicamente sappiamo che gli avversari pareggeranno al 94° da una rimessa laterale del portiere che colpisce un piccione viaggiatore di passaggio. Al contrario, gli innominabili – nella medesima situazione – storicamente sanno che nella maggior parte dei casi, la rimessa laterale del portiere si trasformerebbe in un autogol generato da un tornado che si scatena all’improvviso nel bel mezzo dello stadio. Il risultato è che loro sono predisposti ad avere culo, noi ad avere sfiga. Ma secondo te, se al posto degli innominabili ci fossimo stati noi a Firenze domenica scorsa, quel rinvio sbilenco del portiere che ha colpito Chiesa e che ha fatto impennare il pallone sopra la traversa infrangendo tutte le leggi della fisica, non sarebbe finito all’incrocio dei pali? Pensa alla finale di Amsterdam. La porta dell’Ajax sembrava avesse solo pali e traverse! Dobbiamo fare un’opera di sensibilizzazione. Convincerci che anche noi possiamo avere culo. Basta dimenticarsi 113 anni di storia e siamo a posto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ardi - 1 mese fa

      Non dirlo a me era una settimana che mi toccavo ad ogni articolo o commento, ma vedo che non è servito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. prawn - 1 mese fa

    A mente fredda credo che una cosa la poteva capire Mazzarri : senza portatori di palla non si segna. E mi pare che questo capiti da anni (meite e Baselli sono da metà classifica, lollo è bollito, Aina è troppo incostante).
    Quando non giocano Ansaldi o Lukic non vinciamo quasi mai, sarebbe da perder tempo e fare una bella analisi. Ma è così.
    L’altro fatto è che senza N’Koulou siamo una difesa colabrodo.
    Ora passi il camerunense che è in piedi dietro la lavagna in punizione.
    Ma non fidarsi di Laxalt è molto grave, e dopo un primo tempo scandaloso di Baselli e Meite non fidarsi di Verdi è altrettanto scandaloso.
    A me Zaza poi è parso molto in forma quest’anno per cui un altra opportunità persa alla grande, visto che stava bene.
    Insomma formazione completamente sbagliata, mercato stitico perché cmq secondo me è ora di usare Baselli come ripiego non come titolare.
    Insomma se si punta sugli stessi cavalli si otterranno sempre gli stessi risultati.
    Non voglio deprimermi e credere che l’anno sarà tutto così, questa volta la partita l’ha sbagliata solo il mister.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 mese fa

      Esatto. Aggiungo solo che baselli andava venduto due anni fa per prendere uno veramente forte a centrocampo e meite non andava proprio preso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. mirafiori64 - 1 mese fa

      giusta analisi, questo è lo stesso toro dell’anno scorso, che ha fatto un campionato ottimo, ma è lo stesso de’anno corso con i suoi limiti e difetti.
      mazzarri anche io non lo capisco, a bergamo poteva andare bene quella formazione, al di là del risultato, ma con il lecce? ma se non giochi un po sbilanciato con il lecce contro chi vuoi giocare, con la roma? con il napoli? anche che se credo che è questione di approccio, non sono il numero di attaccanti che indica quanto vuoi essere offensivo, ieri sera potevi mettere 10 punte in campo eravamo molli, raddoppiavamo con ritardo…uno schifo, una mediocrita incredibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. wborg_516 - 1 mese fa

        MA NON SCRIVERE CAZZATE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Paolino Paperino - 1 mese fa

        purtroppo secondo me il problema è che non è lo stesso Toro dell’anno scorso. Quello dell’anno scorso aveva una difesa micidiale, mentre quest’anno fa acqua da tutte le parti. L’unico veramente di livello là dietro (tolto Sirigu al quale dovremmo fare un monumento davanti alla Maratona) è attualmente Izzo. Senza Nkoulou i nostri avversari (dai lupi al Lecce) entrano in area con una facilità disarmante. Ieri, alla fine del primo tempo, il Lecce aveva fatto (se non sbaglio) 5 tiri nello specchio e ci aveva già fatto una pera. Nel secondo tempo, oltre ad avercene fatta un’altra di pera, non so quante altre volte abbia tirato. E stiamo parlando del Lecce, non del Napoli o del Real Madrid. E guarda che con l’Atalanta è stata la stessa storia, con la differenza che San Salvatore due settimane fa ha parato anche le mosche. In fase di costruzione di gioco ieri sera siamo stati penosi, ma quello è successo anche l’anno scorso in alcune occasioni. La differenza grossa è che quest’anno le barricate davanti a Sirigu non tengono proprio. Che disperasiun!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. wborg_516 - 1 mese fa

    PURA CURIOSITÀ…
    QUALCUNO SA DIRE A QUANTO ERA PAGATA IERI LA VITTORIA DEL LECCE…




    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christian85 - 1 mese fa

      era data a 7…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 1 mese fa

      6,5

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. wborg_516 - 1 mese fa

        Ciao, Bwin la dava a 7.25..
        Non aggiungo altro perché non voglio pensare male…
        MA puntando 5000, 10000 euro che sarebbero i nostri 10 euro per qualcuno…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. mirafiori64 - 1 mese fa

          ma non scriviamo cazzate…..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. wborg_516 - 1 mese fa

            Sparati.. Cafone maleducato

            Mi piace Non mi piace
        2. mavri - 1 mese fa

          Se pensi male é perché stai male. Forte.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. christian85 - 1 mese fa

    Un allenatore che fa mea culpa è da apprezzare. Ventura non avrebbe mai ammesso colpe sue. In ogni caso, ha rimesso la stessa formazione che aveva battuto l’Atalanta.. che abbia sbagliato è palese, ma chi scende campo ha doppie responsabilità, viste anche le grandi differenze tecniche.. I giocatori dovrebbero vergognarsi, specialmente Berenguer che aveva avuto la fiducia del mister. Un grande allenatore si vede anche in queste cose, dare fiducia e coraggio a uno come lui che doveva dimostrare in partite come queste di essere un titolare fisso; purtroppo ha fallito sbagliando di ogni e il risultato è che aver messo Zaza dopo 45 min era troppo tardi. Concludo : Mazzarri ha colpe, ma sulla respinta di Sirigu cosa cazzo stavano facendo Djidji e Bonifazi ??? Ma scherziamo ? Mazzarri si è preso il mea culpa per difendere i suoi uomini, ma in settimana questi due prenderanno una strigliata di quelle che non se le dimenticheranno mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mavri - 1 mese fa

      perdona, ma dire “é colpa mia se i giocatori non hanno capito…” é dare intrisicamente la colpa a loro facendoti pure il figo. Assumersi la colpa é dire “é colpa mia perché ho schierato una formazione di merda”. E questo anche Ventura lo faceva spesso…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. martin76 - 1 mese fa

    Subito fuori dalla coppa e persa l’occasione di essere primi davanti alle m***e dopo 3 giornate… poche squadra sanno regalare cocenti delusioni come la nostra.
    Che amarezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    P.S
    C’è un’ultima considerazione da evidenziare:
    Ho visto Verona Milan e a Torino Lecce.
    Noi ieri meritavamo di perdere e abbiamo perso.
    Il Milan meritava di perdere e ha vinto.
    Per dire che se il Toro non merita sul campo difficilmente fortuna (e arbitri ) ci aiutano. Se vogliamo quindi aspirare ai primi 6 posti dobbiamo per forza fare qualcosa di più di un Milan qualsiasi …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mirafiori64 - 1 mese fa

      finiamolo con la storia degli arbitri…il rigore è stato un regalo, ci avessero dato contro un rigore del genere avremmo gridato allo scandalo per un mese, le grandi squadre non sono quelle che vincono giocando bene, sono quelle che vincono anche quando giocano male, noi evidentemente non siamo una grande squadra o meglio non siamo da primi sei posti. Sul 1-1 eravamo nelle condizioni di vincere agevolmente invece sono venuti fuori i nostri limiti mentali, caratteriali e tecnici, il lecce ha vinto meritatamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. wborg_516 - 1 mese fa

        “sull 1 a 1 eravamo nelle condizioni di vincere agevolmente”?????

        Dove l hai visita la partita alla play station…
        Ieri sera erano tutti imbarazzanti, Belotti escluso.

        NON scrivere cazzate

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Poi domandiamoci il numero degli abbonamenti da 15esimo posto…ieri mentre qui litigavamo sui perché e sui per come ci siamo dimenticati di dire che il nostro Toro puntualmente fallisce tutti gli obiettivi che permetterebbero di fare un salto di qualità “, di sognare un primo posto anche solo per una settimana “, di qualificarci ai gironi dopo averli a lungo rincorsi ed essere stati ripescati “…
    Domenica prossima ci sarà la Sampdoria disperata e a zero punti…faremo risorgere anche loro ?
    Dal nostro Toro purtroppo c’è da aspettarsi di tutto, ma quasi sempre in senso negativo.

    È davvero deprimente. Non per la sconfitta in sè, ma per come è avvenuta e perché capita sempre così. Carpi, Parma , Bologna, Empoli, Lecce … squadrette affrontare in momenti topici che ci hanno fatto tutte un culo come una capanna.
    Non sono casi. C’è qualcosa che non funziona a livello di carattere e di mentalità che coinvolge tutti: giocatori e società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 mese fa

      Purtroppo credo che non faremo tre punti con la Samp

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 1 mese fa

      Di queste tue parole molti si dimenticheranno alla prima vittoria, perdendo di vista come di consueto l obbiettivo finale. Che non è il conto in banca ma i risultati sportivi. Dove il primo è funzionale ai secondi e non viceversa. Questo per una società di calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      @prawn: alla luce di quel che abbiamo visto ieri sarà molto dura …ma siamo anche in grado potenzialmente di vincerla…non è questo il punto. Anche se fosse poi perderemmo con il prossimo Lecce di turno.

      A chi mi ha scritto che recriminavo : Non mi sono lamentato degli arbitri, ho solo detto che a differenza del Milan che ha giocato male e ha vinto noi abbiamo giocato male e perso, perché nessuno ci regala nulla e quindi non possiamo permetterci di giocare male. Se il Toro gioca male perde quasi sempre.

      @Davide: si, anche secondo me ci si dimentica presto. E devo dire che dopo il colpaccio contro l’Atalanta anche io un po’ ci credevo che avremmo battuto il Lecce… mica il Real. Il Lecce !
      Che noia !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. sylber68 - 1 mese fa

    E un’altra cosa: cagasotto giochi in casa con il Lecce a una punta, e hai due giocatori freschi in panchina e non li fai giocare, ma Vattene, perdente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  58. sylber68 - 1 mese fa

    Nessuna lezione, perdere in casa con tutto il rispetto con il Lecce non esiste. Possibilità dopo 200 anni di essere sopra i gobbi non esiste. Un allenatore perdente, una squadra di morti. Ieri sera allo stadio veniva il vomito e non solo a me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  59. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

    Dire che sono deluso ed amareggiato è un eufemismo.Ben tornati sulla “terra!”Quanto alla crescita di mentalità sarà il caso di riparlarne.Ora zitti e pedalare.Certe scuse mi paiono puerili.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  60. portapila41 - 1 mese fa

    Ho fatto i capelli bianchi vivendo per troppi anni sempre lo stesso film :qualche buona gara , premesse per una crescita costante e poi la enorme delusione sempre contro squadre più che abbordabili. La cosa inspiegabile è come TUTTA UNA SQUADRA , chi più chi meno ,riesca contemporaneamente ad essere fuori partita : incredibile anzi no , roba da Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  61. leoj - 1 mese fa

    Essendo professionisti viene da pensare che siano venduti. Non c’è un’altra spiegazione logica.
    quanto a Mazzarri, questo mediocre allenatore inspiegabilmente coccolato come fosse un guru, ha già avuto abbastanza tempo per dimostrare di non avere alcuna speranza di successo.
    Seguire questa società è diventata roba da psichiatria, io non ce la faccio più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sergiovatta - 1 mese fa

      Non sono venduti. Sono presuntuosi, mentalmente fragili. Per il resto analisi precisa…concordo su tutto. Anche sul fatto che diventa difficile seguire ed appassionarsi a una squadra così, che fa intravedere un obiettivo e poi lo sbaglia sempre. Sempre!! Anche io non ce la faccio più…e questo mi fa stare male, forse più dell’ennesima figuraccia assurda.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy