Col Cittadella per dimenticare Varese

“Ogni sconfitta a Torino è un caso di Stato” ha dichiarato pochi giorni fa Daniele Delli Carri a TN. D’altronde, in una Piazza come questa, dove i tifosi sono stati assuefatti a vincere in passato, non ci si abituerà mai alla Serie B o ad un mediocre campionato di A. Tuttavia, in questo momento, la cadetteria è quello che il Torino merita. Nessuno l’ha spedito forzatamente…

di Edoardo Blandino

“Ogni sconfitta a Torino è un caso di Stato” ha dichiarato pochi giorni fa Daniele Delli Carri a TN. D’altronde, in una Piazza come questa, dove i tifosi sono stati assuefatti a vincere in passato, non ci si abituerà mai alla Serie B o ad un mediocre campionato di A. Tuttavia, in questo momento, la cadetteria è quello che il Torino merita. Nessuno l’ha spedito forzatamente là. Potrà esserci stato qualche episodio piuttosto discutibile, ma i granata sono in Serie B per demeriti propri. E allora bisogna fare i conti con questa situazione, rimboccarsi le maniche e cercare di ottenere punti preziosi.

Fino al match con il Varese i granata erano reduci da 10 risultati utili consecutivi. Non sappiamo se la pesante sconfitta patita al Franco Ossola abbia lasciato strascichi, ma la speranza è ovviamente di no. Alla vigilia della scorsa partita scrivevamo che il risultato non sarebbe stato decisivo né in un senso, né nell’altro e deve essere così. Una squadra che punta alla promozione non deve farsi influenzare da 90 minuti storti. Nell’arco di una stagione ci sono alti e bassi, ma quello che conta è rimettersi in piedi dopo un brutto Ko e guardare avanti.

Pensare al futuro in questo caso significa concentrarsi sul match di domani contro il Cittadella. I veneti distano 9 punti in classifica dal Torino e bazzicano poco sopra il fondo della classifica. Sulla carta non appare dunque un impegno proibitivo, ma la domanda che si pongono i tifosi è: come reagirà la squadra dopo l’ultima sconfitta? La speranza, ovviamente, è che arrivino i tre punti, però guai a sottovalutare l’impegno. Il fatto che la squadra di Foscarini sia dietro in classifica non significa che non possa rendersi pericolosa. Tutte le volte che i granata hanno sbagliato l’approccio alla partita hanno pagato amare conseguenze. Per scoprire cosa succerà domani non resta che attendere.

 

(Foto: M. Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy