Come subisce gol il Toro: gli angoli un incubo, male anche in area di rigore

Come subisce gol il Toro: gli angoli un incubo, male anche in area di rigore

I dati / Troppo disattenzioni che regalano penalty agli avversari per i granata: in generale, gli ultimi 16 metri sono penetrati troppo facilmente

di Nikhil Jha, @nikhiljha13

Abbiamo analizzato nelle scorse ore la mappa dei gol realizzati dal Torino, per capire dove la squadra granata eccellesse e dove invece non fosse stata efficace come poteva. L’analisi ora passa alla parte difensiva, di gran lunga la nota dolente della stagione. Nonostante il decimo posto in classifica, i granata hanno la quinta peggior difesa della Serie A (48 gol subiti), e per di più hanno mostrato mancanze strutturali colmate solamente in parte nelle ultime due settimane.

ROME, ITALY - MARCH 13: Senad Lulic (L) of SS Lazio competes for the ball with Lorenzo De Silvestri FC Torino during the Serie A match between SS Lazio and FC Torino at Stadio Olimpico on March 13, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images) pagelle
ROME, ITALY – MARCH 13: Senad Lulic (L) of SS Lazio competes for the ball with Lorenzo De Silvestri FC Torino during the Serie A match between SS Lazio and FC Torino at Stadio Olimpico on March 13, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images) pagelle

GLI ANGOLI, UN INCUBO – Sono ben 9 le reti subite da calcio d’angolo o da immediati sviluppi: tante, tantissime. Non per niente nel corso della stagione la questione palle alte è rimasto nell’occhio del ciclone mediatico, a causa dei frequenti gol subiti in circostanze simili, causati da una cattiva posizione o da una cattiva comunicazione degli uomini della difesa. Spesso è mancata l’applicazione del singolo, che si è fatto sovrastare nell’uno contro uno.

MILAN, ITALY - OCTOBER 26: (L-R) Mauro Icardi of FC Internazionale competes for the ball with Luca Rossettini of FC Torino during the Serie A match between FC Internazionale and FC Torino at Stadio Giuseppe Meazza on October 26, 2016 in Milan, Italy. (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)
MILAN, ITALY – OCTOBER 26: (L-R) Mauro Icardi of FC Internazionale competes for the ball with Luca Rossettini of FC Torino during the Serie A match between FC Internazionale and FC Torino at Stadio Giuseppe Meazza on October 26, 2016 in Milan, Italy. (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Questo è un altro dei problemi dei granata: troppo spesso la squadra si è fatta sorprendere e ha costretto all’uno contro uno un proprio compagno – Higuain contro Barrerca nel derby, per esempio. Non mettendo così troppa pressione sull’avversario si è esposta a pericoli poi amaramente pagati. A ciò si aggiungono alcune giornate negative dal punto di vista personale – vengono in mente Rossettini ad inizio stagione (ora è molto più consistente l’ex Bologna) e Ajeti nella seconda parte, che non hanno certo facilitato Mihajlovic nel compito di trovare una quadra solida.

Più in generale, le palle alte in senso lato sono state il vero tallone d’Achille del Toro, costantemente sovrastato sia a palla ferma che durante un’azione in movimento (20 i gol subiti partendo dalle fasce, molti dei quali nati da cross vincenti).

TROPPI FALLI IN AREA – I granata non si sono trovati bene neanche nel difendere il cuore della propria difesa, l’area di rigore: qualche ingenuità di troppo è costata ai granata 5 penalty che hanno inciso particolarmente sulla classifica. Più malizia e più attenzione avrebbero magari consentito una gestione più prudente di determinate situazioni.

Insomma, una retroguardia granata che ha pagato inesperienza ma anche, va detto, un filtro non adeguato del centrocampo, reparto spesso in balia degli avversario in fase di contenimento. Valdifiori in copertura ha fatto il suo e anche Lukic si è districato bene – anche se alcune lacune sono emerse, come in occasione del gol di Dzeko a Roma – ma ciò non è bastato ai granata. Peccato, perché l’arsenale offensivo messo in campo dalla squadra di Miahjlovic avrebbe meritato protezione migliore.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 3 anni fa

    Bastava scrivere due parole: difesa scarsa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 3 anni fa

    Gpv:”Se dovessimo fare il Mondiale e volessimo farlo da protagonisti, dovremmo conoscere più modi di stare in campo, per colmare un gap o fare la differenza con avversari diversi”
    Il nostro genio invece conosce un solo modulo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rossogranata - 3 anni fa

    TUTTO OK ! Non c’è da dire altro in più. Complimenti per l’analisi ” chirurgica” della nostra difesa. Speriamo che venga letto anche dal mister Miha!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy