Covid-19 e Serie A, salgono a sei le squadre con positivi. Al Torino nessun tampone

Il punto / Con Sportiello dell’Atalanta sono sedici i calciatori della massima serie risultati positivi al Coronavirus

di Redazione Toro News

Sedici calciatori di Serie A positivi al coronavirus quando siamo arrivati al 25 marzo, a più di un mese dall’arrivo dell’epidemia in Italia. Il triste conto si aggiorna con la positività comunicata ieri per Sportiello dell’Atalanta. Sono sei le società colpite: Juventus (il primo caso in ordine temporale è stato quello del difensore Rugani), Sampdoria, Fiorentina, Verona, Milan e Atalanta. Notizie non positive, oltre che per la salute degli atleti, anche per chi spera che la Serie A di quest’anno possa terminare. Va detto che, fortunatamente, per nessuno dei giocatori coinvolti sono stati resi noti al momento problemi di salute importanti. Ecco l’elenco attuale:

JUVENTUS (3)

Daniele Rugani (11 marzo), Blaise Matuidi (17 marzo), Paulo Dybala (21 marzo)

SAMPDORIA (7)

Manolo Gabbiadini (12 marzo), Omar Colley (13 marzo), Albin Ekdal (13 marzo), Antonino La Gumina (13 marzo), Morten Thorsby (13 marzo), Fabio Depaoli (14 marzo), Bartosz Bereszynski (14 marzo)

FIORENTINA (3)

Dusan Vlahovic (13 marzo), Patrick Cutrone (14 marzo), German Pezzella (14 marzo)

VERONA (1)

Mattia Zaccagni (17 marzo)

MILAN (1)

Daniel Maldini (21 marzo), contagiato anche il padre, dirigente Paolo Maldini

ATALANTA (1) 

Pietro Sportiello (24 marzo)

TORINO – E in casa Torino quale è la situazione? Fortunatamente tutti i calciatori stanno bene al momento; nessuno degli effettivi della rosa granata è stato sottoposto a tampone perchè non è stato necessario. Tutti i giocatori stanno rispettando le direttive del governo rimanendo nelle loro case e non risultano loro spostamenti dalla città di Torino. L’intera squadra è comunque strettamente monitorata dallo staff medico che negli scorsi giorni ha effettuato diversi test tra cui gli esami del sangue.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy