Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Il Torino e il sostituto di Nkoulou: Djidji le tenta tutte, c’è anche l’ipotesi Rincon

Verso il match / Con il camerunese squalificato e Lyanco ceduto in prestito, il tecnico dovrà studiare una soluzione: ecco le possibilità

Alberto Giulini

"Sono arrivate buone notizie dal Filadelfia: nella giornata di ieri, infatti, Koffi Djidji ha ripreso a lavorare parzialmente con il resto della squadra. Possibile, dunque, che possa essere già a disposizione di Mazzarri domenica contro l'Udinese. Il tecnico farà certamente di tutto per recuperare il centrale ivoriano, che viste le circostanze sarebbe fondamentale contro i friulani.

"DJIDJI CENTRALE - In assenza di Nkoulou, infatti, l'ex Nantes sarebbe il candidato numero uno per andare a piazzarsi al centro della difesa. Una soluzione che consentirebbe di non cambiare modulo, mantenendo Izzo sul centrodestra e confermando Moretti sulla sinistra. Tutto dipenderà da questi ultimi allenamenti, in cui lo staff medico valuterà con attenzione le condizioni dell'ivoriano per valutare la possibilità di un impiego domenica: in caso di risposta affermativa, spetterebbero a lui le chiavi della difesa.

http://www.toronews.net/columnist/toro-q-b/

"RINCON ARRETRATO - Nel caso in cui Djidji non dovesse recuperare, invece, si valuta l'ipotesi di arretrare Rincon sulla linea dei centrali. Sarebbe una vera novità, certo. Ma già contro la Spal, infatti, il venezuelano ha abbassato il proprio raggio d'azione, andando a prendere il posto di Nkoulou dopo l'espulsione di quest'ultimo. Per velocità e capacità delle letture tattiche, il venezuelano è una soluzione non da scartare. Rimangono sullo sfondo, invece, le ipotesi di Izzo centrale (con conseguente impiego di Bremer sulla destra) e di un passaggio alla difesa a quattro, come si è visto in qualche occasione quest'anno a gara in corso. In quest'ultimo caso, Mazzarri schiererebbe Izzo e Moretti centrali, con due tra De Silvestri, Aina e Ansaldi sulle corsie laterali.

Potresti esserti perso