Daniele Baselli 6.5, dopo la pubblica reprimenda una risposta positiva

Daniele Baselli 6.5, dopo la pubblica reprimenda una risposta positiva

Il Pagellone di Natale / Il giovane centrocampista granata ha giocato sin qui un discreto campionato, anche se con qualche calo

di Raffaele Lima, @RLima_21
Baselli

Un talento, sicuramente uno dei migliori in vista dell’imminente futuro della squadra granata e chissà, magari anche della nazionale azzurra. Di certo è uno che di stoffa ne ha, e anche molta, ma il salto di qualità, quello che lo porterebbe nell’Olimpo del grande calcio, non lo ha ancora fatto, a causa soprattutto della poca costanza. Daniele Baselli è al Torino dal 2015, dopo esser stato ceduto dall’Atalanta, che lo ha forgiato e lo ha lanciato in Serie A. In queste due stagioni sotto la Mole, il giovane centrocampista di Manerbio ha sofferto proprio di questo “male”: la discontinuità, difetto che non gli ha risparmiato affatto poche critiche, tutt’altro, il giovane ’92 è finito spesso sotto le critiche di tifosi e allenatore, che hanno preteso e pretendono molto di più da lui considerando soprattutto il suo importante potenziale. Delle qualità, le sue, che ad oggi sono state sfruttate soltanto in parte, ma che, Mihajlovic, sta cercando di esaltare al massimo, per il bene suo e del collettivo stesso.

TURIN, ITALY - AUGUST 28: Daniele Baselli of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Bologna FC at Stadio Olimpico di Torino on August 28, 2016 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Questo inizio di stagione è stato, come quello passato, di buon auspicio per Baselli, che ha siglato due reti nelle prime due partite – contro il Milan e contro il Bologna -, facendo sognare di conseguenza l’intero ambiente, poi però deluso dalle successive prestazioni. A fronte di ciò, il tecnico serbo ha spesso effettuato del turnover, proprio per spronare il giovane ragazzo a fare di più: contro l’Empoli ad esempio, Mihajlovic ha preferito schierare Obi ed Acquah, proprio per lanciare un chiaro segnale alle sue prime scelte in mediana. Stessa cosa anche contro la Fiorentina, dove ha lasciato in panchina soltanto il centrocampista ex Dea, al quale è stato preferito il ghanese Acquah, molto più fisico e cattivo. Potere della sorte, o coincidenza, nella giornata successiva, Baselli ha siglato una rete contro il Palermo al Renzo Barbera, contribuendo dunque alla splendida vittoria in terra siciliana. Il metodo educativo del “bastone e carota” messo in atto da Mihajlovic è dunque servito, soprattutto per tenere alta la tensione dentro la testa della giovane mezz’ala, poi comunque vittima di questa discontinuità che in questi due anni lo ha fortemente caratterizzato. Una stagione dunque la sua, fin qui, positiva sì, ma non del tutto: sicuramente da migliorare. Data la sua ancora verde età, le sue qualità possono ancora enormemente migliorare, sia dal punto di vista fisico che tecnico. Anche questa discontinuità potrebbe essere esorcizzata, a suon di lavoro e soprattutto determinazione, ingredienti indispensabili per diventare un vero campione.

Serie A Coppa Italia
Presenze 18 1
Minuti giocati 1014′ 30′
Cartellini gialli 3 1
Cartellini rossi 0 0
Gol 4 0
VOTO 6.5
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ToroShakty - 4 anni fa

    Ggh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ToroShakty - 4 anni fa

      Se lo vendessimo intorni ai 10 milioni sarebbe una buona plusvalenza non penso che Baselli diventi un campione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. robert - 4 anni fa

        Il Toro ha un centrocampo troppo leggerino che non sa fare filtro alla difesa e non sa fare pressing a centrocampo.Baselli è un giocatore che rimarrà sempre un talento e conviene darlo in prestito e al suo posto prendere un centrocampista tosto che sa “picchiare” e impostare l’azione (tipo Pogba in scala minore).Il Toro ha troppi talenti che fanno il bello e brutto tempo (vedi Liajic,Boye,Martinez,Gustafsson,Lukic e anche Barreca che ci ha fatto perdere 3 partite).Infine una cazzata che ha fatto la società è quella di aver venduto Jansson che ci avrebbe fatto comodo e aver preso Rossettini.E i fatti parlano chiaro !!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy