Europa League, il “Grande Torino” non disponibile a luglio: possibile inversione delle gare

Europa League, il “Grande Torino” non disponibile a luglio: possibile inversione delle gare

Lo scenario / La città di Torino ha segnalato alla FIGC l’indisponibilità dell’impianto: l’andata del preliminare contro Debrecen o Kukesi potrebbe essere giocata in trasferta

di Redazione Toro News

La notizia del giorno è senza dubbio il ripescaggio del Torino in Europa League 2019/2020: il Milan ha raggiunto un accordo con la Uefa, ratificato dal Tas,che ha escluso i rossoneri dalle competizioni europee per la prossima stagione in cambio dell’accantonamento dei due procedimenti attivi sui rossoneri. Spazio dunque al club di Urbano Cairo che giocherà il 25 luglio e il 1° agosto il secondo turno preliminare contro la vincente di Debrecen – Kukesi.

Il sorteggio aveva stabilito che la gara di andata avrebbe dovuto giocarsi a Torino, ma lo stadio Olimpico-Grande Torino non sarà disponibile sino al 1° agosto a causa di alcuni eventi che si terranno sul prato dello stadio torinese, tra cui un concerto di Laura Pausini e Biagio Antonacci. La città di Torino, proprietaria dell’impianto, ha segnalato il problema alla FIGC per le opportune valutazioni. Può dunque ancora andare in scena l’inversione delle gare del secondo turno di qualificazione di Europa League, col Torino che giocherebbe il ritorno in casa.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 3 mesi fa

    Certo che è meglio il ritorno in casa, ma se i nostri avversari, o l’UEFA, non accettassero l’inversione di Andata e Ritorno?
    Che si potrebbe fare? Come si risolverebbe la questione?
    Chiediamo alla Juve il suo mega-stadio in prestito (ironico, ovvio)?
    Rinunciamo all’Europa League a favore della Samp?
    Andiamo a giocare in uno stadio neutro (magari Novara o Genova)?
    Certo è che, con i milioni che muovono questi concerti musicali, non si annullerebbe mai l’evento.
    Io mi domando: come mai, sapendo che era possibile il ripescaggio del Torino, il comune non si è preoccupato della cosa, ed ha organizzato, proprio per quel giorno, un concerto musicale?
    Altra “mossa indovinata” della sindacessa juventina?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. al_aksa_831 - 3 mesi fa

      I concerti si organizzano a volte anche con dodici mesi di anticipo.
      Dai, su, non esageriamo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. TremendamenteGranata - 3 mesi fa

    si però spostiamo laura pausini e biagio antanacci non il toro…non fanno nemmeno una cosa che si possa chiamare musica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio - 3 mesi fa

    Detto che sia meglio giocare la partita di andata in trasferta, penso che uno stadio, in quanto tale, dovrebbe privilegiare l’evento sportivo e non gli spettacoli o gli eventi di altro tipo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toro71 - 3 mesi fa

    Se avessimo uno Stadio di proprietà non avremmo sicuramente problemi di concerti!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Peppe - 3 mesi fa

    Qualcuno saprebbe dirmi com l’ha presa quel grande come no!) giocatore che ha preferito il Milan per giocare in Europa? Ciao ciao Krunic, non ti annoiare troppo in estate!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Scherzi, attorno a Milanello d’estate, è pieno zeppo di funghi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. al_aksa_831 - 3 mesi fa

    Sempre stato sul culo Antonacci…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Peppe - 3 mesi fa

    Scommettiamo che se il campo serviva alla giuve spostavano il concerto? Comunque anche a me fa piacere giocare in casa il ritorno. Ora sotto con un mercato aggressivo. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. al_aksa_831 - 3 mesi fa

      La differenza è che al gobbodromo comanda la Juve e fa il cavolo che vuole, il comune se non prenoti lo stadio per tempo se lo affitta come e quando vuole. Era così anche col delle Alpi.
      Aspettiamo che Cairo lo compri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Peppe - 3 mesi fa

        Semmai aspettiamo che il comune abbassi le pretese e proponga un prezzo congruo, come fatto con i gobbi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. al_aksa_831 - 3 mesi fa

          Il prezzo congruo varia tra la mia valutazione, la tua, quella del comune e quella di Cairo.
          L’occasione s’è avuta con Cimminelli perchè il comune non voleva spendere per ristrutturare, ora ti attacchi che il comune venda l’unico impianto che gli rimane, in zona centrale. Soprattutto alle condizioni di Cairo, che ha preso pure RCS a gratis.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    A quando uno stadio nostro ?

    Ma Forza Toro ! E intanto godo con il Milan fuori e i loro tifosi che fingono di essere contenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. robcar106_10877998 - 3 mesi fa

    Meglio il ritorno un casa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy