Filadelfia, lo scandalo del sistema di occultamento: costoso e mai utilizzato

I pannelli anti-veduta dello Stadio Filadelfia furono costruiti su esplicita richiesta di Ventura e non sono (quasi) mai stati utilizzati, perchè spesso guasti: un investimento da circa 800.000 euro fin qui inutile

di Nicolò Muggianu

Il Filadelfia si difende dai ‘guardoni’. O meglio, ci prova. Nella giornata di ieri, non sono passati inosservati agli occhi dei tifosi accorsi all’allenamento a porte aperte del Torino, gli operai e i manutentori alle prese con il complesso sistema di motori elettrici che alimentano il cosiddetto ‘sistema di occultamento’ dell’impianto. Un sistema di ‘vele mobili’, che dovrebbe fungere da saracinesca e tenere gli allenamenti tecnico-tattici lontano da occhi indiscreti. Nulla di strano sin qui: sull’opportunità o meno di dotare il Filadelfia di questi tralicci si è sempre discusso e sempre si discuterà, ma – in un’epoca in cui ci sono mezzi per scattare foto e video dai balconi circostanti e condividerli in un nanosecondo – non è del tutto campata per aria l’esigenza di nascondere gli allenamenti. Se non fosse che l’impianto è costato una cifra complessiva che si aggira tra i 700 e gli 800 mila euro, e non è (quasi) mai stato utilizzato.

Ma facciamo un passo indietro. Il sistema di occultamento non era previsto nel primo progetto di ricostruzione dell’impianto. Poi, su esplicita richiesta dell’ex mister Giampiero Ventura, venne progettato e costruito in un secondo momento. Un sistema costoso, fin qui utilizzato con il contagocce dal Torino. La causa? Ufficialmente ‘problemi tecnici’. Le vele che compongono il sistema, sono infatti alimentate da alcuni motori elettrici complessi, che hanno spesso bisogno di manutenzione. A dimostrarlo gli operai che, durante l’allenamento di ieri, hanno lavorato senza sosta per calibrare in maniera omogenea il funzionamento dei ‘teloni’ che compongono l’impianto. La sensazione è che manchi poco, ma poi toccherà a Mihajlovic decidere se e quanto utilizzarlo.

P1400164

 

Già perché questo costoso ‘sistema anti-spioni’ – come detto – non è stato un’idea del tecnico serbo. Anche per questa ragione, la sensazione è che il Torino possa ritrovarsi ora con il fardello di un investimento importante (forse troppo), che potrebbe non avere riscontri pratici che giustifichino la spesa. Soprattutto perché quegli 800 mila euro fatti spendere alla Fondazione Filadelfia sarebbero serviti altrove: in particolar modo questo genere di investimento avrebbe fatto comodo al secondo lotto (vale a dire la costruzione di uffici, sede del club, foresteria, e il restauro dei monconi delle vecchie tribune) dal costo complessivo di circa 1,6 milioni e che ad oggi, nonostante sembri avere un’impellenza maggiore, è ancora di là dall’essere realizzato. Sicuramente, fino ad ora, negli allenamenti a porte chiuse il dispositivo non è stato utilizzato. Che si possa farne a meno? Ma, ormai, la spesa è stata fatta.

Gianluca Sartori & Nicolò Muggianu

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 3 anni fa

    Tiriamo giù questo obrobrio e chiediamo rimborso al Ventura con il milioncino che si è guadagnato non licenziandosi!

    Sai che segreti gli schemi di Ventura, palla indietro, palla indietro, perdi palla, passa al portiere da calcio d’angolo, passa indietro, passa indietro!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marco2573 - 3 anni fa

    Io ancora mi domando chi e come possa aver concesso i pernessi per una porcheria simile. Un insulto al buon gusto oltre che all’intelligenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawda - 3 anni fa

    Era gia’ stata messa in evidenza l’assurdita’ della spesa ma probabilmente non a sufficienza. Lo scandaloso e’ che la Fondazione si sia fatta carico di una spesa che con la ristrutturazione del Filadelfia non aveva nulla a che vedere e tanto meno faceva parte del progetto presentato ed approvato. Ancor piu’ scandaloso e’ che il Torino l’abbia fatto rientrare nella ristrutturazione invece di realizzarselo a proprie spese se proprio lo riteneva fondamentale. Alla fine facendo due semplici conti il Filadelfia e’ stato rifatto totalmente a spese del pubblico (comune e regione) mentre Cairo ha messo unicamente i soldi per il sistema di occultamento, che era una specifica richiesta di Ventura, probabilmente per nascondere, oltre al titic e titoc, schemi come quello da calcio d’angolo con il pallone che torna al nostro portiere. Ennesimo spreco di denaro pubblico, per realizzare un opera che non serve a nulla alla collettivita’ e che nulla a che vedere con la riedificazione del Filadelfia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Zagor - 3 anni fa

    Grazie Ventura…Il tuo genio è rimasto occulto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Zagor - 3 anni fa

    Grazie Ventura. Il tuo genio è rimasto occulto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gud_74 - 3 anni fa

    A questo punto visto il loro “funzionamento” tanto vale lasciarle sempre giù, e se magari le colorassero di Granata verrebbe fuori anche un bell’effetto.
    I tifosi assistono all’allenamento dalle tribune non dai balconi e il quartiere sarebbe ancora più Granata!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ALESSANDRO 69 - 3 anni fa

    Ma cosa c’è da nascondere mi chiedo io….qualche schema del cazzo che poi in partita puntualmente non viene mai applicato???
    Ma facciamola finita, nemmeno fossimo alla NATO… 800.000 euro buttate nel cesso per assecondare la visione paranoica di un tecnico che sarebbe comunque stato di passaggio….,????
    Ma chi ha avallato questa puttanata???
    Perché se è vero che chi ha avuto l’idea è un coglione chi ha contribuito a realizzarla è da ricovero immediato…Oppure devo pensare che si è voluto soddisfare l’interesse di chi vende certi marchingegni????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. CUORE GRANATA 44 - 3 anni fa

    Interessante articolo della Redazione che evidenzia un aspetto finora mai approfondito, forse a torto, ritenuto marginale. Certo apprendere che la spesa sostenuta è all’incirca la metà di quanto necessario per realizzare il lotto 2 è come minimo sconsolante e purtroppo conferma la superficialità con la quale viene utilizzato il pubblico danaro: a rigor di logica la priorità, per importanza, andava data al lotto 2! Ritengo doveroso ringraziare la Redazione per questo report informativo auspicando che continui a tenerci aggiornati sulle “vicende” del Fila! FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy