Filadelfia. Viano: ‘Stiamo lavorando bene’

Filadelfia. Viano: ‘Stiamo lavorando bene’

Oggi si è tenuta in Comune, la verifica della mozione n. 31, che consiste nell’acquisizione dei terreni dell’aera Filadelfia, attualmente in mano a privati, da parte della Città e conseguentemente, dopo aver trovato i fondi e approvato il progetto, si dovrebbe riedificare lo stadio Filadelfia. Ovviamente il Comune non vuole acquistare le proprietà private, ma vuole permutare le aree del Fila con…

di Redazione Toro News

Oggi si è tenuta in Comune, la verifica della mozione n. 31, che consiste nell’acquisizione dei terreni dell’aera Filadelfia, attualmente in mano a privati, da parte della Città e conseguentemente, dopo aver trovato i fondi e approvato il progetto, si dovrebbe riedificare lo stadio Filadelfia. Ovviamente il Comune non vuole acquistare le proprietà private, ma vuole permutare le aree del Fila con altre: “Dobbiamo evitare qualsiasi operazione a costo. – afferma l’Assessore all’Urbanistica Mario Viano – Non è facile. Le proprietà hanno il diritto di costruire, quindi, o gli proponiamo un’area di ugual valore, o bisogna acquistarle. Stiamo trattando per ricollocare le proprietà in modo congruo.” Dopo un breve dibattito, si arriva al succo, a quello che veramente interessa ai tifosi granata, a che punto siamo? Quanto manca?

“Ora finalmente ci siamo! – sostiene l’Assessore Viano – Il complicato puzzle delle trattative è quasi composto. Sono ottimista. Sono certo che fra tre mesi avremo i diritti edificatori di tutta l’area Filadelfia”.

L’Assessore allo Sport Renato Montatone era presente, gli chiediamo cosa ne pensa: “La mia presenza qui oggi, era per testimoniare l’interesse dell’Assessorato dello Sport all’area del Filadelfia. Vedo che siamo quasi alla fine, presto l’area del campetto del Filadelfia sarà del Comune e quindi si dovrebbe incominciare pensare, spero, alla riedificazione del Filadelfia”

Perché spero? Il Fila si farà o no?
Il Comune ha dato la disponibilità ad investire dai 3 ai 3,5 milioni di euro e stiamo agevolando la formazione di una Fondazione, che dovrebbe collaborare con partner privati. C’è ancora qualcosa da fare, ma poco per volta si va avanti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy