Gasbarroni: “Europa League? Il Toro c’è. E quella famosa partita del 2009…”

Gasbarroni: “Europa League? Il Toro c’è. E quella famosa partita del 2009…”

Esclusiva TN / Il doppio ex di Genoa-Toro ci ha parlato della partita e del momento delle squadre

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Quando Andrea Gasbarroni ha vestito le maglie di Genoa e Torino, la situazione delle due squadre era totalmente diversa da quella di ora. Il Genoa ha bisogno di punti per chiudere il discorso salvezza, il Toro deve vincere per rincorrere il treno europeo. Proprio questa è stata la prima domanda dell’intervista all’esterno offensivo, doppio ex della partita:

Ben trovato Andrea, quando hai giocato con il Toro e con il Genoa, le due squadre venivano da scenari opposti rispetto a quelli di adesso. Sarà una partita più importante per il Torino o per il Genoa?

“È una partita importante per entrambe ma forse è più decisiva per il Toro. Il Genoa non è ancora salvo ma secondo me ha tutto il tempo per potersi salvare con serenità mentre, guardando la classifica, sembra che il Torino abbia urgente bisogno di tre punti. La classifica dice che sulla carta i granata dovrebbero essere favoriti, ma il Genoa in casa ha dimostrato di essere una squadra tosta. Rimane il fatto che comunque il Toro ha tutte le potenzialità per vincere lì”.

Potessi scegliere un giocatore per squadra e metterli nelle tue squadre, chi prenderesti da Toro e Genoa?

“Del Torino mi ha impressionato Nicolas Nkoulou, mi piace molto e per rendimento mi ha impressionato più di tutti quest’anno. Del Genoa mi piace molto Kouamè, uno molto rapido che attacca molto la profondità e si gioca molti uno contro uno, il tipo di giocatore che preferisco.”

Pensi che il Torino possa realisticamente qualificarsi per l’Europa?

“Al di là dei valori, in questo periodo dell’anno raggiunge gli obiettivi chi sta meglio fisicamente. è fondamentale, molto importante arrivare a questa fase con una forma ottimale. Il Toro ha tutte le carte in regola per potersela giocare: per capire se ce la può fare veramente bisognerebbe vivere lo spogliatoio e vedere il lavoro di Mazzarri. Lui è consapevole di quale sia il reale stato della squadra.”

Infine un ricordo di un illustre precedente: 24 maggio 2009, Torino-Genoa 2-3. I tuoi ex compagni del Genoa ti condannano alla retrocessione con il Torino.

“Ero infortunato ma ero in comproprietà tra Toro e Genoa. Era una partita molto importante, il Genoa aveva già raggiunto l’Europa e per noi era praticamente l’ultima spiaggia: c’erano in palio punti fondamentali per la salvezza. È stata una partita tirata, loro vinsero meritatamente sul campo e quella probabilmente fu la sconfitta che ci condannò alla retrocessione. Nonostante mancasse ancora l’ultima di campionato, sapevamo di essere condannati già dopo quel match.” 

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 6 mesi fa

    Basta basta per pieta’, si potrebbe non menzionare sempre l’Europa, ogni santo giorno, ogni 3 articoli? Ma quale Europa, con la situazione attuale ci andiamo solo per fortuna o demeriti altrui. Basta vi prego…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Torello_621 - 6 mesi fa

    Altro giocatore simbolo di quanto la Società sia credciuta negli ultimi 6/7 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bischero - 6 mesi fa

    Un altro giocatore che ha fatto molto meno di quanto avrebbe potuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy