Giampaolo story – La carriera da calciatore: Andria il punto più alto, poi l’addio a soli 30 anni

Giampaolo story – La carriera da calciatore: Andria il punto più alto, poi l’addio a soli 30 anni

La storia del nuovo tecnico granata – Prima parte / Partito da Giulianova, l’allenatore è stato un centrocampista che ha giocato soprattutto in Serie C ma ha dovuto fermarsi troppo presto

di Redazione Toro News

È partita dalla sua Giulianova l’avventura di Marco Giampaolo nel mondo del calcio. Nato in Svizzera da genitori emigrati per questioni di lavoro, colui che si appresta ad essere il nuovo tecnico granata è cresciuto in provincia di Teramo, dove ha avuto modo di dare i primi calci ad un pallone.

LEGGI ANCHE: Carlo Testa aggredito: il titolare del Granata Store colpito fuori dal negozio

GLI ESORDI – Pur senza raggiungere livelli altissimi, prima di intraprendere la carriera di allenatore Marco Giampaolo è stato anche calciatore, un mediano che ha girato i campi della Serie C. E lo ha fatto proprio partendo dal Giulianova, squadra della sua città che lo ha cresciuto e lo ha avvicinato al mondo dei professionisti. In quattro stagioni con la maglia giallorossa (di cui una vissuta al fianco del fratello Federico, più fortunato di lui come calciatore), Giampaolo ha collezionato 109 presenze nella Serie C2 dell’epoca. Quindi cinque anni tra C1 e C2, con Gubbio, Licata e Siracusa che gli hanno consentito di ricevere la chiamata dalla Serie B.

LEGGI ANCHE: Pistoiese, Frustalupi nuovo allenatore: il vice di Mazzarri si mette in proprio

L’INFORTUNIO – Il punto più alto della sua carriera da calciatore Giampaolo lo ha vissuto con la Fidelis Andria, nel 1995/1996. Quella squadra chiuse il campionato al quartultimo posto con retrocessione e l’ormai prossimo tecnico granata collezionò trentasei presenze condite da una rete. Quella è rimasta l’unica stagione di Giampaolo da calciatore nella cadetteria. La stagione seguente il passaggio al Gualdo, club umbro di alta Serie C che continuava a sfiorare la promozione in B. Ma quell’esperienza ha rappresentato la fine della carriera da giocatore, a soli trent’anni, per un brutto infortunio alla caviglia sinistra da cui Giampaolo non riuscì a recuperare appieno. Era il 1997 ed è stato uno shock dal quale il tecnico è riuscito a tirarsi fuori solo un paio di anni dopo, ripartendo dal Pescara come osservatore.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Renato - 1 mese fa

    Basta andare su wikipedia e leggere il suo curriculum. E’ stato esonerato ovunque è andato. Un altro fallito, peggio di Mazzarri e Sasha M. L’unica differenza è la difesa a quattro, che io personalmente preferisco, sia perché tre difensori buoni non li abbiamo e sia perché si guadagna un uomo a centrocampo. Da comprare, ovviamente. Spero di sbagliarmi. Ma quello che leggo è che stiamo passando dalle mancate stelle alle stalle, con i pezzi pregiati che scappano via. Due partite senza Sirigu abbiamo visto che gol ridicoli abbiamo preso… E poi Izzo, Nkouluo, Belotti… Spero di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. neleserra - 1 mese fa

      Renato, perchè dici che stiamo passando dalla padella alla brace? Io dico che nella padella e nella brace ci siamo da quando è andato via Mr. Ventura (anche se non il massimo). Non vediamo giocare al calcio il Torino da tempo. Non giudico Longo.Tutti a difendere l’operato di Longo, “cuore granata”. Ma quando la finiamo con questo “cuore granata”. Io prima di contestare Gianpaolo, lo devo vedere all’opera. Solo allora posso dire che siamo rimasti nella brace. Ultima mia opinione: troppi giocatori che per loro caratteristiche, non possono formare una squadra di calcio che gioca in serie A. Un saluto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Torodal73 - 1 mese fa

    Sul campo un modestissimo pedalatore, a 30 anni 36 presenza in B e retrocesso direi che sono un palmares ridicolo. Con i compensi di ora avrebbe dovuto trovarsi un lavoro xche in serie D ora non e’ che ci campi tolto qualche eccezione.
    Il problema e’ che da allenatore e’ piu’ o meno lo stesso! escluso 2 anni discreti alla sampdoria non e’ che abbia fatto chissa’ che, anzi … 7 esoneri in su 12 ingaggi …..
    Pero’ l’ho gia dtto in un altro post, se e’ satto scelto lui abbiamo il dovere di sostenerlo e dargli tempo di lavorare, poi parlera’ come sempre, il campo, ma magari evitiamo contestazioni alla seconda giornata, altrimenti veramente non abbiamo caito niente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. VM8 - 1 mese fa

    Uno sfigato.
    Come non intuire prima che sarebbe per forza passato dal Toro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy