Mai più scontri in curva Primavera: Torino, vertici con Questura e Unione Club Granata

Mai più scontri in curva Primavera: Torino, vertici con Questura e Unione Club Granata

News / L’obiettivo comune è di evitare che non si ripetano fatti simili a quelli di sabato sera. Intanto continuano le indagini per punire i responsabili delle azioni violente

di Redazione Toro News

Gli avvenimenti in curva Primavera di sabato sera hanno lanciato un campanello d’allarme chiaro ed evidente: mai più una partita di calcio del Torino deve diventare occasione di scontri tra tifosi. Procedono le indagini da parte della Questura per individuare i responsabili degli atti violenti che hanno caratterizzato il pre-partita della partita contro l’Inter. Al momento sono stati individuati e arrestati 5 membri del gruppo Torino Hooligans, ma è chiaro che anche la posizione degli ultrà interisti che hanno partecipato agli scontri dovrà essere vagliata.

Scontri inaccettabili in curva Primavera durante Torino-Inter: retroscena e conseguenze

Intanto, come è doveroso che sia, il Torino è al lavoro con la Questura per individuare le misure da prendere, dopo che la settimana di vendita libera dei biglietti in curva Primavera ha causato la presenza in quel settore di tifosi interisti. La vendita dei biglietti è sempre coordinata dalle autorità pubbliche, che decidono la presenza di eventuali restrizioni, ma è chiaro che ci sono stati errori evidenti che non dovranno più capitare. E il Torino incontrerà anche l’Unione Club Granata, l’ente rappresentativo dei Toro Club composto da 107 gruppi affiliati, che ha richiesto e ottenuto al Torino l’organizzazione di un incontro. L’argomento ovviamente verterà sul fatto che andare allo stadio in curva Primavera non può e non deve essere un rischio: l’UCG si è attivato e vigilerà, come deve essere fatto, sulle misure che il Torino prenderà in accordo con le forze pubbliche perchè episodi così non si ripetano. Tutte le parti in causa lo assicurano: questo è l’intento comune. Non resta che attendere di scoprire se ai buoni propositi seguiranno i fatti.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Immer - 8 mesi fa

    Non devono succedere queste cose è una verità sacrosanta non bisogna lucrare sulla pelle dei tifosi del toro. Però io quando vado allo stadio con mio figlio in primavere non vado certo vicino al settore ospiti anche per paura di ricevere qualche oggetto addosso non sono mica coglikne ci tengo a mio figlio. Poi certo se vendiamo i biglietti agli ultras di altre squadre vuol dire cercare proprio lo scontro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fedy - 8 mesi fa

    Quel criminale di presidente starà vagliando l’ipotesi di aprire totalmente la curva primavera ai tifosi ospiti e di spedire gli abbonati della stessa nel settore ospiti nelle partite di cartello, così salvaguarda incasso e sicurezza visto che con la sua incompetenza ha fatto allontanare una grossa percentuale di pubblico granata dagli spalti (me compreso)così potrà avvalersi del contributo di quelle squadre che vantano un grosso seguito di tifosi. Di gocce che hanno fatto traboccare il vaso della sopportazione questa è quella che decreta la fine assoluta di questa presidenza, considero cairo un criminale, sportivamente parlando, perchè sopprimere la passione della gente per interessi personali è un vero e proprio atto delinquenziale perpetrato ai danni di una tifoseria che merita ovviamente di più. Lo stadio vuoto a oltranza lo farà desistere, è l’unico modo veramente efficace per manifestare forte il proprio dissenso, chi in questo momento pensa che sostenere la maglia voglia dire andare allo stadio non si rende conto che legittima una presidenza indegna e mercenaria senza valori morali, è difficile anche per me rimanere lontano dal tappeto verde ma la ragione oggi deve prevalere sul cuore perchè il Toro non esiste più da troppi anni e di questa cairese sono nauseato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pirata99 - 8 mesi fa

    Salve a tutti i tifosi/e,volevo esprimere il mio disappunto per quanto successo Sabato sera.Troppo facile trovare giustificazioni per quanto accaduto…Secondo me ci sono responsabilità enormi di chi ha fatto in modo che le tifoserie venissero a contatto tra di loro.Purtroppo siamo una società barbara che invece di evolversi è tornata al Medioevo!Nella Curva Primavera,c’erano tifosi Interisti pronti a picchiare,non erano certo persone moderate…E io mi ritrovo in Curva con il bimbo di 8 anni,con il rischio di essere picchiato????Ma facciamola finita!!!La società Granata,non ci ha tutelato!!!E ora che cambi qualcosa a Torino a cominciare dal Presidente!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. renato (quello vero) - 8 mesi fa

      Non è la società che ti deve tutelare ma le leggi nazionali che dovrebbero valere per tutti. Che ci stanno a fare gli steward se non riescono a frenare eccessi come questo? E la Polizia, che sta in basso appena fuori delle gradinate, cosa fa? É in gita di piacere o dovrebbe intervenire?
      A me è capitato, alcuni anni fa, che i miei posti (8, non uno, di cui 4 bambini!!!) fossero già occupati da dei deficienti maleducati e arroganti. Ho interpellato gli steward ma chi mi ha tutelato?
      Nessuno, quindi in curva Filadelfia non ci tornerò mai più!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giankjc - 8 mesi fa

        Hai ragione, la colpa è del topo Steawart.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mimmo75 - 8 mesi fa

    In Italia va estirpata la violenza negli stadi, alla radice, in ogni sua forma, compresa quella razzista o oltraggiosa verso chi non c’è più. Essere liberi di scegliersi il settore di uno stadio senza doversi preoccupare di mescolarsi a tifosi rivali dovrebbe essere la normalità. In Inghilterra il fenomeno hooligans lo hanno debellato e oggi si godono il campionato più bello del mondo in stadi costruiti a misura e privi di barriere, con i calciatori a 10mt dal posto dove sei seduto. Affrontare la questione accaduta in Primavera è doveroso ma il problema resterà e si ripresentera’ qui o altrove. E Cairo ne uscirà pulitissimo dal punto di vista penale perché non aveva ricevuto divieti o prescrizioni per la vendita libera. Ciò non toglie che moralmente ne esce per l’ennesima volta insozzato perché non serviva un genio per capire che prima o poi, a far entrare in contatto dei facinorosi (perché chi va allo stadio a menar le mani questo è) che non temono le blande sanzioni attuali, lo scontro sarebbe avvenuto. Il tutto per racimolare qualche migliaio di euro in più. Un vero presidente non lo avrebbe mai fatto, un buon presidente avrebbe tutelato ogni singolo tifoso proprio perché le leggi attuali non ne sono capaci. Ma Cairo questo è…vergogna!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. renato (quello vero) - 8 mesi fa

      A me sembra che le prescrizioni ci fossero, infatti sul sito ufficiale del Toro si dice che dal 9 novembre, se non erro, per acquistare i biglietti della Filadelfia bisogna avere la tessera del tifoso. Mi sembra quindi molto strano che un tifoso dell’Inter acquisti la tessera Cuore Granata per andare a mener le mani in una curva piena di sostenitori avversari.
      A parte ciò, sono totalmente d’accordo con Mimmo75 quando sostiene che bisognerebbe essere liberi di scegliersi il settore dello stadio che si preferisce, mescolandosi in modo naturale con i sostenitori avversari.
      Nella mia vita ho visto centinaia di partite di calcio, e molti anni fa non esisteva nulla di ciò che c’è oggi, cioè non esisteva il settore ospiti, non c’era il biglietto nominativo e il posto fisso (i posti erano in piedi…) e ciò nonostante non mi sono mai picchiato con nessuno.
      Ho visto decine di derby (anni ’60 e ’70) con al mio fianco le bandiere bianconere ed io con quella granata, e siamo riusciti entrambi a sopravvivere anche piuttosto bene…
      A mio avviso la “segregazione” dei tifosi opposti in settori delimitati non fa altro che acquire le “antipatie” anzichè sopirle, come (forse) vorrebbe la legge attuale che non condivido per nulla. Certo, bisognerebbe che l’Italia diventasse un paese un po’ più serio di quanto sia attualmente (non mi riferisco solo al calcio, purtoppo) e le violenze, da qualsiasi parte arrivino, fossero stroncate sul nascere senza tanti complimenti.
      Diventeremmo tutti migliori di quanto siamo adesso.
      La soluzione? La dice bene sempre Mimmo, facciamo le persone serie come ormai ad esempio si fa in Inghilterra dove gli spettatori non hanno particolari barriere ma se sbagliano vengono pinzati immediatamente e cacciati a calci nel sedere senza tanti complimenti o “garantismi”, come si dice oggi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 8 mesi fa

        La prescrizione é stata messa dopo. A 3 giorni dalla gara. Cmq la società ha il diritto di vendere il biglietto a chi vuole e fare autonomamente le limitazioni che vuole( Come fece la Juve con il Napoli) escludendo i non residenti in Piemonte per la curva. Purtroppo i soldi fanno gola. 400 interisti in curva sono 10000 euro di incasso. CAIRO VATTENE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    Ma come dopo che per qualcuno è tutto normale e la colpa è di quei banditi vestiti di nero adesso esce fuori che c’è qualche problema da risolvere?
    Mamma mia che società allo sbando che siamo, solo problemi, ma tanto a tanti va bene così

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13967438 - 8 mesi fa

    Gestione da vaccaro, per una squadra che di genere ha in comune solo l’essere un bovino, in quanto Vacchino FC della stagione 2019/20.
    Ma il più che perfetto non è ulteriormente perfettibile: va tutto bene così.
    Temo solo che verrà sospesa la validità del mio abbonamento in Maratona per non allineamento al tuttovabenismo imperante.
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. MondinoFabbri - 8 mesi fa

    E’ inutile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati, caro giornalaio milanista.

    La macchina della Giustizia è già ben avviata, sia nella parte pubblica che in quella privata anche se, a livello pubblico, Cairo cercherà sicuramente di insabbiare tutto, attribuendo la colpa a quelli che, nell’organigramma, occupano la casella “Area Stadio Olimpico e Biglietteria”.

    Fossi in loro on dormirei sonno tranquilli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. dattero - 8 mesi fa

    digos e questura sabato sera dov’erano?dove stavano le tante altre volte che si son commessi soprusi,dov’erano?
    sabato è stato commesso un reato,penso sia chiaro.
    è stata volutamente,deliberatamente messa a repentaglio l’incolumita’ altrui,con totale disprezzo vs i tifosi.
    c’erano ragazzini,ragazzini,avete capito? minacciati da “bravi” con lame e coltelli,c’erano steward totalmente inadeguati e sottonumero.
    Presidente Marengo,spero faccia luce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Luciano gem - 8 mesi fa

    “L’Unione Club Granata………che andare allo stadio in curva Primavera non può e non deve essere un rischio.”
    Come faccio a portare i miei nipotini allo stadio in condizioni simili?
    I rischi non ci devono essere in qualsiasi posto allo stadio, e neanche fuori!
    E sarebbe ora di iniziare ad eliminare le violenze verbali, coperte dall’anonimato, dai social!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy