Il Torino appoggia il Global Pride. Ma spuntano commenti omofobi

News / Nella giornata per l’orgoglio omosessuale sulla pagina Instagram della società si sono scatenati i commenti di alcune persone che invitano a parlare di cose serie

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Evidentemente il 2020 non è arrivato per tutti. Nelle giornata di ieri si celebrava il Global Pride, ovvero la giornata in cui la comunità LGBTQ avrebbe festeggiato la propria sessualità con le sfilate nelle principali città mondiali. Una giornata che, a causa delle misure di sicurezza anti-Covid, è stata giustamente vissuta in modo diverso. Così i festeggiamenti del Pride sono stati spostati sulle piattaforme social. Anche le società di Serie A hanno voluto partecipare postando sui propri canali l’immagine celebrativa con lo slogan della giornata: “Global Pride 2020. Esisti. Persisti. Resisti”.

OMOFOBIA SUI SOCIAL – Un messaggio che ha voluto lanciare anche il Torino, che si è già dimostrato una società molto vicina alle questioni sociali (ad esempio, tutta la squadra si era schierata al fianco della lotta Black Lives Matter). Ma in questo caso purtroppo la posizione non è stata sposata da tutti i tifosi. Sia ben chiaro, non bisogna far di tutta l’erba un fascio. Eppure tra i settanta commenti sotto il post del Torino su Instagram c’è chi ha dichiarato apertamente la propria omofobia. Dallo: “smettete con questa pagliacciata” al “ma parlate di cose serie”, come se i diritti civili non fossero un argomento di estrema importanza e attualità. Addirittura c’è chi è disposto a mettere da parte la propria fede calcistica dopo questo post. Risposte che lasciano basiti. Chi si professa appassionato di sport non può non essere consapevole dei valori che ne trasmette e tra questi c’è innanzitutto il senso di inclusione e di fraternità. Lo sport insegna proprio che non esistono particolari differenze tra le persone. Le uniche riguardano le prestazioni, per il resto non ci sono. Non ci sono differenze di ‘razza’ o di sessualità. Insomma, è chiaro ed evidente come l’omofobia sia un tema di grande attualità e che vada combattuto, ovviamente non solo all’interno della tifoseria granata ma a livello generale in tutta la società.

31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 5 mesi fa

    Rileggo i commenti, guardo chi non approva in generale e capisco che il voto, che eliminerei, è un mezzo che aiuta chi , poverino, non ha argomenti, ha magari odio personale e vuole lasciare un segno. Io me ne frego ma ripeto, mi fanno grande pena. Poveracci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. renato (quello vero) - 5 mesi fa

    Il rispetto verso chiunque e (aggiungo) verso qalsiasi cosa è assolutamente sacro, ci mancherebbe.
    Bianchi, neri, uomini, donne, vecchi, bambini, abili, disabili, ricchi, poveri, tutti i generi e le categorie che fanno parte di questo mondo esigono il massimo rispetto.
    Purtroppo molto spesso non è così, e la cosa mi rattrista oltre misura, credetemi.
    Però una cosa è il rispetto, doveroso, un’altra è la condivisione o addirittura l’esaltazione di comportamenti a dir poco anomali. Non capisco perchè una società sportiva debba prendere posizione su argomenti del genere. A mio modestissimo parere NON deve prendere nessuna posizione, sono altre le cose che la dovrebbero riguardare, non capisco perchè si sia andaa ad impegolare su un argomento così lontano da pensiero nostro di tutti i giorni.
    Io non l’avrei fatto, lo giudico semplicemente inopportuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 mesi fa

      Ben detto. Bravo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxgemelli - 5 mesi fa

        Hai perfettamente ragione. Ma adesso , da una parola in su, se non ti allinei sulle loro posizioni, del politically correct, sei automaticamente un omofobo, un razzista etc. Quindi, anche questa pseudo società si è accodata all’andazzo. Anzi, mi stupisco che non abbia anche proposto di abbattere qualche statua.. E anche l’autore di questo articolo, fa ben capire come sia così facile e superficiale , usare la parola omofobia: ha postato commenti di persone che dissentivano ma non erano assolutamente commenti omofobi. Questo fa capire, che quando sei guidato da un’ideologia ,chi non si allinea ai tuoi pensieri , automaticamente viene accusato. E questo signore ne è un esempio lampante e con queste accuse assurde, si è reso veramente ridicolo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 5 mesi fa

          Vero, bisogna considerare che per le associazioni arcobaleno, il dissenso, è visto come un atto lesivo della persona. Questo è molto pericoloso per la libertà di espressione e di pensiero. Andrà ad influire, se assecondato , anche sulla libertà di educazione.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maxx72 - 5 mesi fa

      Bravo Renato mi accodo anch’io. Il toro pensi ad altro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Guevara2019 - 5 mesi fa

    L’omofobia,in genere la paura o la mancata accettazione del diverso ci sarà sempre,fortunatamente risultano sempre meno,e chi si macchia di violenze e crimini verso costoro,andrà in galera con delle aggravanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 mesi fa

      Accettazione del diverso cosa vuol dire ? Perché un concetto o è oppure non è. Spiega grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Guevara2019 - 5 mesi fa

        Il diverso? Può essere chi è disabile,pensi a chi non vuole pranzare al ristorante con chi ha difficoltà,o le reazioni verso le persone che hanno gusti sessuali dalla concezione religiosa.
        E se va in certe province,ma un po’ dappertutto anche il colore della pelle fa la sua differenza.
        Sempre per le teste vuote,naturalmente…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 5 mesi fa

        @Guevara, capisco bene cosa scrivi ma io sto molto attento alle parole ed ai significati. Se io accetto una persona diversa, posso deprecare un suo comportamento senza essere additato/condannato ? Oppure solo perché diverso lui/lei può fare cosa vuole ed io , in virtù dell’accettazione devo stare zitto e farmi andare bene tutto ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Guevara2019 - 5 mesi fa

          No guardi,il diverso o i normodotati,o chi ha gusti sessuali che non siano etero, se si comporta bene non ha problemi con la giustizia,altrimenti tutti pagano senza alcuna differenza.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 5 mesi fa

          Forse non mi spiego, se c’è un reato ci deve essere una pena. Si parla di omofobia ma nessuno al mondo ha definito il reato perché è impossibile da inquadrare giuridicamente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Guevara2019 - 5 mesi fa

            Più che reati sono i comportamenti verso costoro,io ho sentito dire “non assumerò mai un gay” o altri apprezzamenti volgari,e vale per tutte le categorie.

            Mi piace Non mi piace
        3. Granata - 5 mesi fa

          @Guevara, vanno condannate tutte le discriminazioni, tutte senza distinzione e la nostra costituzione da ampiamente queste garanzie. Io conosco persone omoerotiche e le rispetto ma la penso molto diversamente da loro e voglio sentirmi libero di dirglielo, se capita , con rispetto per la persona.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata - 5 mesi fa

    Il sig. che scrive l’articolo, mi descrive dettagliatamente il presupposto giuridico del termine omofobia ? Perché nessuno al mondo lo ha fatto. Nessuno sa bene cosa voglia dire e cosa non bisogna fare per essere “omofobo”. Neanche l’etimologia del neologismo aiuta, anzi. Vorrebbe dire paura dell’uguale. Quindi se io ho paura di mio fratello sono omofobo ? E poi, siamo seri, dal 2008 ad oggi ci sono stati una media di 22 episodi contro persone omoerotiche. L’ultimo dei quali, a Napoli, giustamente condannato con 10 anni di carcere agli autori di aggressioni vili. Volete che vi dia i numeri di aggressioni a disabili ? A donne indifese ? A barboni ? Bisogna rispettare chi ha attrazione per il proprio sesso. Non si può impedire ,però, di manifestare contrarietà a questa pratica se fatto tutto civilmente. Il DSM non contempla l’omofobia come una patologia. Finisco col chiedere, se dico che i bambini nascono solo da una mamma ed un papà sono omofobo ? Se dico che la famiglia naturale è composta da uomo e donna sono omofobo ? Se credo nella Parola di Dio che definisce il rapporto omosex abominevole, sono omofobo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 mesi fa

      Il DSM 5, per chi volesse approfondire, è un testo universitario di riferimento mondiale redatto da American Psychiatric Association e descrive tutte le patologie psichiatriche riconosciute dalla medicina ufficiale mondiale. (ISBN 9788860306616 per chi volesse acquistarlo )

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. crocian_786 - 5 mesi fa

      Condivido al 100%! Vivaddio non sono il solo a pensarla cosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. iugen - 5 mesi fa

      E infatti c’è anche la giornata contro la violenza sulle donne.
      E cmq, sì, da quello che dici e dal tono sembri un po’ omofobo.
      PS. La parola di Dio dice anche che farsi le p**pe è peccato, così come fare sesso senza scopi procreativi. Scommetto che segui attentamente anche queste regole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 5 mesi fa

        Hahahaha sei simpatico. Manca una cosa, il presupposto giuridico. Oppure facciamo come in Inghilterra dove il CPS ( Crown Persecution Service l’equivalente de la nostra Procura della Repubblica) stabilisce che il reato sarà giudicato in base a come il soggetto offeso percepisce l’atto ? Capisci ? Un po come in unione sovietica ai tempi di Stalin

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iugen - 5 mesi fa

          Ma cosa c’entrano il presupposto giuridico e il reato? Uno può essere omofobo, o razzista per rimanere in tema discriminazioni, senza commettere alcun reato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata - 5 mesi fa

            @Iugen sei completamente a digiuno non solo di diritto ma anche di costituzione e leggi in materia. I razzisti commettono reati penali e oltre a finire giustamente in carcere perdono tutti i diritti legali su figli e quant’altro. Altroché non commettono reato. Non continuare perché fai solo brutta figura.

            Mi piace Non mi piace
          2. iugen - 5 mesi fa

            Intendevo dire che puoi anche essere razzista senza commettere reati, se te lo tieni per te.
            Il fatto che non esista una legge che punisca l’omofobia in Italia non significa che non esista l’omofobia. Una volta esistevano le leggi razziali in Italia, che legalizzavano il razzismo, così come esistevano leggi segregazioniste in tutti gli Stati Uniti. Significa quindi che il razzismo era moralmente corretto?

            Mi piace Non mi piace
          3. Granata - 5 mesi fa

            @Iugen, per eliminare la tua ignoranza in materia, leggiti l’art. 604bis del codice penale che tratta di razzismo. Fallo leggere anche ai 3 beoti che ti hanno messo like.

            Mi piace Non mi piace
          4. Granata - 5 mesi fa

            I figli del pensiero unico non argomentano. Mi fanno pena

            Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 5 mesi fa

        @Iugen, io non mi vergogno di Dio. Mai !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iugen - 5 mesi fa

          Quindi non hai mai fatto sesso che non fosse per scopi procreativi. Buon per te. Ma, pur essendo diverso da me (io non credo in Dio), per quanto mi riguarda puoi fare quello che vuoi. Non ti giudico e nessuna mia azione dei tuoi confronti sarà influenzata dalla diversa credenza religiosa. Questo significa accettare il diverso

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata - 5 mesi fa

            Cosa ho fatto /faccio/farò a letto non interessa nessuno. Io voglio poter condannare un azione e nel contempo rispettare una persona. Questo è accettare l’altro.

            Mi piace Non mi piace
          2. iugen - 5 mesi fa

            Anche quello che fanno gli omosessuali a letto non dovrebbe interessare te o nessun altro, e non dovrebbe quindi essere giudicato

            Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 5 mesi fa

          @Iugen scusa, ma impara a leggere. Io dico che un bambino ha bisogno di papà e mamma e non 2 mamme o 2 papà. Sono omofobo ? Devo poterlo dire o no ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. iugen - 5 mesi fa

            Sì, puoi dirlo, senza alcun problema per quanto mi riguarda. Infatti non te l’ho mai contestato.
            Però sei tu che hai tirato fuori la parola di Dio, i rapporti abominevoli, il presupposto giuridico etc… è da tutto questo che si capisce che sei omofobo

            Mi piace Non mi piace
          2. Granata - 5 mesi fa

            @Iugen, nulla di personale ma non comprendi la questione. Buona notte.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy