Il Toro verso la ripresa: Izzo, il rilancio personale è un obbligo morale

Il Toro verso la ripresa: Izzo, il rilancio personale è un obbligo morale

Focus on / Il difensore napoletano dovrà far fruttare al meglio il tempo avuto per trovare la concentrazione

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Il trend della curva epidemiologica del Covid-19 continua ad essere positivo. Come stabilito dalle istituzioni del calcio e dal Governo, ci si avvia verso la ripresa del campionato. Il Torino è chiamato a lottare per la salvezza nelle ultime partite che rimangono. Dopo la quarantena forzata, i giocatori gradualmente hanno cominciato ad allenarsi, prima individualmente e poi in gruppo. Andiamo ad analizzare la situazione per i singoli componenti della rosa granata. Dopo aver parlato di Salvatore Sirigu, concentriamo ora l’attenzione su Armando Izzo.


Ad inizio campionato, Armando Izzo era tra i giocatori da cui la piazza granata si sarebbe aspettata di più. Nel corso di tutto lo scorso anno, il granata ha messo in campo prestazioni invidiabili, che hanno contribuito alla grande solidità del Torino nella stagione 2018/2019. Gli anticipi, che permettevano alla squadra di uscire dalla pressione offensiva avversaria e di far ripartire la manovra, erano il suo marchio di fabbrica, tanto che nei confronti del granata si è consolidato anche l’apprezzamento del CT della Nazionale Roberto Mancini. Purtroppo però, per il difensore e per il Torino, la stagione 2019/2020 del napoletano è andata diversamente. Fino al momento dello stop a causa dell’emergenza sanitaria, la puntualità nelle chiusure e l’esplosività nelle ripartenze che hanno reso il granata tanto apprezzato nel corso dello scorso campionato, in cui ha trovato anche 4 reti, si sono viste raramente. L’impressione, è che Izzo sia stato in particolare un emblema della metamorfosi negativa del Torino. A partire dalla gara con il Parma, il difensore avrà quindi il preciso compito di far risalire le sue quotazioni.

SERENITÀ – Le prestazioni di Izzo rispetto alla stagione passata sono state certamente altalenanti. Interventi apprezzabili hanno spesso lasciato il posto ad entrate avventate che sono costate caro al difensore napoletano. Specialmente nell’ultimo periodo prima della “pausa”, è parso che il granata non fosse del tutto sereno. Nelle 4 partite di campionato che il Toro ha giocato a febbraio – contro Lecce, Sampdoria, Milan e Napoli – per ben due volte Izzo è stato espulso, lasciando i granata in dieci contro i pugliesi e i rossoneri. In molti perciò hanno pensato che la testa del difensore napoletano fosse altrove. Ed allora ecco che per Izzo si presenta ora la necessità di dimostrare professionalità e carattere tali da far ricredere anche i più scettici.

Il Toro verso la ripresa: Sirigu, dopo la Sardegna serve ripartire come prima

RITROVARSI – Non sono certamente scomparse le indubbie qualità che gli sono valse la convocazione da parte di Mancini. Izzo avrà dunque l’opportunità di riscoprirsi competitivo. Gli obbiettivi sono due: in primis contribuire a salvare il Toro, che su di lui ha tanto puntato. E in secondo luogo, mettersi in mostra scalando nuovamente le gerarchie azzurre. Lo slittamento dell’Europeo al 2021 potrebbe concedere a Izzo più tempo almeno in ottica Nazionale, ma quel che è certo è che il Toro ha bisogno di poter contare sulla sua solidità nel più breve tempo possibile. Mancano ancora una decina di giorni al confronto con il Parma e il napoletano dovrà sfruttarli per arrivare a quell’incontro al top della condizione.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 4 mesi fa

    se il pmo che non ha morale è il tuo datore di lavoro che ti piglia in giro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

    La morale è sempre quella fai merenda con girella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 4 mesi fa

    Se vuole andarsene, come sembra, deve muovere il culo perché quest’anno é stato ridicolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 4 mesi fa

      Vale anche per altri, è in buona compagnia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 4 mesi fa

        Assolutamente e splendidamente concorde…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bertu62 - 4 mesi fa

    Sono convinto che l’argomento di questo articolo sia ESATTAMENTE replicabile PER ALMENO 7/8 altri giocatori: purtroppo in questo campionato sciagurato le aspettative “tradite” sono state tante, troppe, oltretutto NON DA SCOMMESSE, non da giocatori che “si sperava che…” ma proprio da giocatori che AVEVANO DIMOSTRATO, al punto che anche la Nazionale sembrava finalmente “tingersi” nuovamente di Granata!
    Mah, sta a vedere che adesso qualcuno dirà che anche lì c’è “lo zampino” del solito!
    Comunque oramai manca poco, manco poco al ritorno in campo e vedremo, quanto meno vedremo se alla fine almeno l’orgoglio ed un briciolo di coscienza (non riconoscenza, quella oramai è diventata merce talmente rara che praticamente è introvabile…) riusciranno a far vedere a tutti quanti che al pallone, ancora, ci sanno giocare…..
    Sempre che si finisca eh? Perché ancora non è sicuro, ma tanto adesso LA BANDA BASSOTTI è tranquilla, C’E’ L’ALGORITMO 🙂 , DENARI ASSICURATI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy