La moviola di Juventus-Torino 4-1: De Ligt, rigore indiscutibile. E quel contatto Cuadrado-Belotti…

La moviola di Juventus-Torino 4-1: De Ligt, rigore indiscutibile. E quel contatto Cuadrado-Belotti…

Moviola / Gli episodi controversi del Derby della Mole sotto la lente d’ingrandimento: manca un penalty in favore dei granata

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Un rigore fischiato e uno negato nonostante un contatto evidente: la direzione di Fabio Maresca non è stata così negativa, ma nel bilancio finale pesa la mancata concessione del secondo rigore granata al 72′. Direzione – dicevamo – abbastanza positiva nel complesso: buona gestione dei cartellini e metro di giudizio abbastanza equilibrato. Il Torino, però, ha reclamato ben tre rigori nel corso della partita: uno è stato fischiato (dopo l’On Field Review), sugli altri due rimane più di qualche dubbio. Alla fine dei conti, è difficile da comprendere come si faccia a non concedere un penalty per il pestone di Cuadrado su Belotti.

TOCCHI DI MANO – Minuto 9, cross in area juventina, Rabiot respinge con il braccio che però è attaccato al corpo (posizione congrua): Maresca lascia giocare e il silent check conferma la sua scelta. L’episodio più importante arriva al 47′: Verdi calcia da fuori, De Ligt viene colpito prima sulla coscia, poi sul braccio che tiene inspiegabilmente largo. Maresca viene chiamato all’On Field Review da Irrati e decide giustamente per il penalty. Il tocco di coscia avrebbe escluso la punibilità solamente nel caso in cui fosse stato una giocata volontaria: invece è un tocco fortuito, il braccio è in posizione innaturale e il penalty è sacrosanto.

BELOTTI-CUADRADO – L’altro episodio da moviola arriva al minuto 72′ sul punteggio di 3-1. Cross lungo per Belotti, Cuadrado salta ma va a vuoto, il Gallo prova ad agganciare ma va a terra. Il replay mostra un contatto tra Belotti e il numero 16 bianconero, che cadendo ha calpestato la caviglia del capitano del Toro. Rigore solare, probabilmente più di quello assegnato nel primo tempo: l’unica spiegazione per non aver effettuato la VAR review è che Maresca abbia visto l’episodio e l’abbia giudicato come non punibile. Abbastanza inspiegabile.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxx72 - 1 mese fa

    Per il toro ieri c’erano due rigori ma non si danno perché due rigori contro la gobba non si possono dare. Poi avremo perso lo stesso ma i rigori c’erano.
    Io non sto frignando ma questo è un dato di fatto poi io seguo il toro dal 1976 e non mi ricordo una partita con sti qui dove al toro abbiano dato due rigori. Magari poi qualcuno mi può illuminare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ToroNelCuore - 1 mese fa

    Diciamola tutta: il rigore di De Ligt è molto dubbio e io non lo avrei dato, quello di Quadrado è solare. Uno a uno e palla al centro. Poi, il Var è un supporto tecnologico, ma dietro ci sono sempre essere umani. Che spesso sbagliano, e di solito sbagliano a favore dei più forti e quasi mai favorendo i più deboli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. papapaolo.p_13652409 - 1 mese fa

      Scusa, ma come fai a non dare IL rigore quando IL braccio e’ cosi’ distante dal corpo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. granata68 - 1 mese fa

      Mi spiace ma non la penso come te i rigori ci sono entrambi e sono tutti e due solari…tranquillo che
      a parti invertite sarebbero stati fischiati entrambi senza l’ausilio del VAR !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. NEss - 1 mese fa

    Il rigore di De Ligt, e soprattutto il giallo, non mi sembra equo. Palla sulla gamba che poi rimbalza sul braccio. Perche’ un giallo?
    Se poi sia corretto in base alla regola non lo so, ma non e’ il punto del discorso.
    Se poi la regola cita davvero cio’ che e’ scritto in questo articolo:”Il tocco di coscia avrebbe escluso la punibilità solamente nel caso in cui fosse stato una giocata volontaria”, allora e’ l’ennesima dimostrazione di quanto sia cervellotica, per non dire peggio, l’Italia pallonara

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TorelloRomano - 1 mese fa

      Non si tratta di Italia pallonara. Le regole le fa l’IFAB, che è l’elite delle leghe di calcio. In soldoni sono regole stabilite da chi gioca. E le associazioni arbitrali sono chiamate alla applicazione delle stesse. Non è l’Italia pallonara a fare le regole. sono le società.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mp63 - 1 mese fa

    Il var è un’illusione. Vale a favore per le squadre ritenute superiori.
    Le milanesi, la lazio e la Juve. L’arbitro di Cagliari ci ha fischiato il rigore ( annullato ) di nkoulu prima che il pallone lo colpisse.
    Forse il Toro sta sulle balle. Le giacchette gialle sono e saranno sempre condizionati dal potere di certe squadre. Queste nulla toglie che sono superiori al toro, forse la colpa non è tutta di Cairo ma di chi ha fatto certe scelte di giocatori. Non sono da toro e molti sono sovrastimati.
    Vedi aina, meitè e zaza. Hanno ingaggi di tutto rispetto ma non valgono ciò che guadagnano. Forza Moreno. Cerca di resistere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Sanguegranata - 1 mese fa

    R

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granata - 1 mese fa

    Al Toro quei rigori non li daranno mai. Chiedo, a parti invertite, cosa sarebbe successo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. grammelot - 1 mese fa

      Il solito alibi e il solito piangisteo.

      Colpa dell’arbitro, naturalmente!

      Dopo 3 minuti già sotto di una rete!

      Ringrazia il cielo che ieri le merde zebrate giocavano con una gamba e un piede soli e al risparmio, altrimenti il record negativo di maggior numero di gol esterni presi in una sola partita veniva ritoccato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 1 mese fa

      @gammelot o come vuoi tu, io non ho dato alibi a nessuno. Forse volevi rispondere ad altri. La prossima volta, leggi meglio sennò ti invio un disegnino da colorare 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. grammelot - 1 mese fa

        A te servirebbe un paio d’occhiali, così almeno rileggi quello che hai scritto e la finisci di lamentartia “parti invertite”.

        E se non dovessero bastare gli occhiali, allora prova con il laser.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

          Io non sono ancora dimagrito…
          Devo sempre aspettare?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. grammelot - 1 mese fa

            Il cervello ti è dimagrito di sicuro, e senza dover aspettare troppo.

            E qualcuno, a quanto mi è stato detto, ti ha dato una bella calmata, ma è stato anche l’ultimo avviso.

            Ormai ti hanno “inquadrato”.

            Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 1 mese fa

          @Grammello, più scrivi e più ti manifesti. Continua, divertiti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. grammelot - 1 mese fa

            Con te mi diverto eccome: è come sparare sulla croce rossa.

            Mi piace Non mi piace
  7. aledranata81 - 1 mese fa

    Fate un articolo sui 13 anni di presidenza Cairo. E portate i numeri e le statistiche dei risultati ottenuti nei 13 anni.

    Poi paragonateli alle stesse squadre che come noi sono fallite o anche a squadre come Bologna atalanta fiorentina etc etc e guardate dove ci sta portando.

    Non si vive nel passato, un imprenditore serio e in gamba programma la propria azienda con progetti a 5 e 10 anni . Qui noi oggi non vediamo nulla! E meno del nulla!

    Chi vive nel passato è destinato ad essere un mediocre.

    La storia va rispettata ma con l’obbiettivo di migliorarla nel futuro.

    Cairo Vendi il Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 mese fa

      Penserai mica che cairo sia un nostalgico che vive nel passato? Della storia di questa società conosce a malapena i libri contabili. Rispetto alla capacità imprenditoriale nulla da dire, se non fosse che non è il torino calcio il focus della sua impresa ma l editoria. Nessuno può insegnare ad un imprenditore come si fa l imprenditore, perché quando ci guadagni hai ragione tu, quando ci perdi nessuno ha interesse a spiegarti come ci si rialza. Cairo sa benissimo cosa sta facendo perché è un ottimo imprenditore. Peccato che non centri nulla con il nostro contesto, al toro sta facendo l amministratore delegato non il presidente e lo sta facendo da 15 anni, con i conti a posto. per questo dovrebbe andarsene, perché il toro da 15 anni non ha un presidente! Comunque era rigore!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabrizio - 1 mese fa

      con il pericolo di essere licenziati? in questo periodo poi….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy