La moviola di Torino-Milan 2-1: Guida riesce a scontentare tutti

La moviola di Torino-Milan 2-1: Guida riesce a scontentare tutti

Moviola / Direzione discutibile da ambo le parti, il metro di giudizio è incomprensibile

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Ancora Guida, ancora polemiche. È già la designazione a far storcere il naso in casa Toro: perché lo stesso arbitro che solo qualche mese fa aveva sbagliato 3 decisioni fondamentali nell’ultimo Torino-Milan? Purtroppo la direzione del fischietto di Pompei conferma tutti i dubbi della vigilia. Protestano sia il Torino che il Milan per gli episodi decisivi e per un metro di giudizio francamente difficile da comprendere.

EPISODI – La cronaca degli episodi inizia con il giallo rifilato a Lyanco: Piatek lascia scorrere il pallone, il brasiliano è ingenuo ad appoggiarsi ma il contatto è lieve e l’ammonizione è esagerata. Soprattutto se due minuti dopo, a parti invertite, il giudizio è diametralmente opposto. Belotti scappa, Romagnoli lo trattiene: fallo per il Milan. Poi il rigore: al 18′ Leao si inserisce e De Silvestri gli mette una mano sulla spalla. Guida non ha dubbi e il VAR non lo chiama al monitor perchè in questi casi la scelta è a discrezione dell’arbitro; il contatto è lieve e l’attaccante si lascia cadere, restano diversi dubbi.

METRO DI GIUDIZIO – Non sarebbe stata eccessiva l’espulsione ai danni di Hernandez per un intervento da macellaio su Izzo nella ripresa e, nel primo tempo, il secondo giallo per Bennacer, che al limite dell’area stende Belotti da dietro (Guida non fischia neanche il fallo). Soprattutto alla luce del giallo per Belotti al 33′ (insensato). A Musacchio, invece, viene mostrato il giallo solo all’88 dopo aver affossato l’attaccante granata in più di un’occasione. Poi l’episodio contestato dal Milan: Rincon ferma Calhanoglu in modo scorretto e rilancia l’azione di Belotti che pareggia l’incontro. Orsato non chiama Guida al monitor perché l’arbitro vede e giudica regolare l’azione, ma il fallo c’era. Se solo avessimo capito il metro di giudizio…

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 2 settimane fa

    Passano le settimane, i mesi, gli anni.
    Gli arbitri cambiano, si alternano, vanno e poi ritornano, ma non cambia mai nulla: il Toro è una di quelle squadre nei confronti delle quali gli arbitri sono più pesantemente severi, spesso ingiusti, talvolta vergognosi.
    Per 5 episodi a nostro favore ce ne sono almeno 100contrari!
    Non è vittimismo, non è pietismo, non sono lamentele: sono dati di fatto.
    Si sa a priori che le cosiddette “grandi”, nel senso che grandi “bisogna” farle diventare, sono trattate con “un occhio di riguardo”, sempre.
    Le milanesi, le romane, il Napoli e la Juve “devono essere spinte in alto”, per merito loro, o con gli “aiutini” arbitrali.
    Se il metro fosse questo però, allora le squadre di seconda fascia dovrebbero essere trattate con rispetto almeno quando giocano con le “piccole”, ma non è così!
    Sono squadre da “frenare” quelle come il Toro, proprio perché non raccolgano troppi punti e non vadano a disturbare le “grandi”.
    Quindi “pugno di ferro nei giudizi ed occhi arbitrali bendati”, anche se si gioca con squadre più deboli.
    Forse il comportamento del Toro risulta troppo serio e rigoroso??
    Forse nessun Rolex e nessuna autovettuta sono stati regalati x Natale?
    E pensare che in molti non abbiamo mai capito x quale motivo il Toro riscuote simpatie in tutto il mondo, ma non tra la classe arbitrale, a cui deve evidentemente risultare “antipatico, se non odioso”…
    Quello che fa ancor più rabbia è che, a questa nefasta abitudine, le altre squadre si affidano per potersi ancora lamentare.
    10 episodi a loro favore, 1 contrario, e di quello e per quello si lagnano per l’intera settimana, coadiuvate da TV e stampa!
    Nel post-partita di Torino-Milan, su Sky per esempio, si è visto e rivisto cento volte solo il fallo di Rincon, e solo di quello si è discusso! Solo il possibile danno arrecato al Milan è stato sottolineato.
    Sulle ingiustizie contro il Toro, come sempre, hanno sorvolato…
    La conclusione la sappiamo: bisogna “vincere per forza”, sempre con le nostre sole forze, impegnandoci il doppio degli altri!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14323831 - 3 settimane fa

    Rimessa laterale ritardata dal Milan = cambio rimessa. Rimessa laterale lenta del Toro = ammonizione Aina. Due metri e due misure, penoso!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 3 settimane fa

    Minkia che arbitro! Entra di diritto nel top10 dei cornuti di categoria!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Dr Bobetti - 3 settimane fa

    Arbitro non di categoria e non voglio pensare male… rigore eccessivo e soprattutto cartellini risparmiati ai rossoneri (gialli e rossi), per contro anche qualche cartellino di troppo a noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FORZA TORO - 3 settimane fa

    quei rigori per come la penso io li darei sempre,ingenuo DeSi,sulle ammonizioni invece arbitro penoso e ci possono aver condizionato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14052178 - 3 settimane fa

    Avevano già apparecchiato la sconfitta del toro con i cartellini nel primo tempo….. per fortuna wuolter ha tolto lyanco che sicuramente avrebbe preso il rosso. È che dire andiamo a vincere a Parma e occhi all africano che corre come Bolt e ci fa sempre male! Ciao robbi granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Steu - 3 settimane fa

    Se l’unico episodio a sfavore del Milan è stato il presunto fallo di El General su Calhanoglu, il metro di giudizio francamente mi sembra facilissimo da comprendere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. maxx72 - 3 settimane fa

    Il metro di giudizio è presto detto: questo arbitro è un pirla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

    Arbitro che ci ha danneggiato per tutto il primo tempo. Clamoroso il fallo su Belotti non fischiato nel primo tempo al limite dell’area milanista. Da lì Verdi avrebbe potuto colpire tanto di dx quanto di sx. Cartellini a Belotti e Lyanco assolutamente inventati.
    Il rigore ci poteva stare soprattutto per la stupidaggine da parte di De Silvestri di mettere la mano sulla spalla di Piatek: si sa che in quelle circostanze l’avversario frana clamorosamente a terra. Cartellini tardivi o risparmiati agli strisciati, figlio di un arbitraggio volto a favorire il Milan. Nel secondo tempo Guida pasticcia abbastanza e non osa più esporsi così a favore del milan.
    Abbiamo vinto anche contro un arbitro vergognoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

      Spalla di Leao non di Piatek, scusate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. tric - 3 settimane fa

    Veramente un arbitraggio penoso, tuttavia almeno non mi è parso in malafede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy