La probabile formazione del Torino: il solito Mazzarri punta sulla continuità

La probabile formazione del Torino: il solito Mazzarri punta sulla continuità

Verso il match / Nonostante gli acquisiti estivi, il tecnico granata vuole premiare i protagonisti della partita contro l’Atalanta

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino, domani, affronterà il Lecce, in una prova di maturità importante per capire dove possa arrivare questo gruppo: dopo l’impresa contro l’Atalanta fuori casa, serve un’altra partita di carattere. Per poter ottenere tutto ciò, Mazzarri punta sulla meritocrazia e sulla continuità.

In porta non si toglie dai pali un Salvatore Sirigu senza ombra di dubbio decisivo in tutte le prime apparizioni di questo Toro 2019/2020. Davanti alla saracinesca granata, nonostante le scuse di Nkoulou, dovrebbe essere confermato il terzetto composto da Izzo sulla destra, Djidji al centro e Bonifazi a sinistra.

I 5 di centrocampo saranno quasi sicuramente Meité, Baselli, Rincon (al centro) e sugli esterni De Silvestri ed Ola Aina, che sta entrando in condizione fisica e può essere una spinta cruciale sulla quale Mazzari fa affidamento.

I due davanti dovrebbero essere l’inamovibile Gallo Belotti, supportato per questa gara da Berenguer, che con il capitano del Toro sta maturando una grande intesa.

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Djidji, Bonifazi; De Silvestri, Meité, Rincon, Baselli, Aina; Berenguer, Belotti. All: Mazzarri

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 3 mesi fa

    Non so se manterrà l’11 di Bergamo ma, anche se io preferirei una squadra più offensiva, se fosse così nn ci troverei nulla di anomalo.
    Ci può stare basta che se nn dovessimo sbloccare il risultato non si attenda il 70° x mettere dentro un altro attaccante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. poluva66 - 3 mesi fa

    ma se non proviamo 3 punte con il Lecce quando le proviamo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Ora che ha buona parte dei giocatori a disposizione, penso, e spero, che Mazzarri virerà sul 3-4-2-1 provato e riprovato durante il ritiro estivo. Soluzione che dà equilibrio alla squadra ed esalta il ruolo del Gallo, ben sapendo che a partita in corso si possono cambiare equilibri e disposizione tattica anche con la semplice sostituzione di uno dei due che stanno dietro/ai lati di Belotti, per passare al 3-5-2 o al 3-4-1-2.
    Mazzarri ci sa fare e sa cambiare le carte in tavola durante il match, per confondere gli avversari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rimbaud - 3 mesi fa

    Anche per me Zaza Belotti e berenguer con verdi a subentrare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14003131 - 3 mesi fa

    Boh vedremo… intanto cerchiamo di vincerla e basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dario61 - 3 mesi fa

    Giochi chi metta sicuramente si deve vincere col Lecce poche storie poi sul discorso che Berenger sia più affidabile di Verdi è una sua idea .. spendere 25 milioni e lasciarlo in panchina nn ha senso anche perché la preparazione l’ha fatta giocato pure..per spiegare gli schemi ha avuto più di 10 giorni e non credo sia così pivello da nn assimilare subito .. quindi (tanto per fare un esempio) Lukaku nn dovrebbe giocare perché nn sa ancora gli schemi dell’Inter?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kalokagathia - 3 mesi fa

      Maronna quanto ti scaldi Dario61 non vedo nessuno scaldalo nel preferire, per una sfida così delicata come quella di Lecce dove l’imperativo sarebbe “vincere”, giocatori già abituati a giocare assieme e l cui intesa si sta sempre più perfezionando. Poi sai un conto è assimilare gli schemi nella teoria tutt’altro é quando sei in campo, l’intesa é qualcosa che sta un po’ più in su delle parole. Come ben citi Lukaku, infatti, se hai visto qualcosa di Inter Udine non ci ha capito una cippa e poi l’Inter mi pare abbia solo lui come perno centrale d’attacco.
      Verdi avrà tutto il tempo per inserirsi con i dovuti tempi e modi nell’11 titolare che senza dubbio lo attende. Come puoi ben notare non è più il toro di Sinisa questa è una squadra che sacrifica un po’ di talento per lasciar più spazio ad un’organizzazione capillare di gioco nella varie fasi. Verdi dunque, come Laxalt, a mio parere giustamente partiranno come titolari quando la percentuale di integrazione col team avrà raggiunto discreti livelli di familiarità sul campo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iard68 - 3 mesi fa

        Massì… Come il Milan ieri sera… 6 acquisti per vedere i soliti 11 senza uno straccio di idea! Familiarità sul campo è un concetto fine a se stesso: se uno è buono, fa la differenza subito (ad esempio michitaryan!) anche se l’intesa non è perfetta! E se la squadra la si fa per riconoscenza, allora Verdi lo si vede a gennaio o quando si incomincia a non vincere le partite… (cosa che mi auguro non capiti!). Il paradosso di questa “filosofia” sarebbe prendere Messi… allora che fai, lo tieni in panca fino a Natale perché Zaza o Berenguer hanno fatto benino e potrebbero offendersi per aver “perso il posto”? Se ragioni così, fallisci all’inter e vai bene per allenare la reggina tutta la vita… E il Toro spero di no…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. filippoiacuitt_10381459 - 3 mesi fa

    Precisamente cosa intendete con “grande intesa” tra Belotti e Berenguer? Berenguer ha intesa ad andare addosso agli avversari per quanto mi riguarda un gol non cambia le prestazioni deludenti dalle “potenzialità” che dicono abbia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. maxx72 - 3 mesi fa

    La formazione migliore è quella che decide quel grande di Mazzarri alias palledighisa .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    Spero abbia ragione Mazzarri. Certo che insistere su sto 3-5-2, su Berenguer supposto apriscatole e Belotti solitario lascia non poche perplessità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Alelux77 - 3 mesi fa

    Tutto troppo scontato.
    La formazione Mazzarri la deciderà domani, ma da quel che ha detto in conferenza stampa si evincere che sia quella indicata nell articolo. Ma è tutto troppo scontato,secondo me si sarà tenuto qualcosa per se, che vedremo in campo domani.
    Possibile che con tutta questa abbondanza, mette in campo tutti i tre mediani dall inizio, con il solo acciaccato Lukic in panchina a poterli sostituire?.. Si gioca in casa col Lecce.. Per me con Belotti e Brenguer gioca Zaza.. Oppure(e questa è solo una bella fantasia, ma perché non provarlo davvero col Lecce) Millico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata70 - 3 mesi fa

      Penso giochi zaza. Verdi entra nel secondo tempo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iard68 - 3 mesi fa

      Millico, col caratterino che si ritrova, lo rivedi al Pisa dopo gennaio, sempre che l’allenatore del Pisa non ragioni come Mazzarri. In quest’ultimo caso farà un paio di spezzoni a Maggio quando l’intesa con I compagni sarà perfetta e avrà pienamente digerito gli “schemi”…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. martin76 - 3 mesi fa

    Io Verdi lo metterei in modo da allenare fin da subito l’intesa con il Gallo. Fosse per me farei giocare Belotti con Verdi e Berenguer. Chiaramente è la mia opinabilissima opinione, mi fido comunque di Mazzari che sta dimostrando di avere la situazione in pugno.

    Parlando di altro, per me scandalosa l’espulsione del giocatore del Verona. Quanto mi sta sul ca**o il milan..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paperoga - 3 mesi fa

      aiutino Milan ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 3 mesi fa

      Gli ha solo dato un calcio.in faccia.
      Non è rosso, è di più!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. iard68 - 3 mesi fa

      Apposta o no, c’entra nulla. E’ chiaramento una giocata violenta che mette a repentaglio l’incolumità dell’avversario. Il regolamento dice espulsione diretta. Se lo si vuol cambiare è un altro conto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. martin76 - 3 mesi fa

        Se guardi il replay il giocatore sta guardando la palla mentre alza la gamba… per me giusta ammonizione tanto più che è andato a riguardarlo al var e si vede chiaramente che non è volontario

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iard68 - 3 mesi fa

          Ok, non lo ha fatto apposta, non voleva far male, siamo d’accordo. Ma il regolamento dice che volontario o no… si deve buttar fuori. Percheé non si dovrebbe applicare?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Max63 - 3 mesi fa

    Mi dispiace ritornare a vedere Belotti da solo a combattere contro le difese. Sarà giusto così!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Bischero - 3 mesi fa

    Secondo me con la rosa attuale il mister deve imparare a gestire i cambi. Ora ha 4 terzini. Ansaldi si é allenato poco ed é giusto che giochi laxalt. A destra ci sta aina a far rifiatare desilvestri. A centrocampo abbiamo 4 centrali. Uno di loro é mezzo acciaccato e vista l abbondanza in avanti non giocherei in casa con il Lecce con il centrocampista alto con Berenguer e Belotti. Mi sembra giusto mettere verdi e poi al bisogno Zaza o ansaldi mezzala per uno spezzone… Poi mi fido di Mazzarri ma se cominciamo a mettere fuori ruolo giocatori quando hai in rosa alternative é normale fare malumori sopratutto in ottica partita in casa con il lecce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. checktoro - 3 mesi fa

      Scusa, ma Ansaldi non è ancora recuperato .
      E poi mi fido di Mazzarri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iard68 - 3 mesi fa

      Hanno preso Laxalt (ottimo acquisto secondo me) per fare da alternatva ad Ansaldi sulla sinistra e quando non c’è Ansaldi gioca Aina… con De Silvestri titolare sempre, a costo di morire sfiancato. Perfetto. Mazzarri, oltre le palle, ha anche la TESTA di ghisa. E se nel primo caso può essere un complimento, nel secondo molto molto meno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy