L’analisi dei gol di Cagliari-Torino 4-2: gli svarioni di Aina e Nkoulou ma non solo

L’analisi dei gol di Cagliari-Torino 4-2: gli svarioni di Aina e Nkoulou ma non solo

Analisi / I quattro gol concessi nascono da errori gravi da parte della squadra granata. Leggerezze letali alla Sardegna Arena

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

LENTEZZA

Il Torino ha perso il confronto contro il Cagliari fuori casa, alla Sardegna Arena, dimostrando di avere ancora tante lacune tecnico-tattiche da risolvere. Lo si può facilmente notare analizzando i gol subiti (ben 4) da parte dei granata: in tutti quanti si possono trovare ingenuità, leggerezze ed errori che non sono ammissibili per il Toro, in particolar modo in questo momento, in cui si cerca di raggiungere il prima possibile la salvezza.

Partendo dalla prima rete, quella di Nandez, tornano le lacune sui calci piazzati. Classico cross in mezzo da corner, col pallone che arriva a centro area. Già nella prima inquadratura si nota che ci sono Edera e Berenguer nei pressi del limite dell’area.

Il pallone viene spazzato con un campanile altissimo e nessuno dei granata cerca di avventarsi sul pallone. Nandez ha avuto la comodità di preparare il tiro che, va detto, è stato particolarmente preciso. Ma non ha trovato nessun granata a coprire lo spazio di tiro tra lui e la porta. Edera e Berenguer troppo lenti nel cercare di andare a contrasto.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 6 giorni fa

    Copio e incollo,dall’articolo:
    1° gol- EDERA E BERENGUER troppo lenti nel cercare di andare a contrasto.
    2° gol – La difesa granata aveva tentato di far scattare la trappola del fuorigioco. Ma OLA AINA non ha seguito i suoi compagni, muovendosi troppo lentamente e tenendo in gioco Lykogiannis. Errore costato tantissimo soprattutto col senno di poi.
    3° gol – Joao Pedro ha ricevuto la palla e senza disturbo è avanzato verso la porta difesa da Sirigu: IZZO non si è fatto sentire, lasciandogli troppa libertà.
    Nainggolan libero sulla trequarti, con RINCON in netto ritardo nella marcatura preventiva. Il belga ha avuto lo spazio per avanzare, mentre NKOULOU lo marcava a (troppa) distanza ma con qualche indecisione di troppo nell’accorciare.
    Nainggolan fa partire una staffilata che è passata sotto le gambe di NKOULOU e ha preso il palo interno battendo di pochi centimetri l’incolpevole Sirigu.
    4° gol – Lo ha siglato Joao Pedro su un penalty regalato clamorosamente da Nicolas NKOULOU.
    Un errore da principiante, che non ci si aspetta da un difensore così esperto come Nkoulou.
    Con AINA in ritardo nella lettura dell’azione.

    Ricapitolando:
    Edera,Berenguer,Izzo,Rincon,
    + Aina e Nkoulou, in evidenza con più e più errori.
    4 gol subiti con errori di 6 giocatori diversi.
    Vada uno che sbaglia, due ci può stare, tre è un po’troppo,
    ma qui hanno sbagliato in sei, con due che si sono ripetuti!
    Ma la testa dov’era?
    Il calo di attenzione è stato quasi corale!
    Non invidio, e compiango, il Signor Longo!
    Se riuscirà a tenere il Toro in serie A avrà compiuto un vero miracolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 6 giorni fa

    La testa era altrove, come spesso è capitato quest’anno, 3 gol subiti in 50 min. Ne sono la prova, resta il mistero e probabilmente resterà tale, di cosa sia successo da un stagione all’altra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ddavide69 - 6 giorni fa

    Aina e meite sono i primi due da togliersi dai coglioni. A costo di perderci , tanto con loro in campo si gioca sempre in 9.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Guevara2019 - 6 giorni fa

    Cosa sia successo da un anno a questa parte rimarrà un mistero,una squadra non si può imbrocchire in questo modo,se non si incontrava il Wolves probabilmente entravamo in Europa League dopo un ottimo campionato.
    Non è credibile che si siano trasformati in questo modo nel giro di pochi mesi,evidentemente è la società ad essere in gravi difficoltà,e i risultati ne hanno risentito pesantemente.
    Ora dovremo sperare di fare meno schifo di Lecce,Genoa e Samp,sarà una corsa fino all’ultima giornata,ma non facciamoci illusioni,se il Toro rimane all’attuale proprietà ripeterà lo stesso campionato di quest’anno e prima o poi alla serie cadetta ci si arriva…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy