L’assurdità degli orari sfalsati: anche Mazzarri fa sentire la propria voce

Il commento / Il tecnico granata chiede più accortezza per il prossimo campionato

di Marco De Rito, @marcoderito

“Per la regolarità totale del campionato sarebbe utile che coloro che lottano per un certo obiettivo giochino tutti nello stesso orario”. Non le ha mandate certo a dire Walter Mazzarri nella consueta conferenza pre-partita. Il Torino giocherà oggi a pranzo con il Sassuolo, dopo che Milan, Lazio e Atalanta hanno giocato nella giornata di ieri. E’ inoltre la quinta volta in cui un match dei granata viene collocato alle 12.30. A ciò va aggiunto il fatto che tre dirette concorrenti del Toro (Atalanta, Lazio e Milan) hanno vinto, rendendo indispensabile la vittoria dei granata con il Sassuolo. 

PRESSIONE – Aldilà dei risultati, c’è un problema di fondo sulla sistemazione del calendario. Tre dirette concorrenti non hanno giocato in contemporaneità: ciò può influire psicologicamente sull’approccio dei giocatori, come si è visto palesemente la scorsa stagione quando la Juventus ha avuto la meglio sul Napoli per lo Scudetto anche perchè gli uomini di Sarri scesero in campo a Firenze sapendo già della vittoria dei bianconeri a San Siro con l’Inter della sera prima. E’ evidente che anche i calciatori sono esseri umani e sapere di essere “costretti” a vincere, come lo sarà il Torino oggi, aggiunge ulteriore pressione.

IL MONITO – Ha ragione Mazzarri quando afferma che tutte le partite delle squadre concorrenti per uno stesso obiettivo si dovrebbero giocare contemporaneamente, nelle ultime tre-quattro giornate di campionato, come accadeva fino a qualche anno fa. Si renderebbe il campionato più regolare e nessuna squadra ne trarrebbe vantaggio. Ma evidentemente le logiche che vengono seguite nella collocazione degli orari sono altre. Il messaggio del tecnico granata dovrebbe essere da monito per la Lega: “Ormai questo campionato è finito e spero ci sia più attenzione il prossimo anno”. Difficile che ciò possa accadere, ma far sentire la propria voce è sacrosanto. 

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 2 anni fa

    Non concepisco chi dice che se non si va in Europa è lecito quasi smantellare la squadra. Mai come quest’anno ci sono le basi e i soldi per confermare i migliori e prendere innesti di qualità. Nessuna scusa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 2 anni fa

    Tutti gli anni nelle ultime tre partite succedono cose strane.Milan,squadra scarsa,ha vinto facilmente a Firenze.Lazio,squadra scarsa, ha vinto facilmente a Cagliari.Volete scommettere che vincera’ anche la Roma,squadra mediocre, contro i Gobbi ?Per quanto riguarda giocare dopo sapere risultati di altre concorrenti non è rilevante ,anzi.Infine per il Toro fare 9 punti è quasi impossibile perché gli arbitri troveranno come sempre qualche cavillo per fargli perdere dei punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alrom4_8385196 - 2 anni fa

      La campagna trasferimenti ufficialmente comincia a Luglio ma le acque è già da un bel po’ che si muovono …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Madama_granata - 2 anni fa

    Concordo con il commento di “Calogero”.
    Cito: “Questa squadra, o non è gradita, o sta sull’anima a qualche pezzo da novanta!”.
    Il Presidente, Mazzarri, i giocatori (che non possono parlare, ovviamente), noi tifosi tutti dobbiamo rassegnarci: AL TORO MAI NESSUNO FARÀ FAVORITISMI O REGALI!
    Detto ciò, GIUSTO PROTESTARE “CIVILMENTE”: NON È LAMENTARSI, è non accettare di essere presi pure x stupidi, non abbassare il capo da codardi!
    Chi stabilisce le regole dirà che il Toro non è penalizzato, ovviamente! Solo trattato da “squadra di metà classifica, come realmente è stata finora!
    Come sapere, ad inizio campionato, che il Torino avrebbe tenuto testa a Roma, Milan e Lazio? Che sarebbe stato in corsa x l’Europa?
    To-Sassuolo, alle 12,30, doveva essere una partita tra squadre che non hanno più nulla da chiedere, in termini di risultati!
    BISOGNA RIUSCIRE AD ELEVARCI NOI AL RANGO DI “SQUADRA CHE CONTA”, POI SI POTRÀ CHIEDERE PARI TRATRAMENTO CON LE ALTRE “GRANDI”!
    Non concordo invece con chi dice che x colpa nostra abbiamo perso punti importanti.
    Mi spiego: è vero, è successo, ma come noi lo hanno fatto Milan, Lazio e Roma; persino Inter e Napoli.
    Il campionato è livellato: spesso le “piccole” hanno sconfitto le “grandi”.
    L’unica squadra che ha reso oltre le aspettative è stata l’Atalanta.
    Ora incrociamo le dita, NON CONTINUIAMO A FARCI DEL MALE DA SOLI CRITICANDO DIRIGENZA E SQUADRA, MA “FACCIAMO BLOCCO UNICO”.
    DIAMO SERENITÀ E FIDUCIA ALL’AMBIENTE, STANDO VICINO A CHI DEVE GIOCARE.
    È tutto ciò che possiamo e dobbiamo fare, poi si vedrà!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 anni fa

      Gli orari non li decidono all inizio dell anno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. DenisLaw - 2 anni fa

    Perché l’Atalanta ha giocato diverse partite di lunedì conoscendo già i risultati degli altri allora? Noi di lunedì abbiamo giocato pochissimo. Non mi aspetto nessun favore dai gobbi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 2 anni fa

    Solitamente chi gioca conoscendo il risultato degli altri è avvantaggiato.
    X cosa stiamo recriminando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. gpmorano - 2 anni fa

    Altra cosa che lascia con l’amaro in bocca è vedere il diverso atteggiamento di squadre che non hanno più nulla da chiedere ma che si trovano ad essere “arbitri” dell’altrui destino. Cito il Cagliari per tutti. E la squadra di Venaria, se vuole veramente dirsi grande, dovrà dimostrarlo stasera a Roma. Sui 9 punti nostri d’obbligo non posso che essere d’accordo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alrom4_8385196 - 2 anni fa

      Prevedo un vittoria facile della Roma stasera . Scordiamoci pure la rabbia agonistica con la quale il Venaria ha cercato il pari nell’ultimo derby , non sia mai che ci possano fare un favore .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Calogero - 2 anni fa

    In questo campionato ci sono state troppe cose sfavorevoli al Torino, dagli arbitraggi a queste designazioni che sarebbe meglio evitare a questi orari per tutti. La cosa che dispiace di più è constatare che probabilmente questa squadra o non è gradita o sta veramente sui maroni a qualche pezzo da 90. Io qualche idea a livello personale me la sono anche fatta, ma me la tengo per me, fino a quando non la vedrò confutata. Quello di cui ci potremo vantare in caso raggiungessimo un risultato utile è che a noi è costata molto di più in termini di fatiche fisiche e morali… Ecco a cosa serve nel 2019 essere una squadra blasonata: ad essere penalizzati in un modo o in un altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. alrom4_8385196 - 2 anni fa

    Parole sante quelle di Mazzarri ma chi comanda nel calcio da quell’orecchio non ci sente. Nel mio piccolo ho disdetto l’abbonamento che NON mi faceva vedere tutte le gare del Toro ( vedi oggi col Sassuolo). Il calcio è nelle mani di TV private e trafficoni vari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. SiculoGranataSempre - 2 anni fa

    Se riusciamo a fare 9 punti, comunque vada la finale di Coppa Italia, per quanto mi riguarda sarò abbastanza soddisfatto della stagione. Sarebbero 66 punti finali, record. Ma resterebbe comunque quel gusto di beffa per la consapevolezza di come ci siamo persi nei momenti importanti e per almeno 3 punti negati da decisioni arbitrali. Ma il mio timore è che non raggiungendo l’Europa League, la squadra possa subire importanti emorragie dei migliori. Penso certamente a Sirigu, Izzo, N’Koulou. Dei tre quello più probabile è il portiere. Se invece la Dea dimostra che è una squadra vera, può vincere tranquillamente la finale e sarebbe fatta. Staremo a vedere ma nessuno pensi che con meno di 9 punti si possa fare qualcosa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 2 anni fa

      Sono d’accordo. Sono fondamentali i nove punti aldilà dei calendari sfalsati. Del resto anche il Milan ieri notte ha giocato sapendo il risultato di Lazio e Atalanta. Purtroppo i diritti tv la fanno da padrone e per coerenza occorre dire che sono i soldi proprio dei diritti a portare aumenti di ricavi della società, Toro compreso. Da questa logica non si può sfuggire se non rinunciando a cospicui introiti. Mazzarri avrà sicuramente ragione ma poi bisognerebbe anche trovare fonti di finanziamento alternative. Quanto ai punti persi, oltre a quelli per demeriti arbitrali, io aggiungerei quelli per i cronici problemi nella fase offensiva della squadra, sottolineati dallo stesso mister. Speriamo di andare in Europa così da evitare una diaspora e poter lavorare con serenità su questo problema.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SiculoGranataSempre - 2 anni fa

        In effetti carissimo Granatiere la diaspora si potrebbe evitare anche con Cairo che si presenti a Giugno con un progetto ambizioso di rafforzamento serio della squadra. Dimostrando che vorrà spendere dei soldini e puntare su 2 o 3 nuovi giocatori di livello (meglio se almeno 3). Forse cosi, anche senza Europa, potrà sperare nel mantenere lo zoccolo duro della squadra. Ma vedremo, mancano solo 2 settimane…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy