Lega Serie A, Abete è il nuovo commissario. Lo scenario e il ruolo di Cairo

Lega Serie A, Abete è il nuovo commissario. Lo scenario e il ruolo di Cairo

Focus on / Cos’è successo ieri in Lega Serie A? Quando si voterà di nuovo?

di Redazione Toro News

Giancarlo Abete è il nuovo commissario della Lega Serie A. Lo ha stabilito il Consiglio Federale della FIGC tenutosi oggi a Roma. È l’ex presidente federale, la cui figura è stata proposta dall’attuale numero uno della FIGC Gravina, a rappresentare la soluzione provvisoria per la Governance della Lega Serie A, che tra dimissioni, commissariamenti e veleni non riesce a trovare consenso tra i club su una guida stabile. I club della massima serie non sono riusciti neanche ieri ad arrivare al quorum richiesto per nominare un nuovo Presidente. È andato a vuoto il tentativo di eleggere Paolo Dal Pino, dirigente di spicco nel mondo delle telecomunicazioni proposto dalla Roma con l’appoggio di Lazio e Milan. Tutta la situazione si è creata dopo le dimissioni di Gaetano Micciché a causa delle indagini su eventuali irregolarità commesse nella sua elezione lo scorso 18 marzo. La nomina di Mario Cicala come commissario ad acta, poi, ha surriscaldato ulteriormente gli animi. La Federcalcio ha giudicato incompatibile il commissario a causa del suo ruolo nel consiglio di sorveglianza della Lazio di Claudio Lotito e ora i club devono trovare un altro nome spendibile per il ruolo di presidente.

CAIRO-LOTITO – Nell’assemblea di ieri il confronto è stato più che vivace, soprattutto tra Urbano Cairo, che ha votato contro la nomina di Dal Pino e Claudio Lotito, uno dei principali sostenitori della sua candidatura. Sono stati Torino e Juventus in primis a guidare la ‘fazione’ anti-Dal Pino, che non è riuscito ad avere la meglio in nessuna delle tre votazioni (bastavano 12 club per l’elezione alla terza tornata). Abete sarà in carica sino al 10 marzo 2020 ma ma la speranza è che non si debbano aspettare altri tre mesi per avere un nuovo presidente. A tal fine è difficile che Dal Pino possa ricandidarsi. E non è da escludere che possa riprendere quota l’ipotesi di un Miccichè-bis.

MICCICHÉ – Un’opzione che Cairo vedrebbe di buon occhio viste le dichiarazioni di qualche settimana fa, in seguito alle sue dimissioni: “Secondo me Micciché aveva fatto un ottimo lavoro in questi 20 mesi, da quando è stato eletto. Sono dimissioni strumentali, perché se in 20 mesi non ci si è ricordati di una elezione che io ricordo regolarissima, con tutti felici della sua elezione, contenti che finalmente si uscisse da un lunghissimo periodo di commissariamento. La votazione fu a scrutinio segreto e poi per acclamazione furono tutti per lui. Quindi non c’era nulla di irregolare”. Lotito e Cairo hanno opinioni completamente differenti e a detta di alcuni il confronto sarebbe sfociato in un diverbio quasi fisico. Sono previsti altri incontri a partire da gennaio per capire quale delle due correnti riuscirà a raggiungere il consenso sufficiente per nominare un nuovo Presidente.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 4 settimane fa

    A chi si indigna perché Toro e Juve stanno dalla stessa parte, faccio notare che anche Roma e Lazio “sposano” le stesse scelte!
    Si vede che ora si “viaggia” x città, non x singola squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 4 settimane fa

      É più grave chi nn sa fare 2+2
      o peggio ancora chi nn vuol fare 2+2.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. essenzagranata - 4 settimane fa

      Di fronte a tale dichiarazione, vada pure a tifare per quelli di Venaria (per la proprietà transitiva che “sposa” certe scelte), ma soprattutto, per cortesia, non faccia più certi discorsi di “appartenza di sangue” al Tifo Granata, quello vero s’intende, del quale Lei ha probabilmente lasciato per strada i Valori, Storia e Blasone.

      Eppure, nel mio intervento di ieri, mi sembrava di essere stato abbastanza chiaro a proposito di che è veramente Urbano Cairo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14003131 - 4 settimane fa

    Miccichè è socio in affari di Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 4 settimane fa

    Tre mesi di reggenza,chissà a He porcherie dovremmo assistere nel contempo. Maneggi inciuci ecc.. il proprietario dell’fc eseguirà gli ordini,stop. Nel frattempo però,l’ombra blackstone si allargherà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nero77 - 4 settimane fa

    I porci grossi arrivano alle mani?Non sono accordati sulle fettine piccole che ci hanno lasciato gli zebrati?In Europa non contiamo più un caxxo,l Italietta di mancini alla prima difficoltà affonderà miserabilmente grazie ai nostri rappresentanti di palazzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Davide_Toro.nel.cuore - 4 settimane fa

      Che bel commento….utile come una forchetta da brodo!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TOROPERDUTO - 1 mese fa

    L’Italia…… Abete…… Il nuovo che avanza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 mese fa

      e non dimenticare “all’insegna della meritocrazia”!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 1 mese fa

        È perché non ti hanno informato che è cambiato il parametro…. Adesso va la merdocrazia…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marchese del Grillo - 1 mese fa

          …hanno eletto monociglio?

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy