Lyanco, parla il papà: “Rispetto le critiche. Ma vederlo in forma dovrebbe far piacere”

Lyanco, parla il papà: “Rispetto le critiche. Ma vederlo in forma dovrebbe far piacere”

Esclusiva / Marcelo Vojnovic, padre del difensore brasiliano, ai nostri microfoni: “Rispetto le critiche, ma è un professionista e deve dare il massimo contro qualunque avversario”

di Nicolò Muggianu

Un Lyanco così probabilmente i tifosi del Torino non lo avevano mai visto. Grinta e qualità, ma soprattutto il sorriso di chi è finalmente tornato a fare ciò che ama di più: giocare a pallone. Il calvario del doppio infortunio al piede sinistro d’altronde è una ferita ancora aperta, arrivata nel momento clou della sua maturazione al Torino: “Lyanco gioca a calcio da molti anni – ha confidato a Toro News Marcelo Vojnovic, padre del classe ’97 – e da quando ha iniziato non aveva mai avuto un infortunio. Non era mai uscito dal campo nemmeno per una settimana e l’infortunio che ha avuto l’anno scorso è stato qualcosa che gli è rimasto dentro; soprattutto perché è stato fermo a lungo“. Sofferenza già raccontata lo scorso agosto dall’ex San Paolo, che tra le lacrime confessava di “aver temuto di dover smettere di giocare a calcio”.

Lyanco, l’esultanza non va giù ai tifosi del Torino. Che su Instagram scrivono: “Resta a Bologna”

La gioia per essere tornato a Torino, da sempre considerata dal ragazzo “la sua casa” e poi le difficoltà sotto la gestione Mazzarri. Lyanco ha bisogno di giocare e Cairo lo manda in prestito da una sua vecchia conoscenza: quel Sinisa Mihajlovic che un anno prima lo aveva fatto esordire in Serie A. Bologna sembra poter essere la piazza giusta per sbocciare definitivamente: società e tifosi lo seguono a distanza con grande affetto, ammirandolo a livelli mai raggiunti sotto la Mole. Fino a sabato scorso.

Torino e Bologna si sfidano all’Olimpico, con Lyanco (applaudito dallo stadio al momento della lettura delle formazioni) che affronta la sua ex (nonché futura) squadra da avversario. Il brasiliano fa la sua partita: una prestazione grintosa, per certi versi ruvida e di grande trasporto emotivo. Trasporto ritenuto eccessivo da alcuni tifosi. Ecco allora piovere le critiche: “Restatene a Bologna” scrive qualche tifoso ferito dalla sua esultanza sui social del brasiliano. Ma la verità è che Lyanco è un professionista e – che piaccia o meno – deve fare il suo lavoro al 100%. Ogni domenica, anche se l’avversario si chiama Torino: “Rispetto ogni critica che hanno fatto – ha proseguito Marcelo ai nostri microfoni -. La sua volontà è sempre stata quella di dare il massimo per la squadra in cui gioca e sabato non è stato diverso. Ha giocato con tutte le sue forze e gioito per la vittoria; non perché fosse contro il Torino, ma perché il Bologna è in zona retrocessione e ogni vittoria è fondamentale per la squadra“.

Critiche a Lyanco, la famiglia: “Ha dato il massimo davanti a un pubblico che ama”

La verità però è che il ragazzo le critiche le ha percepite. E dopo il post apparso ieri su Instagram, Marcelo Vojnovic ha voluto puntualizzare: “Quello che penso è che questa parte del tifo, che è la parte più piccola, dovrebbe essere felice di vederlo in forma e giocare ad alto livello perché quando tornerà al Torino sarà pronto a difendere con tutto sé stesso la maglia granata. Ma so che la maggior parte dei tifosi del Torino ha capito il suo desiderio di vincere e sicuramente una buona parte della tifoseria è stata anche felice di vedere quanto sia pronto e recuperato al 100%“. Il suo futuro intanto si chiama Torino e il legame di Lyanco e della sua famiglia con città e società resta solido: “Siamo molto grati per tutto quello che hanno sempre fatto per lui“. Ai tifosi granata adesso non resta che sperare di vederlo altrettanto grintoso anche quando tornerà sotto la Mole. Meglio se da protagonista.

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14067656 - 9 mesi fa

    un giocatore se segna può esultare. dai un contributo alla squadra. devi esserne felice. è vero che lyanco forse ha esagerato, ma hanno esagerato anche i tifosi che pensano che non possa esultare per un gol. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. tric - 9 mesi fa

    Siamo contenti che sia risanato. Se ora riuscisse ad inserire anche il cervello, lo saremmo ancor di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Don Pedro - 9 mesi fa

    Dai ragazzi siamo riusciti a cacciare Quagliarella perchè non esultava ed ora troviamo da dire a Lyanco??
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 9 mesi fa

    Condivido con Profondo Granata, e con la maggior parte dei co-tifosi che qui, o su altri articoli, si sono espressi sul comportamento di Lyanco.
    Giocare al meglio delle proprie capacità nel Bologna è non giusto, è sacrosanto.
    Sbeffeggiare però il Toro e i suoi tifosi, esultare in modo plateale ed esagerato, sia a caldo in campo che dopo sui social, andare giù particolarmente pesante nel fare fallo a quelli che “dovrebbero” essere i suoi amici, prima ancora che i suoi compagni (già, ma lui praticamente quasi non li conosce, perché è sempre stato in Brasile), lo trovo di cattivo gusto e non certo degno di un giocatore del Toro.
    Ricordo a chi sostiene che è il Bologna a pagargli lo stipendio, che il Toro glielo ha pagato praticamente quasi un anno e mezzo, questo stipendio; ma, prima x il mal di gola, e poi x l’infortunio, non ha praticamente mai potuto usufruire delle sue prestazioni.
    Dal suo acquisto, fino all’attuale prestito di gennaio, quanto partite è stato in grado di giocare Lyanco nel Toro? Quanto è stato utile e quanto ha reso alla nostra squadra?
    Sicuramente, nei confronti di questo ragazzo, la Società è stata molto generosa e comprensiva, ed è largamente a credito.
    Essere almeno un poco riconoscente, no?
    Portare rispetto al Toro,no? Il Presidente e tutto lo staff del Toro lo hanno aiutato, materialmente ed anche psicologicamente (gli hanno permesso di stare nel suo Paese accanto alla famiglia), lo hanno sostenuto, assecondato, accontentato, hanno creduto in lui, ed ora lui è così tanto felice perché sta a Bologna, gioca nel Bologna, vince col Bologna, e, del Toro, non gliene frega assolutamente nulla?!
    E il rispetto per i tifosi del Toro, anche loro sempre comprensivi e pronti a sostenerlo?
    Almeno suo padre avesse dichiarato: “abbiate pazienza, è giovane, non l’ha fatto apposta, non si è reso conto!”.
    Invece, nel precedente articolo di Toronews, ha sproloquiato a favore di suo figlio, come se fossimo tutti noi a dovergli ancora chiedere scusa, a doverlo ossequiare.
    Ho poi letto l’interessante risposta di un co-tifoso (purtroppo non ricordo chi), che rispondeva al padre di Lyanco che sosteneva essere questo il primo infortunio del figlio.
    Il nostro amico, dati alla mano, ha dimostrato che questo calciatore è praticamente quasi sempre stato infortunato, fin da inizio carriera.
    Ora anche le frottole familiari ci dobbiamo bere noi tifosi, e deve accettare supinamente la società?
    Abbiamo Izzo e Nkoulou: eccezionali + un Moretti che non molla mai.
    Abbiamo Djidji che sta piano piano maturando e Ferigra ormai aggregato alla prima squadra.
    Speriamo nel rientro di un ottimo Bonifazi (lui, sì, “Cuore Toro!), abbiamo Bremer da scoprire e tanti buoni giovani difensori in prestito e nella “Primavera”.
    Se non sbaglio: Singo
    non è anche lui un difensore?
    Più volte ho letto, sempre su Toronews, che è stato acquistato per la prima squadra.
    E qui mi fermo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 9 mesi fa

      GRANDE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. sirtopau_2886340 - 9 mesi fa

    Quando si segna si esulta. Grande LYANCO Ti aspettiamo. FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. eurotoro - 9 mesi fa

    ma cosa me ne frega dei calciatori e di cosa scrivono sui social!..bisogna tifare la maglia sempre ed i giocatori anno x anno..sapendo che oggi ci sono e domani no!…la maglia resta sempre tutti gli anni!…FORZA LYANCO grande guerriero giocatore da TORO…torna presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. rokko110768 - 9 mesi fa

    Ingenuità del ragazzo, l’importante è comprenderne la solidità fisica (fin qui un problema) ed il valore reale a fronte di un potenziale notevole.
    Se rende bene torna da noi e ci servirà tantissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13967438 - 9 mesi fa

    Di solito fuori dal campo i calciatori hanno meno intelligenza di un sasso sepolto a dieci metri di profondità, non mi preoccupo più di tanto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giaguaro 66 - 9 mesi fa

    Grande Lyanco, un leone. sei da Toro! Ho solo il dubbio che se anche il prossimo anno, siederà sulla nostra panchina quella purga di Mazzarri, caro Lyanco mi sa che tornerai per niente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 9 mesi fa

      Beh, se non altro Mazzarri se ne intende di difesa e di difensori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LeoJunior - 9 mesi fa

      perchè? brutta bestia il pregiudizio. Lyanco era reduce da infortunio e quindi WM non poteva contarci al 100%.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. marco2573 - 9 mesi fa

    Altro che critiche, complimenti! Lyanco attualmente gioca per il Bologna e ha il diritto e il DOVERE di esultare per i successi della squadra e suoi personali, tutto il resto è noia da social. Spero che ritorni da noi con la stessa carica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. dattero - 9 mesi fa

    sig vojnovic,a me non la conta.
    suo figlio gia’ in brasile era spesso fuori x infortunio,mi corregga se sbaglio,ma gioco’ 20 partite in tre anni,arriva in Italia e si tracina delle scorie visibili e lunghe.sa.noi ambiente calcio,sappiamo che il Torino lavora molto con intermediari e procuratori.
    il ragazzo è tecnicamente valido,ma facile ai bubu’,non solo stagionali.
    ho sempre trovato il ragazzo sui social molto teatrante e melodrammatico,e,mi scusi la franchezza,voi genitori un po’ esaltatini,vi trovo poco sinceri e molto appariscenti.
    spero che i fatti diano torto a queste mie convinte supposizioni.ad maiora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 9 mesi fa

      Grazie x le informazioni: interessanti!
      Io la penso allo stesso suo modo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

    A me ha fatto piacere vedere un giocatore dalle enormi potenzialità disputare una partita gagliarda dimostrando di essere davvero sulla via del recupero completo. Quando si giudica cerchiamo di metterci anche nei panni di un giovane calciatore che sul più bello rischia di dover smettere per un infortunio, la caviglia è maledetta e un certo Van Basten dovette ritirarsi che non aveva ancora 30anni….Quell’esultanza non era contro di noi ma per la squadra che in quel momento stava difendendo e contro la sfortuna che lo ha tenuto fermo un anno.Coraggio Ragazzo, continua così e la prossima stagione tornerai da noi più forte di sempre…..Noi sarebbe opportuno farla finita con certe polemiche sterili e controproducenti…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-14134673 - 9 mesi fa

    Meglio il comportamento di Lyanco di quello di quella merda di Quagliarella che non ha nemmeno esultato al derby e col Napoli si scusato peril gol segnato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. PrivilegioGranata - 9 mesi fa

    Lyanco è stato un grosso investimento finanziario.
    Si è rotto, lo abbiamo mandato a casa a curarsi; è stato almeno sei mesi in brasile per poter stare con la famiglia e riabilitarsi.
    E’ tornato e ovviamente non poteva avere il ritmo partita nè l’intensità necessaria per scalzare Moretti o Djidji.
    Gli abbiamo trovato una squadra in A in cui potesse ritrovare lo smalto perduto.
    Lo incontriamo sul campo, da avversario, e gioca in modo gagliardo.
    Fin qui tutto bene e solo belle notizie, da una parte e dall’altra.
    Quello che sta invece sul cazzo è il fatto che il signorino Lyanco si permetta di sbruffoneggiare sui social. Qui è il problema, non altrove.
    Ti abbiamo introdotto in serie A, ti abbiamo fatto curare, ti abbiamo aspettato, ti abbiamo offerto un’altra chance col Bologna, per poi farci prendere per il culo sui social?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. noolit - 9 mesi fa

    Lyanco, a mio avviso, come anche Bonifazi è un gran bel giocatore!!!
    Di certo il Bologna farà di tutto per acquistarlo a fine stagione e, ahimè, considerando la voglia di fare notevoli plusvalenze della nostra dirigenza credo ci riuscirà…
    La cosa mi dispiace, perché basterebbero pochi sacrifici per fare un Toro da Champions League visto anche il livello delle altre rivali!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. ProfondoGranata - 9 mesi fa

    Nessuno giudica Lyanco per il suo operato in campo. Il fatto che abbia dato il massimo non può che essere letto come un miglioramento delle sue prestazioni.
    Fa piacere infatti che non faccia più subire goal alla sua squadra scivolando come un principiante nel tentativo di fermare un Chiesa qualsiasi.
    Tuttavia c’è ben differenza tra un Quagliarella che come giocatore del Toro non esulta al primo goal segnato alla sua ex squadra mentre da ex del Toro non esita a farlo.
    Comportamento che a mio giudizio rientra comunque nella logica del calcio attuale dove il contratto vale più del colore della maglia.
    Nel caso di Lyanco tuttavia le cose sono diverse. Lui non è un ex. È ancora un giocatore del Toro e sarebbe stato assolutamente comprensibile da parte dei rossoblu una esultanza almeno più contenuta come gesto di rispetto verso chi ancora detiene il suo cartellino ma soprattutto molto apprezzata dai tifosi che fino a poco prima lo hanno sostenuto e desiderato più spesso in campo.
    Detto questo, ciò che conta è che il giocatore migliori e il suo valore cresca. Se poi questo si tradurrà in una plusvalenza o in un rientro vedremo, e se il rientro sarà accompagnato anche da altrettanta determinazione e convinzione saremo contenti di sbagliarci. Al momento l’impressione però è che sia più felice di stare fuori dal Toro di quanto lo fosse di starci e questo non è un bel segnale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 9 mesi fa

      Beh intanto presumo sia più felice di giocare visto che al Toro il mister non lo vedeva. Detto questo il cartellino è del Toro ma lo stipendio glielo paga il Bologna e credo che ognuno di noi debba rendere conto a chi lo paga. Se avessimo giocato contro il Chelsea e avesse segnato aina senza esultare cosa avresti detto? Che non era contento di indossare la maglia Granata, ossia della squadra che lo paga giusto? Lasciamo in pace lyanco. Lui non è andato al Bologna ma è stato mandato quindi non ha colpe.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ProfondoGranata - 9 mesi fa

        Come ho già detto non si discute del suo operato in campo. Tuttavia i messaggi non verbali sono molto più chiari di quelli verbali. L’esultanza (non quella della morra di Balotelli, o di Ronaldo, che sono studiate a tavolino) esprime uno stato d’animo e in questo momento non si può non osservare che Lyanco è sembrato trascurare il suo rapporto con la piazza granata che, se pur al momento non è fonte del suo reddito, ha sempre espresso favore nei suoi confronti.
        Polemica? No, semplice constatazione e conseguente riflessione sul fatto che Lyanco possa essere un giocatore “da Toro” convinto al suo (eventuale) rientro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granat....iere di Sardegna - 9 mesi fa

          A me interessa che esulti come un forsennato quando giocherà nel Toro…se ci giocherà visto che Mazzarri l ha già scartato una volta…Per ora che esulti pure col Bologna

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Granat....iere di Sardegna - 9 mesi fa

    Resta il fatto che inizio un po ad averne le palle piene di questi tifosi che sui social dicono le cose a nome di tutti. Parlassero per loro. Per me se lyanco torna più forte di prima Va benissimo. Il problema del Toro non è certo la sua esultanza ma chi la maglia Granata la indossa ora e non ci ha fatto esultare sabato, mister in primis.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 9 mesi fa

      E soprattutto vorrei una società che non si fa influenzare da quattro frustrati. Quagliarella andava tenuto e Lyanco va fatto rientrare. Solo dei poveri di spirito possono non accorgersi del fatto che il ragazzo voleva dimostrare di essere tornato e spera quindi di essere reintegrato nel gruppo. E quindi ti aspettiamo che ne abbiamo anche bisogno. Una difesa Izzo NKuolou Lyanco è tanta roba. Altro che polemiche del piffero!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. alrom4_8385196 - 9 mesi fa

    Non si preoccupi sig. Marcelo noi del Toro siamo così ( per ulteriori spiegazioni sui nostri paraocchi chieda al sig. Quagliarella ).Tra qualche tempo ci azzufferemo su come si allacciano le scarpe Baselli e Zaza e non sul fatto che si dimostrino quasi sempre degli ectoplasmi. La classifica dice che siamo ancora in corsa per l’E.L. ma la prestazione di sabato e le giustificazioni del trainer mi gettano nello sconforto più nero . Temo che con gente così al timone non ci solleveremo mai dalla mediocrità però parecchi tifosi hanno perso il sonno per l’esultanza di suo figlio al quale auguro di mantenersi integro e di tornare presto..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. okami - 9 mesi fa

    sono assolutamente d’accordo, un professionista si comporta così , forse qualcuno avrebbe preferito facesse un autogoal?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy