Milan e Uefa: attesa la sentenza sul Fair Play Finanziario. Torino e Roma sollecitano

Milan e Uefa: attesa la sentenza sul Fair Play Finanziario. Torino e Roma sollecitano

C’è la possibilità che la sentenza arrivi già in giornata: probabile l’esclusione del Milan dall’Europa League, il Torino aspetta di conoscere il proprio futuro

di Nicolò Muggianu

Milan e Uefa: scatta l’ora “X”? Le indiscrezioni emerse nella giornata di ieri hanno trovato conferme: la società rossonera starebbe attendendo nelle prossime ore la decisione della Camera giudicante della Uefa. L’oggetto della sentenza riguarda il deferimento facente riferimento alle violazioni commesse dal Milan nell’ambito del Fair Play Finanziario. Nella giornata di ieri qualcosa si è mosso; l’ipotesi è quella di un accordo stragiudiziale (consent award) tra Milan e Uefa davanti al Tas di Losanna. Roma e Torino hanno sollecitato una decisione in tempi brevi: i club devono avere il tempo di programmare l’estate. E allora un verdetto, secondo quanto riportano anche i più importanti media italiani, potrebbe arrivare già oggi.

Milan, cessioni importanti entro il 30 giugno? Sarebbe un segnale per UEFA e Torino

SENTENZA – Una sterzata in netta controtendenza rispetto alla sospensione di giudizio che il 5 giugno scorso aveva lasciato tutte le parti in causa con il fiato sospeso. La decisione, come detto, è attesa a stretto giro di posta con Milan, Roma e Torino aspettano di conoscere il proprio futuro. L’obiettivo della società rossonera sarebbe quello di ottenere una linea più morbida per quanto riguarda il rientro in equilibrio di bilancio (con il termine temporale spostato almeno al 2022) nonchè lo stop al monitoraggio per i periodi pregressi. Anche a costo di rinunciare all’Europa League 2018/2019.

ACCORDO? – Un accordo che, secondo quanto traspare, Milan e Uefa avrebbero trovato davanti al Tas di Losanna, che dovrebbe a quel punto solo ratificare il compromesso trovato secondo l’istituto dell’accordo stragiudiziale. Per il Milan, che ha trovato in Zvonimir Boban una figura importante nelle relazioni con le istituzioni portate avanti in queste settimane, la soluzione più probabile sembra essere l’esclusione dalle competizioni europee per la stagione 2019/2020. Decisione di cui gioverebbero Torino e Roma, che otterrebbero rispettivamente la qualificazione ai preliminari della prossima Europa League e la qualificazione diretta ai gironi. Non resta che aspettare, ma già oggi potrebbero arrivare importanti novità da Nyon: sullo sfondo il sorteggio delle 14 del secondo turno preliminare, che vedrà coinvolta la prima squadra italiana.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy