Milan-Torino, le formazioni ufficiali: tornano Bremer, Aina e Rincon

Verso il match / Ecco i 22 giocatori scelti da Pioli e Mazzarri per la sfida del Meazza

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani

Manca sempre meno alla sfida di San Siro, che metterà in palio l’accesso alle semifinali di Coppa Italia. Il Toro, fortemente scosso dalla storica sconfitta contro l’Atalanta ha l’occasione di riscattarsi. Impegno non semplice e scelte praticamente obbligate. Mazzarri recupera tre pedine rispetto all’undici umiliato dall’Atalanta. Aina e Rincón rientrano dalla squalifica, Bremer torna titolare al posto di Djidji. Out, quindi il difensore francese, Meité e Laxalt, tra i peggiori nella sconfitta contro i bergamaschi.

LE FORMAZIONI UFFICIALI DI MILAN-TORINO

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Castillejo, Bennacer, Krunic, Bonaventura; Rebic, Piatek. All.: Pioli

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Lukic, Rincón, Aina; Verdi, Berenguer; Belotti. All.: Mazzarri

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FuriaGRANATA - 1 anno fa

    CHE SI VINCA O CHE SI PERDA FORZO TORO E CAIRO MERDA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GameleZamele - 1 anno fa

    Il Milan è una squadra di PI ppe peggio di noi
    Si può vincere

    Poi coi gobbi auguri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabio.tesei6_13657766 - 1 anno fa

    Può essere che Mazzarri venga comunque vada stasera esonerato e al suo posto da domani c’è Longo? Così me la girata un fratello di fede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 anno fa

      Speriamo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ospunda - 1 anno fa

    Oggi conta poco la formazione. Contano i cojones. Più che il risultato, sarà importante il modo di stare in campo, e di uscirne a testa alta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granatanero - 1 anno fa

    fantastico con Aina siamo in una botte di ferro, non so perchè ma io mi cago sotto ogni volta che ha palla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 1 anno fa

      Purtroppo o lui o Laxalt. Come la giri la giri. Ansaldi quest’anno s’è messo di traverso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13958142 - 1 anno fa

    Io penso che il fatto che Mazzarri continui a mettere in campo Berenguer e Verdi e non Millico prima cosa non sia immotivato perchè lui conosce i giocatori infinitamente meglio di noi, e poi denoti tanta personalità e spalle larghe, lui sa benissimo che per piacere ai tifosi mettere Millico, Bonifazi e gli altri sia funzionale, eppure va per la sua strada, mi piace

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. danygranata - 1 anno fa

      Ok. Allora siete in 4!!! Tu, Cairo,Comi e Bava (ma davvero esiste?)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. aledranata81 - 1 anno fa

      Che conosce i giocatori inizio fortemente ad avere seri dubbi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Antoniogranata76 - 1 anno fa

      Quindi stai dicendo che ti piace uno che ha perso 10 partite su 21 ,che ha preso 7 gol in casa e che ha perso con Lecce, SPAL, Sampdoria, Parma, Udinese e preso tre gol in 15 minuti dal Verona? Un’altra domanda ancora,sei tifoso di una squadra il cui nome inizia con j e finisce con s

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Mimmo75 - 1 anno fa

      Esatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. FarineldalTor - 1 anno fa

      In effetti, i risultati sin qui ottenuti parlano chiaro: li conosce come le sue tasche…bucate: questione ovviamente di “personalità” e di “spalle larghe”…ma tanto, tanto larghe.

      Sono contento che ti piacciano tanto gli incompetenti, i falliti e i perdenti: almeno non sei più da solo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Héctor Belascoarán - 1 anno fa

      Sì, Mazzarri è un grande punto. Non importa sbagliare 20 volte la stessa cosa, insiste con la ventunesima. Più che coerente direi pervicace all’inverosimile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Simone - 1 anno fa

      Conosce talmente bene Millico che si può permettere di umiliarlo facendolo scendere in campo sabato sul 5 a 0 ma non col Genoa in cui non avevamo attaccanti (Zaza era in punizione) e fece giocare lukic e Berenguer davanti.
      È un genio (incompreso).

      P.s.
      Anche Schettino andava per la sua strada

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy