Millico, guarda Edera: se c’è il giusto atteggiamento Longo dà fiducia

Focus on / Dopo dieci giorni di stop, il classe 2000 è tornato a disposizione: ora dipende solo da lui. E Longo: “Ci serve chi ha il coraggio di osare”

di Nicolò Muggianu

Riecco Vincenzo Millico. Dopo una settimana abbondante di stop, il talento classe 2000 è tornato ad allenarsi regolarmente con il gruppo. Una bella notizia per Longo, che in questo momento di difficoltà ha bisogno di avere il maggior numero di effettivi a disposizione per implementare il suo ventaglio di scelte. Adesso però toccherà all’ex numero 11 della Primavera dimostrare al tecnico di meritare spazio in un Torino in difficoltà.

INFORTUNIO – Una lombalgia: questo il motivo che ha tenuto fuori Millico per oltre dieci giorni. Un problema non di serissima entità, che aveva fatto storcere il naso a qualcuno per quanto riguarda la gestione del fastidio da parte del ragazzo. Ora però è tutto rientrato e il classe 2000 è tornato ad allenarsi in gruppo insieme ai compagni. Il prossimo passo per lui sarà quello di dimostrare in allenamento di meritare una possibilità. Possibilità che Longo non preclude a nessuno e l’utilizzo di Edera nelle ultime due partite – da titolare contro il Milan e nello spezzone finale contro il Napoli – è la prova che per l’ex mister della Primavera ad oggi non esistono gerarchie.

POSSIBILITÀ – Insomma: gioca chi dimostra di meritarlo e dunque starà a Millico dimostrare di meritare la fiducia del tecnico. In questo senso, la dedizione e i risultati raggiunti da Edera nell’ultimo mese dovranno essergli in qualche modo da esempio per comprendere che se si impegna e se dimostra di meritarlo, anche lui avrà la sua chance di prendersi il Toro. D’altronde è stato lo stesso Longo, nel post partita contro il Napoli a dire che: “Non guardo la carta d’identità, in questo momento ci serve chi ha personalità e chi ha il coraggio di osare“. E a Millico di certo il coraggio di osare, così come la qualità, non manca. Ma tutto dipenderà da lui.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pinco pallino - 8 mesi fa

    Stravedo per Edera, a questo punto che giochi lui, se può giocare Berenguer, ci può giocare anche lui e crescerà tantissimo.
    Smorfietta Zaza dovrebbe ridargli i soldi a Urbano Cairo.
    Chissà cosa pensava il nostro presidente quando ha preso sto gobbo qua.
    Boh
    Ed anche Vincenzino MIllico ha fatto vedere di che pasta è fatto. È molto più bello vedere i nostri ragazzi che un nkoulou qualsiasi.
    Almeno ha un senso avere le giovanili
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carlin - 8 mesi fa

    Se l’allenavacche non avesse distrutto Quel poco che c’era,forse adesso non saremmo a questo punto.Attacchiamoci ai nostri giovani,e speriamo che Longo riesca a fare il miracolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14287754 - 8 mesi fa

    forza vincenzo sei forte prenditi lo spazio che meriti!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Quello che il Toro è il Fila, i Balon boys, il Grande Turin e Meroni - 8 mesi fa

    Intanto Parigini a Cremona continua a segnare: fosse rimasto il ragazzo, come Edera, con Longo avrebbe giocato. Purtroppo a gennaio non si è fatto altro che mettere la ciliegina sulla torta riducendo all’osso la rosa proprio di quegli elementi e penso anche a Bonifazi che al nuovo mister non sarebbero assolutamente dispiaciuti anzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 8 mesi fa

      …non dimentichiamo però che non sta giocando in serie A…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ALESSANDRO 69 - 8 mesi fa

      Parigini non sta giocando in serie A…Inoltre da noi le sue possibilità le ha avute……Siamo onesti, non se le è giocate al meglio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy