Napoli-Torino: Mertens “falso nueve” la novità più interessante di Sarri

L’avversario / Il reparto offensivo dei partenopei ha avuto difficoltà dopo l’infortunio di Milik, ma ora ha trovato una dimensione: con il belga centrale d’attacco

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino di Sinisa Mihajlovic andrà, domenica 18 dicembre, ad affrontare il Napoli di Maurizio Sarri, squadra che si sta riprendendo in campionato dopo aver ottenuto la qualificazione agli ottavi di Champions League passando come prima. La sfida al San Paolo sarà più che complicata, con gli azzurri galvanizzati dagli ottimi risultati sia in Coppa che in campionato, mentre i granata, al contrario, dovranno essere in grado di rispondere alle prestazioni negative che lo hanno portato a subire due sconfitte consecutive. Andando ad analizzare la squadra azzurra, possiamo evidenziare un reparto offensivo in ripresa.

Dopo l’infortunio di Milik, l’attacco del Napoli ha avuto molte difficoltà a concretizzare la mole di gioco che, come di consueto, la squadra di Sarri produce: per questo gli azzurri sono caduti in una piccola flessione di risultati, che hanno leggermente allontanato i partenopei dalla zona alta della classifica. Ma ora, invece, gli attaccanti azzurri hanno trovato una dimensione adatta, avendo segnato 12 gol in sole 5 giornate di campionato: nelle ultime due, inoltre, ha vinto contro Inter (3-0) e Cagliari (5-0) senza subire gol, e dando spettacolo di bel calcio con gol importanti.

Serie A

Tra i segreti per questi risultati ottimi della squadra di Sarri c’è anche la “scoperta” di Dries Mertens nella posizione di attaccante centrale, utilizzabile più come un Falso Nueve, che sta diventando sempre di più il trascinatore di questa squadra dopo l’addio di Higuain e l’infortunio del sopracitato Milik. Il Belga è perfetto per il gioco di Sarri, che lo utilizza sia per gli inserimenti in area di rigore, che per la manovra a cominciare un’azione offensiva: questa posizione è favorevole anche allo stesso Mertens, che ha dimostrato di trovarsi a suo completo agio nello scorso match contro la squadra di Rastelli, partita nella quale ha segnato una tripletta decidendo il match. Il tecnico partenopeo ha trovato così la soluzione migliore con cui rimediare alle difficoltà realizzative di Gabbiadini, che schierato centravanti sin qui non ha trovato la continuità sottoporta che serviva.

Perciò, l’attacco del Napoli per il Torino sarà un cliente più che scomodo, dato che la squadra granata ha palesato qualche difficoltà eccessiva in fase difensiva: dovrà essere bravo Mihajlovic a preparare bene il match, per neutralizzare le iniziative avversarie.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy