N’Koulou sfida Bonucci: pagato 40 milioni in meno, il granata rende il doppio

Milan-Torino / Nonostante l’enorme spesa, il centrale ex Juve sta faticando: il camerunese, invece, è uno degli inamovibili di Mihajlovic. E i numeri parlano chiaro…

di Redazione Toro News

Una sfida importante, la prima grande svolta del campionato: Milan-Torino è il primo grande “scontro diretto” per il settimo posto di questa Serie A, con le due squadre distanziate di appena un punto e vogliose di tirarsi su dopo un periodo (o meglio, un intero inizio di campionato) davvero altalenante. Obiettivi diversi, un mercato estivo diverso – e gioco forza, giocatori diversi, per caratteristiche tecniche diverse. Tra le varie “sfide nelle sfide” che il match presenta, ce n’è una che potrebbe decidere il match: quella tra i due baluardi della difesa, Leonardo Bonucci da una parte e Nicolas N’Koulou dall’altra.

UN INIZIO DIFFERENTE – Un testa a testa “a distanza”, che però gioco forza condizionerà il match. Entrambi arrivati nella sessione di mercato estiva, hanno sinora avuto un rendimento praticamente opposto: se da una parte N’Koulou ha messo in fila numerose prestazioni positive (condite si da qualche errore, ma tecnicamente ottime), Bonucci – nonostante i 40 milioni spesi dal Milan (contro i 500mila euro del prestito con diritto spesi dal Toro per N’Koulou) e il clamore suscitato dopo il suo addio alla Juventus – ha fino a questo momento deluso le attese, sbagliando tanto (clamorosa l’autorete contro il Vienna nell’ultima partita europea) e non riuscendo a dare quel contributo che durante la sua permanenza in bianconero aveva saputo mette in campo.

IL CONFRONTO – Per quanto riguarda le statistiche dei due giocatori, N’Koulou – come più svolte sottolineato – è il giocatore di movimento più utilizzato da Mihajlovic insieme ad Adem Ljajic: 13 partite su 13 da titolare in questa Serie A per il centrale camerunese. Due in meno, invece, i gettoni dal 1’ di Bonucci, per 11 volte schierato titolare da Montella in campionato. N’Koulou primeggia in quasi tutti i parametri statistici importanti per un difensore: rispetto a Bonucci, infatti, il granata è più preciso nei passaggi, con l’86% degli appoggio riusciti contro l’84% dell’ex bianconero.

FBL-ITA-SERIEA-TORINO-ROMA

Anche per quanto riguarda i duelli aerei – uno dei marchi di fabbrica del Bonucci versione Juve – N’Koulou risulta avanti – con la media di 2 contrasti aerei riusciti a partita, contro l’1.2 di Bonucci. L’ex Marsiglia supera il centrale italiano anche in tackles (1.3 a match, 0.6 per Bonucci) e nei dribbling: ben 9 volte su 10 tentativi N’Koulou è riuscito a saltare il diretto marcatore, appena un dribbling a segno su 2 per Bonucci.

LEGGI: Pastore (Milan Tv): “Non c’è allarmismo per i conti rossoneri. Belotti? Cairo poteva venderlo prima…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. magnetic00 - 3 anni fa

    bonucci è un normale difensore sopravalutato da stampa e strisciati vari, che rende bene solo se assistito da giocatori forti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy