Numeri e curiosità di Torino-Roma

La sfida di questa sera all’Olimpico di Torino ha il sapore antico delle grandi sfide, la classica che finalmente torna a risplendere nel massimo campionato. Nessuno si sarebbe aspettato un Toro così ben messo in classifica, al punto che sarà una sfida di alto livello, in palio ci sono i posti nobili della A. Quattordici i punti che dividono le due compagini, i giallorossi sono a quota 35, il Toro a 21. Entrambe arrivano da successi…

di Redazione Toro News

La sfida di questa sera all’Olimpico di Torino ha il sapore antico delle grandi sfide, la classica che finalmente torna a risplendere nel massimo campionato. Nessuno si sarebbe aspettato un Toro così ben messo in classifica, al punto che sarà una sfida di alto livello, in palio ci sono i posti nobili della A. Quattordici i punti che dividono le due compagini, i giallorossi sono a quota 35, il Toro a 21. Entrambe arrivano da successi importanti: il Toro ha espugnato Ascoli per 0-2 mentre i giallorossi hanno strapazzato il Palermo per 4-0. Ma sarà anche una partita con le tante assenze, nel Toro Cioffi e Di Loreto sono squalificati, out pure De Ascentis, Abbiati influenzato. Sull’altra sponda mancheranno Perrotta, che si è infortunato domenica, così Panucci, squalificato, non sono in forma smagliante neppure Mancini e De Rossi. Come curiosità troviamo che la responsabile della comunicazione dei giallorossi, Elena Turra, ha fatto parte alcuni anni fa dello staff granata. Gli ex giallorossi ora in forza al Toro sono Muzzi e Fontana. Nessun ex granata tra le fila dei rivali. Rosina, con i suoi 4 gol, è diventato il cannoniere del Toro, seguito da Stellone fermo a 3, 2 reti per Comotto, 1 per Muzzi e Franceschini. La Roma ha un ben altro bottino: Totti è il bomber con 11 centri, seguito da Perrotta e Mancini con 4, 3 a testa per Montella, Taddei e Panucci, due per De Rossi.

I precedenti tra i due club partono dalla lontana stagione del ’29/30 con vittoria granata per 1-0, gli scontri diretti si sono conclusi nel campionato 2002/03 con vittoria giallorossa per 0-1. Nel ’33/34 i romanisti batterono i torinesi per 6-3, nel ’42/43 Mazzola e compagni ottennero un bel 4-0, ripetuto nel ’48/49, mentre nel ’49/50 ci fu addirittura un rotondo 5-0. Nei tempi più moderni ci fu un altro 4-0, nel ’70/71.

Il Torino fin qui ha portato a casa 5 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte, contro le 11 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte degli ospiti. Le reti del Torino sono state 12, contro le 17 subite, la Roma è andata a segno 36 volte, impressionante come media, 2,25 a match, ne ha subite 14. Un solo espulso per il Toro, Di Loreto, ancora nessuno per la Roma. Fino alla gara contro l’Ascoli, le uniche due squadre a non aver dovuto contare ancora nessun rosso erano rimaste appunto Torino e Roma.

Il Toro è andato in gol con 5 giocatori diversi, la Roma con 13, entrambe le compagini hanno la caratteristica di essere più offensivi nella ripresa: 10 le reti segnate dal Toro nel secondo tempo, ben 22 quelle dei giallorossi. Dunque dovremmo aspettarci un primo tempo d’attesa con i secondi 45’ più spumeggianti in attacco. Pochi i gol da calcio piazzato, 2 per il Toro, 4 per la Roma. Un’autorete a favore per i granata, nessuna per i giallorossi. Il Toro ha subito quattro rigori e ne ha avuti 2 a favore, la Roma 5 pro e 3 contro.
La situazione disciplinare vede due squalificati nel Toro: Cioffi e Di Loreto, un solo diffidato, Comotto. Nella Roma mancherà Panucci, appiedato dal giudice sportivo, tanti i diffidati, vale a dire: Chivu, De Rossi, Ferrari, Mancini, Mexes, Perrotta e Pizarro.

La partita sarà arbitrata da Gianluca Paparesta della sezione di Bari, classe 1969. Ha diretto il Torino 10 volte, con 4 vittorie, 5 pareggi e 1 sconfitta (Brescia-Torino 2-1 del 1999). La Roma è stata arbitrata 14 volte, con 4 vittorie, 5 pareggi e 5 sconfitte.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy