Partire bene per fugare i dubbi

 

Il mercato impazza, ma al Torino, in questo momento, deve importare ben poco di ciò che succede negli incontri tra società e procuratori. Il Torino, in questo momento, deve pensare alla partita. Fra poche ore i granata scenderanno in campo contro il Padova nel primo dei due postici in programma per questo turno di campionato (l’altro è Atalanta-Grosseto lunedì sera)….

di Edoardo Blandino

 

Il mercato impazza, ma al Torino, in questo momento, deve importare ben poco di ciò che succede negli incontri tra società e procuratori. Il Torino, in questo momento, deve pensare alla partita. Fra poche ore i granata scenderanno in campo contro il Padova nel primo dei due postici in programma per questo turno di campionato (l’altro è Atalanta-Grosseto lunedì sera). I granata si troveranno di fronte un avversario non ancora rinforzato da questa finestra di riparazione, ma ben conscio della propria qualità. Lerda lo ha sottolineato in conferenza ieri: questo Padova non è da sottovalutare. Tra le fila dei veneti spiccano i nomi di giocatori estremamente interessanti, primo fra tutti il capocannoniere di questa Serie B: Succi.

Dunque il compito che attende gli uomini di Lerda non è da prendere alla leggera. Mancherà anche Iunco, fermato per circa 45 giorni da un problema alla schiena,  ma il Torino ha alcuni motivi per sorridere: il più importante riguarda il rientro di Rolando Bianchi. Il capitano granata ha finalmente recuperato dal lungo infortunio e questa sera farà il suo ritorno in campo. In questo periodo di assenza il Toro è riuscito a sopperire alla sua mancanza grazie alla qualità dell’organico, ma il ritorno del numero 9 fa tirare una boccata d’ossigeno ad un reparto sempre più ai ferri corti: se non fosse tornato disponibile Bianchi ci  sarebbe stata piena emergenza a causa delle indisponibilità di Iunco e Pellicori.

I gol del capitano saranno fondamentali in questa scalata verso la vetta del 2011. Il turno appena conclusosi ha mostrato dei risultati interessanti che potrebbero aiutare il Torino. Il Novara, infatti, è caduto sul campo del Modena. Ma l’altra piemontese non è l’unica squadra di vertice ad essersi fermata: anche il Varese ha subito uno stop ed in caso di vittoria i granata aggancerebbero i lombardi alla vigilia dello scontro diretto di sabato prossimo. Il campionato non si deciderà ora, ma partire con il piede giusto significherebbe togliersi di dosso tutti quei timori legati all’effetto che ha avuto la pausa sulla forma fisica della squadra. 

 

(Foto: M. Dreosti)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy