Per vincere occorre tirare e segnare

Il possesso palla è un’arma importante per le squadre che vogliono prendere il controllo della partita e arrivare alla vittoria attraverso il gioco. Tenendo il pallone fra i propri piedi, si impedisce all’avversario di rendersi pericoloso e lo si costringe a numerose corse a vuoto dietro alla sfera che rotola in tutte le direzioni. Tuttavia, non è sempre detto che chi detiene il possesso di…

di Edoardo Blandino

Il possesso palla è un’arma importante per le squadre che vogliono prendere il controllo della partita e arrivare alla vittoria attraverso il gioco. Tenendo il pallone fra i propri piedi, si impedisce all’avversario di rendersi pericoloso e lo si costringe a numerose corse a vuoto dietro alla sfera che rotola in tutte le direzioni. Tuttavia, non è sempre detto che chi detiene il possesso di palla alla fine riesca a vincere la partita. Per portare a casa i tre punti, infatti, serve segnare un gol in più dell’avversario e sabato il Torino non ci è riuscito. I granata hanno avuto quasi un 10% in più di possesso, ma è stato del tutto sterile. Diventa inutile passarsi la palla tutto il tempo, se alla fine non si riesce neppure a concludere in porta.

Il Varese è rimasto in attesa dell’occasione propizia, concedendo agli avversari di prendere in mano il pallino del gioco, senza mai disunirsi e ripartendo velocemente verso la porta difesa da Bassi. Quasi tutti le volte che i lombardi recuperavano palla, ecco che ribaltavano l’azione e si rendevano pericolosi, proprio come successo in occasione del primo gol. E al fischio finale, la statistica è stata impietosa: sette tiri contro uno solo.

Non resta che dimenticare la brutta prestazione, ricordandosi , però, che i granata erano reduci da 10 partite utili e che prima o poi sarebbe dovuto arrivare lo stop. La sconfitta col Frosinone risaliva alla 11esima giornata e da allora il Torino ha conquistato 20 punti, cioè 2 a partita se si esclude il match di sabato. Un Ko può capitare, l’importante è che si capiscano gli errori e si riparta senza nuovi timori, magari con una vittoria già nel prossimo turno.

 

 

(Foto: M. Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy