Petrachi-Torino, incrocio bollente: le polemiche, l’indagine e il mercato…

Petrachi-Torino, incrocio bollente: le polemiche, l’indagine e il mercato…

Verso Roma / Il primo anniversario del 2020 è proprio il direttore sportivo che lasciando il Torino nel 2019 ha chiuso una pagina di storia importante

di Redazione Toro News

Curioso che il primo avversario del 2020 del Torino sarà la Roma del direttore sportivo che è stato uno dei personaggi chiave del 2019 granata, anzi, dell’intero decennio precedente. Gianluca Petrachi tra una settimana ritroverà il Torino, un Torino che si può ancora definire la “sua” squadra (solo Ujkani, Verdi e Laxalt non sono arrivati in granata sotto la sua gestione: 3 elementi sui 27 che compongono la rosa granata). Nella società granata il direttore sportivo si è affermato come uno dei più accreditati nel suo mestiere: arrivò nel 2009 da emergente dopo l’esperienza al Pisa, se ne è andato nel 2019 come uno dei più navigati ed esperti uomini-mercato italiani. E chissà se ci sarà un incontro ravvicinato con il presidente Urbano Cairo, dopo tutto quello che è accaduto tra la primavera e l’estate.

QUANTE POLEMICHE – Già, perchè il divorzio tra Petrachi e il Torino non è stato certo all’altezza del suo brillante operato di un decennio. Che il direttore sportivo fosse sul punto di trasferirsi all’ombra del Colosseo era noto sin dallo scorso aprile. E sono state polemiche fin da subito (“Petrachi alla Roma? Spero di no, sarebbe un conflitto di interessi”, l’accusa di Cairo, alla quale il salentino aveva risposto in modo sdegnato: “Cairo ingiusto, sono sempre stato leale e corretto”). Poi, quando Petrachi rassegnò le dimissioni subito dopo la fine del campionato, Cairo non le accettò, decidendo fin da subito di fargli pagare caro un comportamento, quello degli ultimi mesi, che riteneva essere stato ambiguo, opponendo la scadenza del contratto fissata giugno 2020. Il via libera per il matrimonio tra Petrachi e la Roma arrivò solo a giugno inoltrato, dopo una trattativa di settimane tra le parti. Cairo mollò la presa dopo aver messo le mani come risarcimento sui due giovani giallorossi Freddi Greco e Bucri (quest’ultimo oggi ha già lasciato il Torino) e dopo aver ottenuto una penale scritta che obbligava la Roma a non contattare alcun giocatore del Torino nella sessione di mercato incombente. Finita lì? Neanche per sogno: lo scoppio del caso Nkoulou a fine agosto ha portato Cairo a tirare nuovamente in ballo la Roma di Petrachi, accusata – neanche tanto velatamente – di aver “distratto” il difensore camerunese. La Roma poi smentì con un comunicato di averlo mai contattato, mentre Petrachi sottolineò personalmente di non aver avuto niente a che fare con la vicenda.

L’INDAGINE – A dare apparentemente ragione al presidente Cairo si staglia però l’inchiesta aperta dalla FIGC sul passaggio di Petrachi dal Torino alla Roma. Il diesse salentino è infatti accusato di aver iniziato a lavorare per i giallorossi quando era ancora sotto contratto con il Torino, a maggio scorso. Un’inchiesta che ha preso il via proprio da una dichiarazione di Petrachi, il quale in una conferenza stampa disse testualmente di aver iniziato le trattative per il rinnovo di Edin Dzeko a maggio 2019. Ben prima, quindi, di aver definito il divorzio col Torino. L’indagine sta andando avanti e potrebbe causare al direttore sportivo un’importante inibizione dalle attività federali. Intanto però Petrachi sarà regolarmente al suo posto il prossimo 5 gennaio. Quando paradossalmente la sua Roma potrebbe dare un colpo basso al tecnico che esattamente due anni prima, il 3 gennaio 2018, ha contribuito a portare sulla panchina granata, Walter Mazzarri.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ALESSANDRO 69 - 4 settimane fa

    Siccome anche i sassi sanno che il mercato estivo viene impostato a Gennaio ,anche prima, è verosimile che il caro Petrachi lavorasse per la Roma non a Maggio ma presumibilmente alcuni mesi prima. Mi riesce difficile credere che una società come la Roma si affidi a un nuovo DS e lo scelga a Giugno quando i giochi ormai dovrebbero esser fatti….Come DS durante gli anni che ha lavorato per noi ho avuto modo di apprezzarlo, sarei stupido se non riconoscessi l’ottimo lavoro svolto, ma come uomo mi ha fatto davvero CAGARE…..!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. uiltucs.pesar_12159015 - 4 settimane fa

    Curiosa la vita: fino a ieri Petrachi era massacrato e additato come uno dei mali del Toro… oggi, addirittura, rimpianto. E forse il caso che qualche tifoso (più di uno…) cominci a contare fino a 100 prima di sparare sentenze credendo di essere il Verbo granata?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leo67 - 4 settimane fa

    Ha fatto bene ad andarsene di corsa…adesso tutte le malefatte del pagliaccio di Cairo vengono scoperte…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. RossoSangueGranata - 4 settimane fa

    Benché tu non mi sia mai piaciuto, comincio a comprendere il tuo comportamento e perché te la sei svignata. Con il mercenario milanista che ti dava quattro spiccioli per la spesa e che ti prendeva continuamente per il deretano con le sue bugie, ti sei giustamente rotto i cabasisi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. maxx72 - 4 settimane fa

    E bravo Petrus…che adesso ti rimpiangono tutti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. giuseppelupotorin_14490180 - 4 settimane fa

    Lavoravi a fari spenti, ma ci vedevi benissimo. Compravi senza portafoglio, ma sapevi vendere a sei zeri. Te ne sei andato via come il più classico dei traditori. Sapendo quello che sarebbe successo al toro. Non ti odio, però potevi usare altri metodi con noi. Intendo noi tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy