Pioli festeggia grazie alla panchina: a Mazzarri mancano le alternative

Pioli festeggia grazie alla panchina: a Mazzarri mancano le alternative

Focus on / I quattro cambi effettuati dal tecnico rossonero hanno permesso al Diavolo di qualificarsi. Troppo corta la rosa del Torino per una gara così importante

di Andrea Calderoni

Pioli batte Mazzarri ai tempi supplementari: il Milan è in semifinale, il Torino si ferma ai quarti. Questo il responso della lunga notte di San Siro. I granata hanno sfornato una prestazione caparbia, rialzando la testa dopo una sconfitta dalle proporzioni devastanti. Il ritiro sicuramente ha prodotto gli effetti sperati, almeno dal punto di vista dell’atteggiamento. Per quanto concerne il gioco, la solidità difensiva e soprattutto la gestione del risultato serviranno altre prove per comprendere se il Torino riuscirà a riprendersi dallo 0 a 7 patito contro l’Atalanta. La strategia di Mazzarri ha funzionato e per poco non portava all’estromissione del Milan dalla Coppa Italia. La differenza, però, l’hanno fatta le due panchine: una lunga, quella rossonera, l’altra corta come non mai in questa stagione e negli ultimi anni.

PANCHINA ROSSONERA – Nel confronto tra Stefano Pioli e Walter Mazzarri non si può che partire da qui. Il tecnico granata non ha potuto pescare elementi in grado di poter porre delle contromisure a gara in corso. Tutti e quattro i sostituti del Milan hanno fatto la differenza, dimostrandosi giocatori di una certa caratura. A parte Ibrahimovic, il cui valore è sottointeso, bisogna sottolineare l’impatto di Leao nell’ultimo quarto d’ora regolamentare e poi nei supplementari e quello di Kessie in mezzo al campo dal primo tempo supplementare. Non si può poi non parlare di Calhanoglu: uscito dalla panchina all’83’ dapprima ha realizzato il 2 a 2, poi ha anche rotto l’equilibrio ai supplementari siglando il 3 a 2. In un match di metà settimana così intenso e così lungo per minutaggio le quattro sostituzioni compiute da Pioli hanno realmente indirizzato la partita, permettendo al Milan di affrontare gli sprint finali dei tempi regolamentari e dell’ultimo quarto d’ora dei supplementari con una marcia in più.

Onorare la maglia

MANCANZA DI ALTERNATIVE – Dall’altra parte Mazzarri non ha potuto attingere in egual modo dalla panchina. 19 appena i convocati. Rosa ridotta ai minimi termini tra infortuni, squalifiche e mercato. Il tecnico toscano ha giustamente parlato di emergenza, ma in qualche modo è stata anche un’emergenza ricercata con le scelte di mercato effettuate. Il centrocampo è il reparto che sta patendo di più questa penuria di alternative e alla distanza il rendimento con il Milan è calato e di conseguenza la qualificazione ha preso la via di Milano, perché un conto è inserire in attacco uno come Leao, un altro è mettere fuori ruolo a centrocampo Lyanco al posto di un esausto Rincon. La differenza tra la gioia di Pioli e la delusione di Mazzarri sta tutta qui, ma è una differenza abissale che deve necessariamente stimolare riflessioni.

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Kieft - 5 mesi fa

    Come avevo preventivato la partita è stata equilibrata e a noi mancavano giocatori importanti come zaza baselli e Ansaldi oltre a falque che avrebbero potuto cambiarne l’esito….detto ciò il toro non ha un gioco divertente e il responsabile è Mazzarri. De silvestri, rincon e anche belotti hanno limiti tecnici, berenguer limiti fisici, Verdi lukic e ola aina hanno qualità ma sbagliano molto ….continuo a pensare che gasperini e Conte sono gli unici che sanno davvero far rendere al meglio i propri calciatori ….per il resto non vedo nessuno veramente meglio di Mazzarri …anche se continuo a non condividere le sue scelte e il suo non gioco non saprei proprio con chi sostituirlo ….di Francesco mi piaceva ma a Genova e a Roma ha fallito .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. danilotognarin_306 - 5 mesi fa

    NON VOLEVA LA PANCHINA CORTA IL SOMARO??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Steu - 5 mesi fa

    A Mazzarri non mancano le alternative, a Mazzarri manca essere un allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gingipooh - 5 mesi fa

    Ma è lui che stressa con la sua panchina corta!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ardi2 - 5 mesi fa

    Il tecnico toscano parla di emergenza, ma oltre a farsi andare bene qualunque vendita, ne chiede sostituti ne rinforzi a centrocampo. Siamo uomini o marescialli?!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Grantoro - 5 mesi fa

    Scuse, sempre scuse, non mi sembra siano entrati fenomeni, Charanoglu fino al momento ha fatto un campionato mediocre, Ibra ha 38 anni e non più il ritmo partita dell serie A ed ha pure sbagliato un gol semplice sottoporta.
    La verità è un’altra, abbiamo bisogno di un paio di innesti a centrocampo e in attacco ma questa società sta solo vendendo giocatori e molto probabilmente non comprerà nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Bischero - 5 mesi fa

    Mancano le alternative o mancano le alternative di qualità? Sono cose ben diverse. Perché ieri avevamo anche diversi infortunati fuori. Anche io vorrei avere una rosa di 25 campioni. Ma non possiamo permettercela per svariati motivi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Scott - 5 mesi fa

    per questo vendiamo tutto il vendibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. pupi - 5 mesi fa

    OT.
    “Dalla Turchia rilanciano Ljaic: affare al momento impossibile, ingaggio troppo elevato”

    In Tuchia si continua a parlare di un interessamento di diversi club italiani, tra i quali l’Udinese, per Adem Ljajic. Il giocatore vorrebbe lasciare il Besiktas ma non al momento nessuna squadra sarebbe disposta a pagare l’elevato ingaggio del fantasista. Per questo motivo, almeno fino a giugno, il serbo sarà costretto a restare a Istanbul.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 5 mesi fa

      Adem guadagna 3.2 milioni netti all anno. Riportarlo in Italia vorrebbe dire al lordo spendere la stessa cifra per 6 mesi. Quante squadre possono permetterselo? Ha fatto una scelta(per altro capibile) ed ora si adatta. O si riduce lo stipendio o sta lì.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. jimmy - 5 mesi fa

    Noi abbiamo a malapena i titolari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. GranaSiempre - 5 mesi fa

    Ibrahimovic, Leao, Calhanoglu e Kessie. Credo basti contro il nostro nulla.
    Comunque mi è piaciuto Mazzarri quando ha messo Millico per Berenguer, visto che stavamo vincendo e in molti avrebbero fatto un cambio più difensivo.
    Invece siamo stati ancora più sbilanciati nonistrante la squadra fosse stanca.
    Anche perchè chissà gli insulti che sarebbero piovuti se avessimo preso gol dopo un cambio di contenimento 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Policano - 5 mesi fa

    Magari se millico giocava prima…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. luna - 5 mesi fa

    Fino a due giorni fa, infortuni ed indisponibilità varie.
    Ora vedremo Falque scorazzare con Parigini in piena forma atleticanel Genoa.
    Bonifazi primeggiare nella Spal e ci manca che Lianco venga ceduto al Galatasaray.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 5 mesi fa

      Quello che ci deve spaventare e’ che siamo cmq a 12 punti dalla zona retrocessione e stiamo aituando due di quelle squadre.

      Il brescia e’ andato, amen. Ma genoa e spal sono ancora vive.

      L’asurdita’ e’ che il cagliari e’ a soli 5 punti, per cui ancora una volta, basterebbe sistemare il centrocampo con un innesto e prendere un vice gallo semi decente per andare in europa senza patemi e contestazioni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FORZA TORO - 5 mesi fa

        sono d’accordo con la prima parte del commento

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Dan - 5 mesi fa

      Bonifazi, ahimé,ha già messo la sua impronta in SPAL-Bologna: è entrato che erano 1-1 ed è finita 1-3…
      Iago, che adoro, leggo che il Genoa sta valutando se tesserarlo, e intanto sta prendendo Iturbe. Mi auguro di cuore di no, ma temo che abbia problemi fisici seri. Da noi prima della sfilza di infortuni giocava sempre. Parigini boh, il Genoa al momento ha tanti giocatori offensivi, ma con il modulo di Nicola ne giocano solo 2. Spero di no per lui, ma temo non avrà grande spazio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. giacki - 5 mesi fa

    Quando Cairo sente parlare di panchina corta …gode…risparmia…Per questo ha già rinnovato mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. prawn - 5 mesi fa

    E’ entrato un trentottenne … Fate voi..

    Bastava o mettere millico a chiuderla, dare un po’ di peso/velocita’ al posto dell’evanescente berenguer o mettere i tre difensori al centrocampo come fatto alla fine ma al 70-80o

    Abbiamo fatto due goals su azioni di bremer che non fara’ mai piu’, un po’ come il goal di peres alla juve

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Madama_granata - 5 mesi fa

    Ma come: a Mazzarri mancano le alrernative??
    Ma se sta facendo vendere mezza squadra, perché lamentava la panchina “troppo lunga”!!
    A Mazzarri è la panchina, la sua di panchina, che dovrebbe mancare!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Policano - 5 mesi fa

      Brava madama, ma vedi quanti avvocati di mazzarri….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gisncarlomareng_13974210 - 5 mesi fa

      Mazzarri è un grande.. Punto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Nero77 - 5 mesi fa

    Che novità!Panchina corta e 8 su 11 titolari giocatori da medio-bassa classifica!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy