Rampanti: “Se sbaglia partita anche Nkoulou… Benedetta sosta per le Nazionali”

Rampanti: “Se sbaglia partita anche Nkoulou… Benedetta sosta per le Nazionali”

Parola al Mister / Torna la rubrica con Serino Rampanti: “Gli unici granata con il rendimento positivo contro il Bologna sono stati quelli che hanno anche ambizioni personali”

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Toro News è felice di riabbracciare nuovamente Serino Rampanti, che dopo un periodo sabbatico torna su queste colonne con la sua rubrica “Parola al Mister”. Ci offre, con la sua consueta lucidità, una disamina di quanto accaduto in Torino-Bologna, match che ha visto i granata scivolare in casa contro i rossoblù di Mihajlovic interrompendo la corsa europea.

Bentornato Serino, cosa è successo contro il Bologna?

E’ successo che la squadra si è fermata fisiologicamente dopo una striscia di risultati utili consecutivi che sono stati raggiunti dopo un notevole dispendio di energie. Un vero e proprio black-out che però resta comprensibile. Episodi così capitano a tutte le squadre. Dispiace che sia arrivato in casa, davanti a quasi 26mila spettatori, questo sì. Proprio sul pubblico granata fatemi aprire una parentesi…”.

Prego. 

“Innanzitutto non mi sono piaciuti i fischi durante la lettura delle formazioni a Mihajlovic e Soriano: so che l’episodio dei like su Instagram ai giocatori bianconeri dopo il derby non è piaciuto ai tifosi, ma credo che bisognerebbe essere superiori. E poi volevo dire che uscendo dallo stadio sono rimasto interdetto quando ho sentito commenti quasi soddisfatti per la sconfitta del Torino. In molti dicono di essere tifosi granata, ma poi per partito preso (perchè magari si è contro il presidente, a favore di questo o quell’allenatore o giocatore) si sconfina nel non-tifo. Chi ama il Torino, quando si perde, esce dallo stadio scornato, come lo ero io”.

Come giudichi le parole di Mazzarri dopo la sconfitta?

“Mi è piaciuto come si è posto, ha detto che una battuta d’arresto ci può stare senza calcare troppo la mano con le critiche in pubblico. Detto questo saprà lui per primo che alcune scelte non hanno pagato. E poi ci sono alcuni giocatori che stanno diventando un dilemma”.

A chi ti riferisci?

“A Zaza ad esempio: Mazzarri sicuramente si sarà pentito di non avere fatto giocare Falque dall’inizio. O a Meité, che mi è sembrato perso nel campo in meandri sconosciuti. Il tecnico ha sostituito Baselli e non lui perchè Daniele era già ammonito, ma sicuramente è come se in campo non ci fosse stato per lunghi tratti del match. Insomma, il tecnico avrebbe potuto fare altre scelte, anche in difesa, visto che con Moretti là dietro nelle ultime partite si era sbagliato ben poco. Chiaro che dico questo con il senno del poi, è sempre più facile parlare dopo che le cose sono successe”.

Chi salveresti nel Toro visto ieri?

Sirigu, Izzo, Ansaldi, Rincon. Sì, anche lui nonostante quel pallone perso sul terzo gol del Bologna, perchè a mio avviso c’era fallo. Tra l’altro vorrei far notare che i migliori, anche in serate così storte, sono giocatori di livello internazionale, che sono già parte delle proprie nazionali o vogliono tornarci: questo, io credo, perchè il loro obiettivo personale di rimanere nelle rispettive selezioni si aggiunge agli obiettivi di squadra. Non salvo invece Belotti: si è divorato nel primo tempo due ghiotte opportunità che hanno pesato molto. Perchè se il Torino fosse andato sul 2-0 non credo che il Bologna l’avrebbe rimontata. Male anche Nkoulou: l’ho visto incerto, una cosa strana per un giocatore del suo livello e della sua continuità. Se sbaglia partita anche lui vuol dire che proprio non è serata”.

Alcuni tifosi se la sono presa con Lyanco per l’esultanza troppo plateale. 

“Non sono d’accordo. Lyanco in questo momento è un giocatore del Bologna, che è pagato dal Bologna e che lotta per il Bologna. Quindi fa bene ad esultare come vuole purchè sia rispettoso, anche se è vero che a giugno tornerà al Torino. Non credo a chi non esulta per rispetto delle ex squadre, perchè vuole solo salvare l’apparenza, ma dentro gode”.

Concludendo questa disamina, va però detto che sarebbe criminoso mollare proprio ora. 

“Assolutamente sì, il Torino deve dimostrare di poter archiviare in fretta questo passo falso. Non si deve perdere fiducia e si deve continuare a credere nel proprio lavoro. Il campionato insegna che tutte le partite sono difficili: guardate la Roma che perde contro la Spal, o l’Atalanta che pareggia contro il Chievo ultimo in classifica in casa. Dunque non c’è da urlare allo scandalo se, dopo averne vinte cinque in casa, il Torino perde col Bologna. La sconfitta deve invece far rimanere tutti con i piedi per terra, questo sì. Serve metabolizzare quanto avvenuto nel modo giusto e pensare a fare punti partita dopo partita. Poi i conti si faranno alla fine”.

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marco-coll_747 - 5 mesi fa

    via i gobbi di merda da questa pagina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. avvopal_14171626 - 5 mesi fa

    Abbiamo visto che non capita solo a noi la giornata storta: Roma che perde a Ferrara, Atalanta che non vince in casa col Chievo..due partite che sulla carta dovevano avere ben altro risultato. Ciò non toglie che la sconfitta di sabato è stata una delusione cocente perchè dovevamo fare di tutto per chiudere questo ciclo eccellente con una vittoria e affrontare la pausa con calma e lucidità ed invece ci toccherà vincere per forza a Firenze, cosa non del tutto scontata. Stavolta però grosse responsabilità a Mazzarri perchè non puoi far giocare Meitè che è inguardabile da un mese, non puoi riproporre Djidji che non gioca da un mese togliendo un Moretti perfetto in questo periodo di vittorie e non puoi insistere su Zaza da 1′ perch+è è chiaro che ormai Zaza una qualche utilità ce l’ha solo se entra a partita in corso. Pensavo sinceramente che dopo questa serie di 7 partite positivie, la squadra fosse maturata definitivamente ma mi sbagliavo…Ora, ottimista sull ‘EL, non lo sono più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. freddy - 5 mesi fa

      Solo che il Chievo contro l’Atalanmta ha fatto 2 tiri, il Bologna invece ha dominato: Due gol di cui un’autorete e una papera del portiere avversario. Oltre al fatto che l’Atalanta ha un gioco, il Toro no. Non mi paiono proprio la stessa cosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. avvopal_14171626 - 5 mesi fa

        Non è affatto la stessa cosa…dico solo che in quel posto non lo prendiamo solo noi e che le giornate storte arrivano per tutti….ribadisco anzi la sfiducia sull’obiettivo che dovremmo avere…quindi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Seagull'59 - 5 mesi fa

    sono abbastanza d’accordo sui commenti di Serino però ho una grande perplessità:
    Sirigu spesso migliore in campo = squadra che non filtra o subisce troppo gli avversari
    Iago che è l’ombra del giocatore che conosciamo
    Baselli che fa 20 passi in dietro e peggiora anziché migliorare (a 27 anni!)
    Belotti che, sebbene di recente sia tornato a segnare, fa più il centrocampista che l’attaccante
    Zaza che sembra diventato un brocco
    Meité che non sa più stare in campo come invece faceva a inizio campionato
    … è tutto merito di Mazzarri, del suo modo di giocare, di come li mette in campo o cosa?
    possibile che si passi dalle stelle alle stalle per i giocatori che invece dovrebbero fare la differenza?
    poi nel calcio Chi vince ha sempre ragione ma questo Toro per me è un grande mistero…
    se poi guardate la classifica se avessimo vinto…
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tarzan - 5 mesi fa

    Bentornato mister Rampanti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Hastasiempre - 5 mesi fa

    Nell’analisi di Serino mancano due cose preponderanti , detto che abbiamo fatto abbastanza schifo (ma se il Gallo non si mangia quel goal a porta vuota , sul 2 a 0 è tutta un’altra partita ) ……….il prode Sansone andava ammonito x le due entrate da demente su Izzo nei primi 20 minuti e non avrebbe così speso il giallo x fermare una nostra ripartenza ad un quarto d’ora dalla fine , ma la cosa + schifosa sono i 2 minuti di recupero nel primo tempo …e i vergognosi 6 del finale di gara……tra var (5 minuti e rotti ), 5 sostituzioni , 2 dico 2 espulsioni e varie perdite di tempo, si poteva tranquillamente andare avanti ancora per 7/8 minuti buoni , magari non cambiava l’esito della gara , ma metteva pressione sul Bologna nettamente in affanno ……qualcosa fa assolutamente fatto !
    Così facendo si falsificano una quantità inverosimile di gare ………ci vuole assolutamente il tempo regolamentare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ALESSANDRO 69 - 5 mesi fa

    Non sempre sono daccordo con Rampanti ma oggi devo dire che a parte su Soriano, i fischi erano più che giustificati, condivido l’analisi integralmente. Anche perché fare un analisi di una partita dove si è sbagliato di tutto è eserczio abbastanza semplice. La cosa importante è archiviare questo episodio e pensare immediatamente alla prossima. D’altra parte è anche difficile pensare di poter affrontare tutte le partite con la medesima tenuta psicologica…Guardate la Juve, è la dimostrazione che anche una super squadra quando cala di concentrazione può perdere da chiunque …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlin - 5 mesi fa

      I gobbi hanno perso perchè non avevano ancora smaltito…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. okami - 5 mesi fa

    riflettevo sule critiche (anche pesanti con insulti)) a Meitè e prima di lui ad altri giocatori del Toro.
    Meitè è un ragazzo di 24/25 anni , come molti suoi compagni e questo mi ha fatto pensare ai figli di miei amici più o meno della stessa eta.
    Ragazzi che sembrano più giovani di quello che sono , che si affacciano alla dura realtà con molta fatica , qualcuno vive ancora coi genitori altri vengono aiutati.
    Cercano a fatica una loro via e maturità , nessuno chiede loro di essere perfetti tutti i giorni e in tutte le occasioni, se sbagliano li si perdona , li si consiglia e li si sprona a fare meglio. Nessuno li insulta . Facciamolo anche con Meitè e con i suoi giovani compagni di squadra .. la nostra squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Il Poeta del Gol - 5 mesi fa

    Calma e sangue freddo. Un conto sono i pareri su Miha, che non ha più nulla a che fare con il Toro, ammesso che ce l’abbia mai avuto. un conto è Lyanco che effettivamente è in prestito, anche se maggiore cautela da parte sua sarebbe stato indice di intelligenza. Ben diverso il caso di Soriano, dipendente del Torino, che festeggia pubblicamente, perché questo sono i social, una sconfitta nel derby ancora negli spogliatoi, perché da lì è partito il like. Nel mondo normale sarebbe stato da licenziamento in tronco per giusta causa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Granat....iere di Sardegna - 5 mesi fa

    Mi ero ripromesso di non commentare più i commenti del Sig. Rampanti ma tutto sommato perché non dovrei farlo? Non ho mai offeso nessuno per cui non ho niente di cui vergognarmi. L analisi è a mio modesto avviso parziale. Così come il Toro, quando ha vinto con squadre teoricamente più forti, lo ha fatto con pieno merito e non per la giornata storta dell avversario, allo stesso modo bisogna dire che il Toro ha perso per i meriti del Bologna. Tutte le statistiche che ci sono state propinate durante la settimana sulla superiorità di Mazzarri su Sinisa sono state spazzate via dal Bologna e, sempre secondo me, alcune scelte di formazione dimostrano che probabilmente anche il mister, forse inconsciamente, ha davvero pensato che con Sinisa non c’era partita. Invece purtroppo, nel caso specifico, si è avuta la prova che il calcio non è una scienza esatta. Le statistiche servono per gli almanacchi ma poi ciò che conta è il campo e la classifica finale. Il campo sabato ha detto che Sinisa ha battuto Mazzarri senza se e senza ma. La classifica per fortuna è ancora soddisfacente. Se ci riprendiamo subito possiamo ancora farcela. Occorre però un bagno di umiltà di tutti e anche del mister. Non si è bravi solo perché lo dicono le statistiche o perché lo sostengono i commentatori e non esistono le partite stregate. In ogni caso non è stata tale quella col Bologna. Più che stregata è stata una partita preparata malissimo. È sicuramente vero che le squadre di sinisa sono portate ad attaccare ma evidentemente anche lui avrà tratto degli insegnamenti dal passato e infatti non mi risulta che col Bologna abbia preso imbarcate colossali. Riprendiamo il cammino con più umiltà e sono sicuro che potremo raggiungere l obiettivo. L unico problema è che passi falsi non ne possiamo più fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giuseppe.casacci_8325069 - 5 mesi fa

      Avevo postato un commento simile, aggiungendo che nell’analisi di Rampanti mancavano considerazioni sulla mancata adozione di contromisure per fermare il 37nne Palacio e mi è stato cancellato, così come mi è stata cancellata la critica alla cancellazione del commento; vergogna.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. luna - 5 mesi fa

    Mazzarri ha provato a disputare una partita in due mosse:primo tempo lasciando sfogare il Bologna per poi cambiare marcia nel secondo tempo per assestare i colpi per i tre punti.
    Purtroppo, il Bologna (come poteva essere facilmente prevedibile conoscendo Miha) ha attaccato in maniera molto più aggressiva di quanto si aspettasse Mazzarri.
    Non siamo riusciti a contenere gli avversari come nelle ultime partite.
    Nel secondo tempo abbiamo imposto il nostro gioco, ma la fortuna questa volta non ci ha aiutato. Una leggerezza di Rincon a centrocampo per il terzo gol.
    Dovevamo sfruttare meglio le occasioni avute. Una volta tanto il var ci ha aiutato ad evitare una sconfitta ben più dolorosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Grande Torino - 5 mesi fa

    Bentornato Mister! Le sue analisi sempre competenti e igarbate ci erano mancate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. granatadellabassa - 5 mesi fa

    Inutile cercare singoli colpevoli. Si è fallito su tutta la linea, è stato un disastro totale. Ora Mazzarri dovrà spiegare a ciascuno dove ha sbagliato e far sì che la squadra riprenda il cammino interrotto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Tor zone - 5 mesi fa

    Il calcio è lo sport più bello del mondo perché non puoi dare mai nulla per scontato.
    Non si possono fare pronostici solo guardando la classifica.
    La componente più importante è lo spirito di squadra e la compattezza di tutto l’ambiente.
    Il toro può raggiungere l’obiettivo se si spinge tutti insieme fino all’ultimo minuto.
    Da questo punto di vista siamo messi meglio delle milanesi e le romane.
    Basta di infangare gli uomini del toro, soprattutto i giocatori che rendono il massimo solo se sentono la fiducia intorno.
    Possiamo e dobbiamo solo tifare e incoraggiare.
    Le critiche servono per migliorare e continuare a costruire.
    Forza toro e torinisti (rampanti)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. michelebrillada@gmail.com - 5 mesi fa

    lo scandalo è il mister porte chiuse al fila non puo far giocare meitè e zaza non capisce nulla la squadra non gioca a calcio non ha schemi ,non ha velocità non ha nulla e il mister deve essere esonerato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 mesi fa

      Mi indichi 4 squadre su 20 che hanno porte aperte sempre ad allenamenti ? Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Simone - 5 mesi fa

    Su Rincon non c’era nessun fallo. Purtroppo ha fatto una cappellata.
    Punto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. robertozanabon_821 - 5 mesi fa

    Buonasera Serino e bentornato!!! Con il solito garbo ha espresso le stesse critiche che sono state mosse, in maniera molto più “colorita” e ironica e a volte anche “rabbiosa”, da molti tifosi del Toro. Scelte di formazione discutibili e giocatori “impalpabili”. Non sono i toni aggressivi che dobbiamo pretendere da una persona educata come Rampanti, ma i “contenuti” che puntualmente vengono analizzati. Proviamo a rileggere l’intervista e scopriremo molto di più di quello che “a prima vista” potrebbe apparire. Grazie Serino e alla prossima!!! FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. gianni - 5 mesi fa

    Secondo me, il problema è che abbiamo (e facciamo giocare) giocatori sopravvalutati
    come Baselli e Falque in ruoli determinanti che corrono poco e molto inclini al passaggio laterale o addirittura al retropassaggio
    come Zaza, senza bisogno di commento alcuno
    Che mettesse Ansaldi a centrocampo e desse più fiducia ai nostri giovani della primavera come Parigini
    Basta con questi strapagati senza fame e ambizioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. patricio.hernandez - 5 mesi fa

    la sconfitta col bologna ci sta’ anche perche il bologna è una signora squadra..pero’ non ci sta prenderne 5 perche solo per un capello gli sono stati tolti i due gol..e non ci sta’nemmeno perdere cosi’ dopo aver fatto pieta’ per lunghi tratti contro chievo e frosinone,meite’ girovagava spaesato perche’ non puo’ fare il rifinitore!!,su zaza sono daccordo anche se vi erano stati segnali positivi e su baselli stenderei un velo pietoso è un giocatore inconcludente senza anima quando lo vedo giocare rimango basito..e siccome bonta’ sua pare abbia un po’ di mercato..io monetizzerei subito quest’estate..azzardato mettere fuori moretti pero’ n’koulou contro attaccanti di movimento va in panne(napoli/parma/fiorentina/bologna)quello che preoccupa è il non gioco a meta’campo dove trovo indispensabile rimetterci ansaldi che ha classe e padronanza..va recuperato iago falque che pare avulso dallo spirito di squadra,i problemi ci sono è che erano mascherati dal mero risultato che pero’ non veniva suffragato dalle prestazioni, fvcg.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy