Ritiro Torino, il bilancio della Bormiese: “Oltre i disagi, siamo soddisfatti”

Ritiro Torino, il bilancio della Bormiese: “Oltre i disagi, siamo soddisfatti”

Approfondimento / Dal lato valtellinese c’è molta soddisfazone per questo ritiro: “Siamo molto contenti, il ritiro è andato molto bene”

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

La nuova stagione del Torino è cominciata a Bormio, per il settimo anno consecutivo, ed è ora di fare bilanci. Non solo per il Torino, ma anche per l’US Bormiese, la società che ha organizzato il ritiro della squadra di Mazzarri. Il soggiorno in Valtellina dei granata di questo 2019 è stato caratterizzato dall’anticipo delle date del ritiro a causa del ritardo del TAS nell’emissione del lodo che escludeva il Milan dalle coppe europee: originariamente il Torino sarebbe dovuto arrivare il 13 luglio, col ripescaggio in Europa League il via al ritiro è invece arrivato il 7 luglio.

La società valtellinese ha voluto palesare il buon lavoro svolto nonostante le difficoltà. “Siamo molto contenti, il ritiro è andato molto bene. Abbiamo cercato come sempre di allestire al meglio sia la struttura che l’ambiente per accogliere tifosi e squadra“. Così ai nostri microfoni Paolo Bazzeghini, presidente della Bormiese Calcio, che ha tenuto a sottolineare l’andamento alquanto positivo del ritiro del Torino, nonostante alcune difficoltà che sono sopraggiunte prima del ritiro. “Per lo spostamento delle date, purtroppo, abbiamo sicuramente avuto molti disagi. Dagli alberghi all’ospitalità, una settimana prima cambia molto. Chiaro che la scelta viene dall’alto, non era del Torino“, ha continuato Bazzeghini. Bormio ha dovuto anticipare tutta l’organizzazione, per permettere ai granata di prepararsi per l’Europa League, ma non è stato un peso eccessivo.

VIDEO – Ritiro di Bormio concluso: il pullman del Torino lascia il centro sportivo

TRA AFFLUENZA E CAMPO – In più, Bazzeghini ha anche commentato il problema legato al terreno di gioco: nel 2018 è stato addirittura necessario rizollare il campo a ritiro in corso, quest’anno le cose sono andate meglio ma i bormiesi sono convinti che ci sia ancora margine di miglioramento. “Siamo intervenuti radicalmente, sia sulla parte dell manto erboso che sulla parte tecnica dell’ irrigazione. Io sono convinto che dobbiamo ancora migliorare, il campo è la parte che ci ha fatto tribolare di più, per il resto ci sentiamo al top. Siamo molto orgogliosi del lavoro svolto.” Ovviamente a questo è stato legato l’argomento dell’affluenza, che rischiava di essere inferiore per il cambio delle date: “Non è il dato che ci interessa di più; anche ieri sera, in riunione, ho ribadito che il ritiro non è un circo, ma la priorità va data al fatto che i calciatori hanno bisogno di un ambiente professionale, devono essere tutelati. L’accordo con il Torino? Va di anno in anno: se il rapporto è quello di 7 anni non vedo perché non fare anche l’ottavo” ha poi concluso Bazzeghini, dimostrando grande apertura sulla possibile continuazione del rapporto tra Bormio e Torino.

Video – Toro, i tifosi da Bormio: “Il gruppo è unito, abbiamo grandi aspettative”

SPECHENHAUSER – Alla chiacchierata si è unito anche Pierluigi Spechenhauser, presidente della Polisportiva Bormiese:  “Lo spostamento delle date? Il bilancio è comunque positivo. Per fortuna del Torino è stato anticipato, perché così possono giocare in Europa. Abbiamo dovuto fare le cose in fretta per gli alberghi e per il campo, ma ci siamo resi conto che abbiamo fatto un buon lavoro“. Proprio sulla questione del terreno si è soffermato anche Spechenhauser: “Il manto erboso penso che il prossimo anno sarà ancora migliore. Quest’anno abbiamo rinnovato l’impianto di irrigazione, abbiamo avuto un po’ di ritardi e siamo arrivati un po’ tirati, soprattutto a causa dell’anticipo delle date. Speriamo il prossimo anno di riuscire a fare ancora meglio“. Sull’onda di questo discorso è stato anche trattato l’argomento del rinnovo del rapporto tra le due società: “Il rapporto tra Toro e Bormio penso che possa continuare, perché loro si trovano bene quanto noi. Il rapporto è ottimo, mi auguro che possa andare avanti. Peraltro, come sapete, la Bormiese fa parte del progetto Torino Academy: i circa 80 bambini delle nostre categorie calcistiche di base, così come gli istruttori, sono assolutamente contenti della collaborazione“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy