Rizzoli spiega: “De Ligt nel derby non era da rigore. Ecco i criteri sui falli di mano”

Rizzoli spiega: “De Ligt nel derby non era da rigore. Ecco i criteri sui falli di mano”

L’incontro / Dagli arbitri un’apertura alla spiegazione pubblica delle decisioni prese in campo

di Redazione Toro News

Correttezza e conoscenza in cambio di trasparenza: è questo uno dei temi principali emerso questa mattina dal confronto tra gli arbitri ed i club di Serie A. Un incontro durato più di due ore, al quale per il Torino hanno partecipato il segretario Vincenzo D’Ambrosio, il team manager Giuseppe Santoro e il collaboratore tecnico-societario Emiliano Moretti: il designatore arbitrale Nicola Rizzoli ha provato a dissipare dubbi e lamentele sul regolamento ed il protocollo Var.

FALLI DI MANO – Tantissimi gli argomenti trattati, tra cui i rigori concessi o non concessi per falli di mano in area. Rizzoli ha definito corretta la decisione di non assegnare il calcio di rigore al Toro per il fallo di De Ligt nel derby. Il designatore ha infatti spiegato i criteri di valutazione: “Prima di tutto sono geometrici: posizione delle braccia e punto di contatto del pallone. Sono criteri oggettivi da analizzare. Poi ci sono criteri dinamici del movimento del giocatore. Se il braccio è lungo il corpo, non è mai punibile. È una zona di non punibilità. In caso le braccia siano sopra le spalle, è fallo. Il criterio geometrico è più forte di quello dinamico”. A conferma di ciò, Rizzoli ha precisato che aveva sbagliato l’arbitro Valeri a concedere rigore al Lecce contro la Juventus, per un fallo di mani simile di De Ligt. Chiamato a giudicare il rigore assegnato al Parma contro il Torino per fallo di mano di Bremer, poi, Rizzoli ha spiegato che “un conto che si protegga la faccia, un altro è se aumenta il volume del corpo e il gomito esce dalla sagoma, quindi giusto assegnare il rigore”. Per ottenere la maggior chiarezza possibile sui criteri per il fallo di mano, il designatore ha mostrato un’immagine dell’Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci.

SPIEGAZIONI – Un’altra novità importante è in cantiere, stando alle parole di Rizzoli, che ha annunciato che con modalità che saranno definite (forse usando il sito web dell’Aia) gli arbitri potrebbero spiegare pubblicamente le decisioni prese in episodi complessi con cadenza settimanale e potrebbero per questo diffondere anche gli audio dei dialoghi fra Var e arbitri. Dalle squadre è arrivata la richiesta di “lezioni a domicilio”, incontri come quelli di oggi in cui gli arbitri spieghino regole e interpretazioni direttamente ai giocatori, un’ipotesi cui gli arbitri hanno mostrato disponibilità.
5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mestregranata - 10 mesi fa

    Rizzoli sei un povero servo. Scomodi perfino dei professionisti ad ascoltare e chiarire un regolamento che nemmeno sai o meglio che non vuoi far sapere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13967438 - 10 mesi fa

    Quindi è da sospendere l’arbitro che giusto la partita dopo, per un identico fallo (ops…)… diciamo “controllo col braccio” in posizione identica (perfettamente naturale a qualche centimetro dal busto), con deviazione del pallone alla medesima distanza (circa 5/6 metri) ha fischiato rigore.
    Ah, no…
    Giusto.
    Ho sbagliato a leggere io la pagina del regolamento… ho letto quella valida il sabato pomeriggio.
    Quella del sabato sera è diversa e dice che non è rigore.
    Poi c’è la regola per il venerdì sera, ma anche quella per il lunedì pomeriggio, il lunedì sera, la domenica a pranzo, la domenica pomeriggio, la domenica tardo pomeriggio e la domenica sera…
    Che regolamento complicato… neanche le norme fiscali sono così stratificate alla rinfusa.
    Un testo unico delle regole del giuoco del pallone lo farete a breve o lascierete in vigore le “mille regole” per la stessa situazione di gioco?
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fb - 10 mesi fa

    Rizzoli fucking bastard

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13734369 - 10 mesi fa

    CG
    Sig.Rizzoli non arrampicarti sui vetri a spiegare
    i rigori non dati con motivi davvero banali
    quello contro gli strisciati era rigore netto e
    basta vergognetvevi
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniele abbiamo perso l'anima - 10 mesi fa

    Non mi stupisce di certo una dichiarazione del genere da Rizzoli: lui è quello che ci negó un gol regolare nel derby, che non espulse Lichsteiner e non ammonì nemmeno Bonucci testa a testa con lui.
    Schifoso prezzolato servo del palazzo e dei maiali gobbi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy