L’assessore Rosso critica l’esperimento della Questura: “Andavano avvisate le famiglie”

L’assessore Rosso critica l’esperimento della Questura: “Andavano avvisate le famiglie”

News / L’assessore ai Diritti della Regione Piemonte interviene sulle dichiarazioni del questore

di Redazione Toro News

Sulla questione legata alla Curva Primavera e sulle dichiarazioni del Questore di Torino Giuseppe De Matteis, è intervenuto oggi Roberto Rosso. Attraverso il suo profilo Instagram, l’Assessore della Regione Piemonte. L’avvocato e onorevole di Casale Monferrato ha criticato la decisione di fare ‘l’esperimento sociale’ e di introdurre nello stesso settore gruppi organizzati della tifoseria avversaria, specificando che sarebbe stato meglio avvertire gli appassionati e le famiglie di quanto era stato deciso di fare.

Un’abbonata in curva Primavera: “Grazie al Questore per averci messi in pericolo”

Qui quanto scritto dall’assessore Rosso:

La curva Primavera del Torino è diventata un “esperimento sociale”. Così il Questore ha spiegato l’ingresso di tifoserie avversarie dentro il settore granata: un esperimento fatto in accordo con la società Torino Fc. Come assessore ai Diritti della Regione Piemonte e sempre con grande rispetto per il difficile lavoro quotidiano della Questura, voglio però far notare la gravità di quanto accaduto. Stando alle parole ufficiali, si è deciso di far entrare tifosi di diverse squadre nello stesso settore, senza avvertire i tanti appassionati che vanno in Primavera pacificamente, con le famiglie, con i figli. Per fare un esperimento. Esperimento che era già andato male nella partita contro il Napoli, quando c’erano stati alcuni parapiglia. Non contenti, sempre senza avvertire, la sperimentazione è proseguita facendo entrare circa 400 tifosi interisti con tanto di aste delle bandiere (poi brandite negli scontri), senza predisporre un adeguato cordone di sicurezza, lasciato in mano a pochi steward comprensibilmente spaventati. Nella città che ha già visto i fatti di piazza San Carlo, con 1672 feriti e due morti, non penso sia davvero il caso di fare esperimenti di questo genere. Quantomeno sarebbe stato necessario avvertire le famiglie, gli abbonati, tutti quelli che insomma vogliono vedersi una partita di pallone senza rischiare botte o peggio, lasciando loro almeno la scelta di restarsene a casa, senza essere inconsapevoli cavie. Credo che questo sia un Diritto da tutelare in via prioritaria, prima di fare qualsiasi esperimento.”

View this post on Instagram

La curva Primavera del Torino è diventata un “esperimento sociale”. Così il Questore ha spiegato l’ingresso di tifoserie avversarie dentro il settore granata: un esperimento fatto in accordo con la società Torino Fc. Come assessore ai Diritti della Regione Piemonte e sempre con grande rispetto per il difficile lavoro quotidiano della Questura, voglio però far notare la gravità di quanto accaduto. Stando alle parole ufficiali, si è deciso di far entrare tifosi di diverse squadre nello stesso settore, senza avvertire i tanti appassionati che vanno in Primavera pacificamente, con le famiglie, con i figli. Per fare un esperimento. Esperimento che era già andato male nella partita contro il Napoli, quando c’erano stati alcuni parapiglia. Non contenti, sempre senza avvertire, la sperimentazione è proseguita facendo entrare circa 400 tifosi interisti con tanto di aste delle bandiere (poi brandite negli scontri), senza predisporre un adeguato cordone di sicurezza, lasciato in mano a pochi steward comprensibilmente spaventati. Nella città che ha già visto i fatti di piazza San Carlo, con 1672 feriti e due morti, non penso sia davvero il caso di fare esperimenti di questo genere. Quantomeno sarebbe stato necessario avvertire le famiglie, gli abbonati, tutti quelli che insomma vogliono vedersi una partita di pallone senza rischiare botte o peggio, lasciando loro almeno la scelta di restarsene a casa, senza essere inconsapevoli cavie. Credo che questo sia un Diritto da tutelare in via prioritaria, prima di fare qualsiasi esperimento. #diritticivili #torofc #stadio

A post shared by Roberto Rosso (@robertorosso_official) on

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tremendista - 8 mesi fa

    un motivo in più per non andare allo stadio…..
    facciamo un’esperimento anche noi…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

      Figurati la maratona è già dentro allo stadio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    Purtroppo siamo in Italia, il fatto che non ci siano stati morti e feriti gravi deporrà a favore della brillante operazione del questore e delle forze di polizia visto che già si è vantato che era tutto sotto controllo, perché l’Italia è così, non ci sono mai responsabilità di nessuno quando c’è il morto, figuriamoci quando il morto non c’è.
    Per quelli che continuano a sostenere l estraneità di Cairo e del Torino calcio, non so se possiamo neanche continuare a chiamarlo così, mi spiegassero per cortesia il motivo del silenzio totale post avvenimenti.
    Non mi sembra che ciò che è accaduto con annessa conferenza stampa di un questore avvenga in ogni stadio la domenica, quindi il silenzio vale più di mille parole.
    Questo è il punto più basso mai toccato, mai vista una cosa così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BACIGALUPO1967 - 8 mesi fa

    Qualche giornalista ha avuto il “coraggio sociale” di chiedere al questore per chi tifa?
    Io un sospetto c’è l’ho…..
    Gobbi PDM

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 8 mesi fa

    Ciò che è successo è grave.
    Una umiliazione per una famiglia che vuole andare a vedere il toro, per la libertà dell’individuo che paga per andare pacificamente a rilassarsi un paio d’ore e, suo malgrado, si vede coinvolta in tutto ciò che è accaduto.
    Ma, era un esperimento.
    Vergognatevi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fedy - 8 mesi fa

    Finirà come sempre a tarallucci e vino, non ci saranno provvedimenti a carico di chi ha voluto sperimentare questa cosa definita esperimento sociale, io la chiamo semplicemente ingordigia da incasso biglietti, visto che le uniche squadre che hanno un seguito massiccio in trasferta sono le strisciate e il Napoli, per il resto lo spicchio del settore ospiti basta e avanza. Cairo prende due piccioni con una fava, incassa dagli interisti e fa strike di dissidenti che in un solo colpo vengono daspati, non considerando però le migliaia di tifosi che hanno abbandonato e quelli che abbandoneranno gli spalti come fa fa il sottoscritto da un pò che si sono in pratica autodaspati perchè da tempo hanno capito quanto sia indegna questa società. L’esperimento sociale vero sarebbe quello di lasciare questo benedetto stadio vuoto ad oltranza poi vediamo come va a finire, vediamo poi se non gli passa la voglia di sparare minchiate in tv e di rimanere al comando per puri interessi personali come fa da anni e anni. Con questa urbano ha chiuso definitivamente. La domenica è bella anche senza stadio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. chatamula203_12178705 - 8 mesi fa

    Io vedo rilevanti ipotesi di reato sia a carico del questore che della società Torino calcio. Per fortuna che non ci è scappato il morto. Mi chiedo poi cosa sarebbe successo in caso di morti o feriti gravi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14003131 - 8 mesi fa

    Ma quale esperimento…. una trappola ben orchestrata per tagliare fuori la dissidenza nei confronti della presidenza. Molto semplice ma chi può pensare diversamente?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. IlGrandePolicano - 8 mesi fa

    Io non mi fermo qui.
    Questa cosa proprio non mi va giù.
    Sto facendo di tutto per arrivare a una interrogazione parlamentare.
    Almeno.
    Saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Paul67 - 8 mesi fa

    Nn c’è stato nessun “esperimento sociale”, continuare a parlarne equivale a dar credito a questa menzogna. È solo un modo per coprire le proprie responsabilità. È successo qualcosa che nn esiste dentro uno stadio, nn deve esistere io nn l’ ho mai vista e le partite che vedo allo stadio sono esclusivamente in curva e di anni ne ho 52. Toglietevi dalla testa sta cagaxa dell’ esperimento sociale, questura, DIGOS ecc, sanno benissimo che sono responsabili e hanno inventato sta storia per pararsi il cuxo, infatti stanno arrivando denuncie, prese di posizione di politici, giornalisti, e forse s’ arriverà ad un ‘i terrogazione parlamentare, si sono affrettati a dare daspo a nastro, indire una conferenza stampa e trovare un colpevole, i TH per tirarsi fuori.Faccio un esempio metti i Napoletani nel settore ospiti, gente pericolosa, ai lati devi creare un cuscinetto vuoto di spalti protetto da celere, il primo nepols che prova a saltare fuori dal settore ospiti prende una randellata che se la ricorda tutta la vita, anche se pieno di coca. È così che dev’ essere, nn è che scavalcano liberamente menano gli steward e arrivano fino alla gente pacifica. Negli stadi funziona così, che piaccia o meno, soprattutto con tifoserie rivali ad alto rischio come Napoletani e strisciati vari ecc. Se dici che hai fatto un esperimento sociale con i Napoletani e interisti sei un irresponsabile, e in male fede, per nn dire altro. Smettetela di credere a questa menzogna, o anche continuare a nominarla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pau - 8 mesi fa

      esatto, lo scrivo più sotto. Il tutto è avvenuto dopo la contestazione. insomma se volevano punire i responsabili della bomba carta dovevano farlo nei modi consoni e non con questo teatrino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paul67 - 8 mesi fa

        Per fortuna che nn c ‘è scappato il morto, ma nn si mette a rischio l’ incolumità delle persone e loro lo hanno fatto, e losanno benissimo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Prawda - 8 mesi fa

    Io credo che sarebbe demenziale solo averlo pensato un esperimento del genere ed invece c’e’ stato chi addirittura l’ha messo in pratica. A parte l’auspicio che qualcuno presente in una o in entrambe le partite in curva primavera, citi davanti ad un giudice la questura ed il Torino, resta una domanda a cui nessuno finora ha risposto: quale e’ stata la ragione che ha portato il Torino e la Questura a mettere in scena questo esperimento folle che e’ consistito nel voler allargare alla curva primavera la presenza di tifosi di altre squadre? Perche’ esiste in ogni stadio un settore ospite, per quale ragione il Torino avrebbe voluto aumentarlo? Su quale logica la Questura avrebbe avvallato questa assurdita’ permettendo che nella stessa curva finissero a contatto gruppi organizzati di opposte tifoserie, senza nessuna presenza per il controllo se non qualche povero steward? Io spero che qualcuno citi in giudizio le parti responsabili di questa castroneria, per sentire le giustificazioni, quale era lo scopo reale, perche’ non posso pensare che la ragione potesse essere vendere da parte del Torino qualche centinaio di tagliandi in piu’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Pau - 8 mesi fa

    Ma quale esperimento?? dai, pensate che le autorità di pubblica sicurezza possano fare “esperimenti sociali” sui cittadini? Pensate che non sappiano prevedere cosa succede se mettono vicino due tifoserie rivali in una curva?? Ma va, lo hanno detto solo perchè non sapevano come giustificarsi. E’ stata una provocazione in cui i TH sono caduti e si è ottenuto quello che cairo sperava, i daspo. con solo 2-3 steward messi lì in mezzo poi….Ma poi vi immaginate cosa sarebbe successo se qualcuno avesse avvisato prima? “sappiate che in curva primavera ci saranno interisti agguerriti, non le solite coppie/famiglie o ragazzi torinesi che tifano inter”. Io trovo tutto vergognoso ed il fatto che siano state date queste motivazioni lo fa sembrare sempre di più una presa per il c… a danno di tutti i tifosi del Toro. Qualcuno faceva notare che ci sono direttive specifiche che tutte le società dovranno seguire per rendere gli stadi sicuri, può essere, e che cairo è solo stato uno dei primi a recepirle, può darsi. Ma i modi sono stati vergognosi e pericolosi perché hanno coinvolto la sicurezza di molti ed allontanato ulteriormente dallo stadio altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. lovelynik - 8 mesi fa

    io fossi nella questura inizierei a pensare che non sara’ un bel natale perche’ prevedo possibilita’ di molte denunce poi si sa in itaglia non c’e’ mai nessun responsabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Paul67 - 8 mesi fa

    Almeno sembra che si muova qualcosa, questa m. nn può finire con 75 daspo a fratelli che stavano difendendo il popolo GRANATA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Mimmo75 - 8 mesi fa

    Io ribadisco che, a mio avviso, il vero problema non è stato l’esperimento e la sua segretezza (segreto di Pulcinella, visto che i responsabili della sicurezza han detto che i TH sapevano e hanno agito per boicottarlo) ma la gestione dello stesso. Perché se decidi di provare a mettere a contatto due tifoserie contrapposte e ti assumi la responsabilità di non avvisare nessuno, devi avere il controllo assoluto della situazione sia in via preventiva che repressiva. Questo è stato il vero problema, secondo me. Vuol dire che la portata dell’esperimento è stata sottovalutata e con essa le possibili conseguenze o non sarebbe successo quel che è successo. Questo è quel che se ne ricava analizzando il tutto a mente fredda. Trovo anche sbagliata la comunicazione dei responsabili della sicurezza che han fatto bene a enfatizzare il blitz e a promettere intransigenza ai violenti (segnale importante) ma contemporaneamente hanno fatto passare la voglia di andare allo stadio a un sacco di gente. Io credo che siano ncessarie ulteriori spiegazioni sul perché l’esperimento è stato tenuto ufficialmente segreto e sul perché segreto alla fine invece non era. Se non si doveva/poteva avvisare, chi ha cantato? E se invece si poteva avvisare, chi e perché ha deciso di non farlo? E infine…non stimo Cairo ma non credo all’ipotesi da alcuni ventilata circa la volontà delle forze dell’ordine di aiutare il presidente a far fuori chi lo critica: certe cose succedono nei regimi autoritari, siamo seri! Trovo però imbarazzante e sprezzante il silenzio della società. Sprezzante verso chi ha vissuto momenti di terrore e che avrebbe dovuto avere almeno un gesto di comprensione se non di scuse (meglio). E delle spiegazioni chiare. Ancora una volta Cairo dimostra invece la più profonda insensibilità verso i tifosi. Credo che il giocattolo si sia definitivamente rotto stavolta perché certi limiti alla decenza non andrebbero mai superati ma il nostro lo ha fatto di slancio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

      Bravo Mimmo,
      Bravo nella misura in cui anche tu riconosci un distacco totale della società verso i tifosi.
      Ribadisco che sono sconcertato dal silenzio attuale, lascio stare il silenzio nelle more dell’esperimento, della cui esistenza ho seri dubbi, perché già la terminologia usata dal questore basterebbe per avere le sue dimissioni, ma adesso? Chi e cosa impedirebbe al Torino calcio di fare un comunicato anche di solidarietà a chi si è trovato in mezzo.
      Poi c’è qualcuno ancora che si scandalizza dell’astio verso Cairo, ce n’è persino poco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paul67 - 8 mesi fa

      Mimmo, come sempre vuoi tenere un piede in due scarpe a volte anche in tre, almeno oggi nella tua supercazzola ci sono meno “se e ma “.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Fabiogoa69 - 8 mesi fa

      bene Mimmo… concordo su tutto tranne il fatto che Cairo non ha voluto fare fuori volutamente una certa frangia di tifoseria.. e mi spiego… uno come lui (scaltro e calcolatore) davvero avrebbe accettato una cosa simile sapendo di correre il rischio di vedere ancora meno allo stadio ? perché alla fine il risultato di questo esperimento fallito è proprio quello di svuotare una curva.. chi, padre di famiglia, porterà ora il figlio in curva ? nessuno o ben pochi.. questo si traduce in minor vendita di biglietti (già scarna di per se per altri motivi).. secondo te cairo non ci ha pensato ? io credo di si.. ma ha comunque preferito far fuori i contestatori.. avito commenti poi sulla mancanza di un comunicato ufficiale da parte della società perché la cosa mi appare davvero paradossale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 8 mesi fa

        Stiamo parlando di due cose differenti, mi pare. Tu parli di “convenienza” da parte di Cairo che avrebbe quindi indirettamente lucrato il risultato del fallito esperimento senza muovere un dito e assecondando (ma non avrebbe potuto fare altrimenti) la Questur. Comportamento miope, nel caso. Perché se prima lo contestavano in 500 ora avrà tutto il tifo contro. E non si tratta solo di minori incassi al botteghino ma di tutto ciò che vuol dire spendere per il Toro. Ma io parlavo d’altro e cioè della fantasiosa e grottesca ipotesi che un potere di uno stato democratico sia a disposizione di un privato e ne assecondi le mosse. Per cosa poi? Per una squadra di calcio? Ma non scherziamo dai!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Héctor Belascoarán - 8 mesi fa

    Penso che sia l’unica volta nella mia vita che sono d’accordo con Roberto Rosso.
    Però è così, sono d’accordo. E’ ora che stampa e politica porgano attenzione su questa vicenda un poco grottesca ma anche tanto inquietante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

      Ahahah,
      Ho pensato la stessa cosa, avrei preferito fosse detto da un altro politico, non è per la parte politica di cui fa parte perché guardo di più alle persone, ma è perché già so che avendola detta lui perderà un po’ di incisività.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Miscoppiailcuoreperte - 8 mesi fa

    Roba da matti. Ma si è mai visto un esperimento senza ricercatori? Esperimenti senza ricercatori vincolati a codici etici non dovrebbero esistere in stati che non siano essi stessi un esperimento sociale.
    Quella del questore è una scusa puerile. Ricorda me quando, beccato a 13 anni a fumare in casa, sostenni che stavo svolgendo un esperimento sulla combustione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. LeoJunior - 8 mesi fa

    io continuo a non capire come sia potuto accadere. ma a quale mente non malata può venire in testa di fare esperimenti (!?!) sociali ad elevato rischio di incolumità. questa è una cosa che va approfondita. Se le cose stessero davvero in questo modo mi chiedo come si possa pensare di non prendere provvedimenti contro chi ha deciso questa follia. Ad insaputa di chi è in curva tu fai entrare dei potenziali facinorosi. Ma mi chiedo: se ci scappava il morto il Questore come si sarebbe giustificato? Esperimento fallito, danni collaterali nella norma. Riproveremo più avanti.
    Ma stiamo scherzando o cosa?!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy