Scudetto del 1927, il Covid ferma la commissione: Toro e Bologna attendono un verdetto

La vicenda / Novantatré anni fa si giocava il derby incriminato: oggi si attende ancora una decisione sull’assegnazione del titolo

di Alberto Giulini, @albigiulini

Ricorre oggi il novantatreesimo anniversario dal derby del 1927, divenuto in seguito famoso per il celebre “caso Allemandi”. I granata, primi in classifica e davanti a Juventus e Bologna, si imposero per 2-1 sui bianconeri ed un mese più tardi si aggiudicarono il primo scudetto della loro storia. Ma il giornalista Renato Ferminelli, nell’estate del 1927, pubblicò una serie di articoli in cui denunciava la commissione di un illecito da parte del club granata.

LA VICENDA – Al centro dello scandalo proprio il derby giocato il 5 giugno di 93 anni fa. Guido Nani, revisore dei conti del Toro, avrebbe infatti pagato il terzino bianconero Luigi Allemandi per favorire i granata in quella gara. Grazie all’intermediazione di uno studente, Francesco Gaudioso, il dirigente avrebbe offerto venticinquemila lire al giocatore, promettendogliene altre diecimila al momento della vittoria dello scudetto. In campo i granata si imposero per 2-1 in rimonta, ma Allemandi risultò comunque uno dei migliori in campo. Un mese più tardi, quando il Toro si laureò campione d’Italia, secondo le ricostruzioni dell’epoca Nani si sarebbe rifiutato di pagare ad Allemandi le restanti diecimila lire.

Spadafora: “Il 12 giugno s’inizia con la Coppa Italia”

IL PROCESSO – La denuncia di Ferminelli portò così all’apertura di un’indagine da parte della Figc, presieduta all’epoca da Leandro Arpinati, gerarca fascista e podestà della città di Bologna. Il processo, caratterizzato da un gran numero di accuse e ritrattazioni, portò alla revoca dello Scudetto, rimasto tuttora non assegnato. Nel tempo si sono dunque susseguite diverse richieste di attribuzione del titolo, tanto da parte dei granata (vittime di un processo sportivo ritenuto irregolare) quanto del Bologna (secondo classificato ma non proclamato vincitore). A riprendere la questione è stato quindi Urbano Cairo, che il 28 aprile del 2017 ha presentato un’istanza alla Figc per ottenere la restituzione dello Scudetto. Non sono mancate nemmeno le pretese del Bologna, che ha chiesto l’assegnazione del titolo nel novembre del 2018.

Torino, anche Celesia chiamato da Longo: il giovane difensore sogna in grande

COMMISSIONE IN CORSO – Ad aprire alle richieste dei due club ci ha pensato il presidente della Figc Gabriele Gravina, che nel corso del Consiglio federale del 30 gennaio 2019 ha proposto l’istituzione di una commissione ad hoc per analizzare tutte le richieste. Il 30 maggio di un anno fa è stato quindi istituito l’organo collegiale, composto da docenti universitari coordinati da Matteo Marani. Si attende dunque una decisione, ma al momento i lavori si sono fermati. L’emergenza coronavirus ha inevitabilmente bloccato tutti i discorsi, destinati comunque a riprendere. Si allungano dunque i tempi, ma Toro e Bologna continuano ad aspettare una decisione…

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christian85 - 6 mesi fa

    Vedo troppo non mi piace..
    Qua’ dentro e’ pieno di infiltrati e spie bianconere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxx72 - 6 mesi fa

    Vergogna! Lo sanno tutti che quello scudetto è stato rubato dai fascisti e fanno ancora le commissioni? Incredibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christian85 - 6 mesi fa

      figurati fratello maxx.. se non dovevano essere piu’ ridicoli ancora di quel che lo sono..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 6 mesi fa

        Il colmo sarebbe lo assegnassero al Bologna dato che nemmeno i fascisti all’epoca osarono tanto. Ma com graby ormai ci si deve aspettare di tutto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. CUORE GRANATA 44 - 6 mesi fa

    Dopo oltre 90 anni,salvo clamorose quanto improbabili sorprese,cos’altro potrà essere riesaminato al di là delle carte processuali?Siamo di fronte ad uno dei tanti “misteri”(penso all’incirca coevo “Bruneri\Canella) della ns. storia giudiziaria.Mah…Mi pare che esistano altri casi “contestati”e forse sarebbe stato più saggio esaminarli globalmente.Il ns. caso poi si caratterizza per la sua precisa connotazione politica:il “gerarca Arpinati” vs.il Conte Enrico Marone di Cinzano che le cronache del tempo non definiscono certo un “camerata”.Altri tempi di certo nella forma ma quanto alla sostanza..I ns. rissosi parlamentari……(dx\sx et similia)Probabilmente quindi “per quieto vivere”la questione”,a mio parere, verrà definitivamente archiviata e la verità(ma cos’è la verità chiese Pilato all’Uomo di Galilea ed Egli non rispose)rimarrà nella tomba assieme ai protagonisti della vicenda.Sempre FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 6 mesi fa

      La commissione esaminerà tutti i casi in sospeso e non solo lo scudetto del ’27.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ddavide69 - 6 mesi fa

    La giustizia in italia fa schifo ed è penosa da qualsiasi punto la su guardi. Tempi, storture, lungaggini, corruzione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. christian85 - 6 mesi fa

    ma sugli almeno 15 scudetti rubati della Juve invece non se parla proprio eh ?
    Certo, importantissimo invece dopo oltre 90 anni risolvere questo problemone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pikabu - 6 mesi fa

    In fondo sono passati solo 93 anni, mese più mese meno…e chissà quale potrà mai essere l’esito visto che la commissione l’ha istituita Gravina. Sicuramente una garanzia….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granata - 6 mesi fa

    Avete scritto “…Nani si sarebbe rifiutato di pagare ad Allemandi i restanti diecimila euro. “

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy