Serie A, le possibili date della ripartenza: 2, 9 o 16 maggio

Campionato / La Gazzetta dello Sport riporta tra le sue pagine alcune opzioni con le date per la possibile ripresa del campionato

di Luca Sardo

Quando ripartirà il campionato? È la domanda che tutti si fanno da quando il governo italiano ha stoppato tutte le attività sportive sino al 3 aprile. È però diventato chiaro, anche per i casi di positività emersi tra i calciatori di Serie A, che è impossibile ricominciare così presto. Ieri 55 federazioni, e leghe, club, calciatori, UEFA si sono riuniti in videoconferenza, con Nyon fulcro centrale, per decidere il comportamento da adottare durante questa emergenza. Nel primo pomeriggio è arrivata poi l’ufficialità direttamente dal sito della UEFA: Europei rinviati di un anno. Dunque si svolgeranno nel 2021 dall’11 giugno all’11 luglio. In base a questa decisione come si comporterà la Lega Serie A? La volontà dei club, espressa nuovamente nella riunione UEFA di ieri, è quella di giocare tutte le partite che restano, tra Serie A (12 giornate da calendario, 13 per chi ha un turno in più da recuperare come il Torino) e Coppa Italia, con i due ritorni delle semifinali e la finale.

Torino, l’agente di Ansaldi: “Cristian vuole rinnovare”

LE DATE – Secondo la Gazzetta dello Sport, le date della possibile ripartenza sono cerchiate a maggio, con tre diverse opzioni: 2 maggio, ipotesi oggi ottimistica, 9 maggio e 16 maggio. La prima permetterebbe di concludere il campionato il 28 giugno; le altre due avrebbero bisogno di sforare a luglio, di una o due settimane e in tal caso andrebbe richiesta una proroga per i contratti dei calciatori e allenatori in scadenza a giugno (che nel Torino ora come ora riguarderebbero De Silvestri, Ansaldi – entrambi però verso il rinnovo -, Ujkani e l’allenatore Longo). La UEFA però tende a scoraggiare questa soluzione perché si scontrerebbe con l’inizio della stagione successiva. Vista e considerata la situazione attuale però, la Lega Serie A ritene al momento impossibile riprendere il campionato i primi di aprile. Dunque per ora si naviga a vista: in base a come si evolverà la situazione coronavirus in Italia, si prenderà poi una decisione di conseguenza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy