Tommasi, l’arbitro dal rosso facile

Dino Tommasi della sezione di Bassano del Grappa. Sarà lui a dirigere la gara in programma sabato pomeriggio allo stadio “Franco Ossola” tra Varese e Torino. Per lui cinque precedenti con la formazione granata e un bilancio tutt’altro che positivo. Una sola vittoria, ottenuta lo scorso campionato contro il Frosinone, due pareggi (Crotone, quest’anno, e Piacenza nella stagione 2009/2010)…

di Redazione Toro News

Dino Tommasi della sezione di Bassano del Grappa. Sarà lui a dirigere la gara in programma sabato pomeriggio allo stadio “Franco Ossola” tra Varese e Torino. Per lui cinque precedenti con la formazione granata e un bilancio tutt’altro che positivo. Una sola vittoria, ottenuta lo scorso campionato contro il Frosinone, due pareggi (Crotone, quest’anno, e Piacenza nella stagione 2009/2010) e altrettante sconfitte: ancora Crotone, ma l’anno scorso, quando il tecnico era Franco Lerda, in quella famosa gara caratterizzata dai colossali errori di Zoboli e Calderoni, che costò la panchina a Colantuono. La seconda sconfitta risale, invece, a quest’anno, al cospetto dell’Atalanta, che ha rappresentato la rivincita dello stesso Colantuono.

In casa granata l’unico soddisfatto della designazione di Tommasi è Bianchi, che con lui ha messo a segno cinque reti in quattro match. Nessun precedente, invece, con il Varese. In questa stagione il fischietto veneto ha già arbitrato nove volte in cadetteria, con un bilancio di tre segni “1”, quattro “x” e due vittorie esterne.

Le statistiche relative alla stagione in corso ci dicono poi che si tratta di un direttore di gara che non ha paura ad assegnare rigori e mostrare i cartellini. In nove gare ha sancito sei tiri dal dischetto ed estratto il cartellino rosso in ben cinque circostanze. Mentre in serie A, sempre guardando alla stagione in corso, in due direzioni ha concesso altrettanti rigori ed espulso tre giocatori.

(nella foto, M. Dreosti, l’espulsione di Sgrigna a Bergamo)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy