Torino, Baselli in crescita: ora c’è curiosità di vederlo con Mandragora

Focus on / Cresce il minutaggio a disposizione del centrocampista, che anche contro il Genoa potrebbe essere impiegato a gara in corso da Nicola

di Nicolò Muggianu

Obiettivo tornare titolare. Daniele Baselli continua a lavorare: dopo aver ormai definitivamente smaltito l’infortunio al ginocchio che lo ha tenuto lontano dai campi per oltre un anno, il centrocampista bresciano è alla ricerca della continuità e del ritmo partita. Nelle ultime tre apparizioni contro Benevento, Fiorentina e Atalanta, il numero 8 del Torino ha infatti disputato tre buoni spezzoni di partita per un totale di 72′ giocati complessivamente.

Baselli

BASELLI – Tre spezzoni di gara in cui Baselli ha aiutato i compagni a completare le rimonte che hanno caratterizzato le ultime uscite del Torino di Nicola. Non entrando a referto in termini di gol o assist, certo, ma pur sempre dando un apporto importante ai compagni in termini di personalità e qualità nel cuore della manovra. Forse non è una coincidenza se i suoi ingressi in campo sono sempre coincisi con le rimonte della squadra granata. Davide Nicola ha subito dato prova di ritenere molto importante la presenza in campo dell’ex Atalanta, che in queste settimane sta lavorando sulla resistenza e sulla brillantezza con l’obiettivo di tornare al più presto a giocare anche dal primo minuto.

BENEVENTO, ITALY – JANUARY 22: Simone Zaza of Torino celerbates scoring the 2nd Torino goal with Daniele Baselli of Torino during the Serie A match between Benevento Calcio and Torino FC at Stadio Ciro Vigorito on January 22, 2021 in Benevento, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

VERSO IL GENOA – C’è curiosità, in questo senso, di capire quando il classe 1992 sarà rilanciato dal primo minuto da Davide Nicola che comunque – salvo sorprese dell’ultimo minuto – anche contro il Genoa dovrebbe concedergli spazio a partita in corso. Uno spezzone di gara magari più cospicuo in termini di minuti giocati rispetto ai 35′ avuti a disposizione contro l’Atalanta. Ciò che è certo intanto è che il girone di ritorno è ancora lungo e certamente il Torino avrà bisogno del miglior Baselli al più presto: un giocatore di qualità ed esperienza, che già in passato ha dimostrato di saper essere importante per il centrocampo granata. E che in coppia con un giocatore di qualità con Mandragora può cambiare il volto della mediana del Torino.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxx72 - 3 settimane fa

    Baselli si infortuna gravemente = iniziano i nostri guai. Fate voi, più chiaro di così….poi come ho letto se lo si vuole giudicare dalla faccia allora mi arrendo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. OldBull - 3 settimane fa

    Baselli è un giocatore per veri intenditori, per i Gourmet del calcio, per i Sommelier del pallone.
    Baselli è un giocatore che piace a quelli che amano i geometri del centrocampo, i fini pensatori della mediana, i direttori d’orchestra del pallone.
    Baselli piace a quelli che amano i giocatori che fanno legna a centrocampo, i portatori d’acqua.
    Io invece sono una mente semplice, per me giocare a calcio vuol dire correre più veloce degli altri, saper fare una stop, saper fare un lancio con precisione almeno di venti metri, avere un fisico ma soprattutto una mente da combattente che ti permetta di resistere al contatto fisico, avere un tiro potente ma, dote indispensabile, averci carattere, grinta per non arrendersi MAI!
    Non tutti ovviamente possiedono tutte queste doti insieme, quelli sono i grandi campioni, Baselli invece è uno che sembra averne almeno qualcuna, sembra sempre sul punto di esplodere, però il problema è che gli manca la miccia e per questo non scoppia mai.
    Almeno Rincon, il più fulgido esempio di piede storto, rimesso al suo posto naturale contro l’Atalanta è rifiorito, rinato sfoderando una prestazione davvero inaspettata, Baselli mettilo dove ti pare ma rimane sempre lui, non cambia mai, lo vedi corricchiare con lo sguardo da depresso cronico quasi sempre inconcludente. C’aveva ragione Miha quando diceva che era l’unico bergamasco senza palle…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 3 settimane fa

      per me invece Baselli soffre tanto il contesto, se vedi le sue statistiche è uno dei giocatori della cairese che corre di più e meglio, non leva mai la gamba, vince tanti contrasti e sbaglia pochi passaggi;
      purtroppo per noi e per lui i suoi compagni di reparto sono molto scarsi, soprattutto nel proporsi senza palla e lui che è molto da dai e vai è molto penalizzato; vorrei anche l’opinione di @granata su baselli
      CAIRO VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 3 settimane fa

        Ciao @suola, Baselli ? Solo chi non lo conosce lo definisce “molle” o peggio “senza palle”. È invece uno dei più duri del gruppo. Ha grandi doti di forza resistente ed è, muscolarmente, un fascio di nervi. L’espressione facciale non la commento, lo lascio fare ai lettori di novella2000. Il problema caratteriale di Baselli è che deve imparare bene quando essere cattivo ed in che misura. È il classico giocatore che non si vede ma se manca ci si accorge della sua assenza. Ragazzo serio, si impegna molto e quando prende confidenza è un giocherellone. Può giocare bene in tutti i ruoli del centrocampo ma escluderei impieghi in fascia. Io personalmente,in squadra, ne vorrei 9/10 come lui, anche se avessero la mimica facciale di Benny Hill.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. suoladicane - 3 settimane fa

          @granata, ciao
          la penso come te, avercene!
          CAIRO VATTENE

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. maxx72 - 3 settimane fa

          La mimica di Benny Hill, questa si che è buona…Ahahah.
          Grande Granata.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata - 3 settimane fa

            I tronisti hanno una mimica ?
            😉

            Mi piace Non mi piace
        3. Il Giaguaro - 3 settimane fa

          @granata @suola non ho mai capito la idiosincrasia di molti tifosi verso Baselli. Purtroppo nell’era Cairo il centrocampo è un settore dimenticato, ed il povero Daniele ha cantato e portato la croce per anni nel deserto. Io lo trovo un giocatore da giro Nazionale (magari non titolare, ma uno dei rincalzi sì). Purtroppo per lui, ha speso buona parte della carriera nella squadra peggiore per far emergere le doti di un centrocampista

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tommydado - 3 settimane fa

    Anche Linetty sembrerebbe un errore del maestro speriamo possa tornare a giocare come pre toro perché mi sa che se continua così il campo non lo vede più… adesso con mandragora baselli rincon lukic titolari e verdi ansaldi pronti ad entrare di spazi non ne vedo molti per lui se poi non ricomincia a giocare….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. stanislaobozzi - 3 settimane fa

      in un girone non ha dimostrato niente giusto che sia stato messo in panchina.
      mi sto chiedendo come mai la samp senza murru, linetty e bonazzoli non abbia problemi…
      forse non erano giocatori fondamentali e noi come sempre pronti a riciclare gli scarti degli altri cosa peraltro già successa con il palermo di zamparini

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toroperduto - 3 settimane fa

        Be’ questo non fa altro che confermare che ci sono degli equilibri di squadra che vanno oltre i giocatori, la Samp ha fatto risultato con linetty e senza linetty questo vuol dire che avevano un impianto di gioco e degli equilibri che sono quelli che contano.
        Infatti mi fa ridere quando sento dire che ci salveremo perché abbiamo gli uomini per salvarci, non è quello il punto il punto è che una squadra deve essere una squadra e questa è lontana anni luce dall esserlo.
        Lo stesso Meite non è una pippa ma necessita di un altro contesto tecnico tattico.
        C’è da sperare che Nicola riesca a toccare quei tasti giusti da rendere questa cozzaglia in qualcosa di simile ad una squadra.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tommydado - 3 settimane fa

          Be’ dai anche avere giocatori buoni ha il suo peso e noi come rosa giocatori non dovremmo essere quartultimi… e qui entra in gioco il fattore squadra che prima di nicola non c’era però anche nicola ha il compito agevolato perché le qualità ci sono e con mandragora e sanabria e il rientro di baselli non voglio illudermi di aver una grande squadra ma sicuramente come valori siamo ampliamente da salvezza….basta guardare Genova samp o bologna spezia Benevento ma lo stesso verona sassuolo voglio dire non penso siano meglio di noi a livello di giocatori io non penso siano un accozzaglia mi sembra che il livello sia da mediaclassifica da come la vedo io

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Toroperduto - 3 settimane fa

            Si ma era per dire che linetty non è così scarso come sembra nel Toro.

            Mi piace Non mi piace
      2. iugen - 3 settimane fa

        Dal Palermo di Zamparini abbiamo preso Glik, Darmian e Belotti. Fossero tutti così gli scarti, firmerei per riciclarne anche tanti altri

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. NEss - 3 settimane fa

          Prima di Ventura, pero’, sono passati Barone, Pisano, Diana …

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy